Tipress
La mozione di Abate non è piaciuta alla Berna federale.
SVIZZERA / CANTONE
23.08.18 - 11:460
Aggiornamento : 13:10

Lavoratori esteri distaccati in Ticino: «Nessun obbligo di salario minimo»

Il Consiglio federale ha consigliato di respingere la mozione di Fabio Abate che chiedeva di completare la legge federale tenendo conto dell'iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino»

BERNA - Le aziende estere che distaccano lavoratori in Ticino non saranno obbligate a rispettare i salari minimi proposti dal Consiglio di stato, e non ancora entrati in vigore, in applicazione dell'iniziativa popolare "Salviamo il lavoro in Ticino!", approvata il 14 giugno 2015. È quanto si deduce dalla risposta del Consiglio federale a una mozione del Consigliere agli Stati Fabio Abate (PLR/TI), mozione che l'esecutivo federale raccomanda di respingere.

Col suo atto parlamentare, il "senatore" ticinese - che si non ripresenterà alle elezioni del 2019 dopo vent'anni - chiedeva se non fosse il caso di completare la Legge federale sui lavoratori distaccati (LDist), prevedendo anche il rispetto dei salari minimi adottati a livello cantonale.

Attualmente, infatti, l'articolo 2 della normativa prevede che il datore di lavoro debba garantire «ai lavoratori distaccati almeno le condizioni lavorative e salariali prescritte nelle leggi federali, nelle ordinanze del Consiglio federale, in contratti collettivi di obbligatorietà generale e in contratti normali di lavoro...».

Per Abate è chiaro: «Qualora la legge d'applicazione ticinese dovesse entrare in vigore, «sarà fondamentale - tenuto conto della particolare situazione del mercato del lavoro del Cantone Ticino - poter rendere obbligatorio il rispetto di questi salari anche da parte delle ditte estere che distaccano lavoratori in Ticino (prestatori transfrontalieri di servizio)».

Stando al consigliere agli Stati PLR, la questione ha un respinto nazionale, e non riguarda solo il Ticino. Altri Cantoni, infatti, sono in procinto di adottare legislazioni analoghe.

Nella sua risposta il Consiglio federale ricorda l'importanza e l'efficacia delle misure collaterali volte a proteggere i lavoratori, sia a livello di condizioni di lavoro che di salari.

Tuttavia, diversamente dalle misure collaterali, l'introduzione di salari minimi da parte dei Cantoni serve a lottare contro la povertà. In base a una sentenza del Tribunale federale, il salario minimo è conforme al principio di libertà economica sancito dalla Costituzione e al diritto federale soltanto in quanto misura di politica sociale. L'inserimento nella LDist di una disposizione relativa ai minimi salariali, scrive il governo, sarebbe inoltre in contraddizione con il campo d'applicazione delle leggi cantonali.

Oltre a ciò, secondo il messaggio del Consiglio di Stato ticinese concernente la nuova legge sul salario minimo, «alla legge sono sottoposti tutti i rapporti di lavoro che si svolgono abitualmente in Ticino. (...) Sono pertanto esclusi i rapporti di lavoro che si svolgono solo in modo occasionale nel Cantone Ticino».

In linea di principio, dunque, i lavoratori distaccati non rientrano nel campo d'applicazione di questa legge cantonale. Una norma simile figura anche nei testi legislativi del Cantone di Neuchâtel.

Un ampliamento del campo d'applicazione delle leggi cantonali sui salari minimi mediante la modifica della LDist, per includervi anche i lavoratori distaccati, esula dalle competenze della Confederazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mat78 2 anni fa su tio
Che schifo...non c'è limite al peggio. Disdire bilaterali, altro che accordo quadro, 7 pagliacci!
F/A-18 2 anni fa su tio
Le frontiere sono aperte, l'Europa è grande e la piccola Svizzera verrà mangiata e digerita in poco tempo. Sempre più convinto che l'ora per le valige è sempre più vicina, un bel dolce far niente in riva al mare può senz'altro rientrare quale ottima alternativa.
Equalizer 2 anni fa su tio
Ennesima dimostrazione dell'incapacità di Berna di capire cosa è l'Italia.
vulpus 2 anni fa su tio
@Equalizer Ennesima dimostrazione che Berna non sa e non vuole difendere i cittadini sul proprio territorio.Inutile che vengano a sbavare in Ticino , con tanza comprensione e paternalismi, se poi alla prova dei fatti se ne fregano con scuse allucinanti. Stà ora ai politici ticinesi convincere i colleghi della bontà dell'iniziativa di Abate
volabas 2 anni fa su tio
non c'è limite al peggio, un consiglio federale da brividi
roma 2 anni fa su tio
...nausea
BP69 2 anni fa su tio
Bella politica. Niente salari minimi, e avanti così con la concorrenza sleale. Sempre più ditte ticinesi chiuderanno , e Berna se ne lava le mani. SCHIFO!!!!!!!!
Nicklugano 2 anni fa su tio
@BP69 Infatti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Scegliamo con chi avere contatti stretti»
Oggi nel nostro cantone sono stati segnalati altri 255 casi. Negli ospedali sono ricoverate 35 persone
CANTONE
1 ora
Ambrì-Losanna: processo rimandato a data da definire
Doveva tenersi domani, ma non avrà luogo. «La farsa continua», commenta la Gioventù Biancoblu
CANTONE
1 ora
Trafficanti di marijuana in manette
Si tratta di un 57enne e un 30enne. In uno stabile in Riviera sono stati trovati stupefacenti e una coltivazione indoor
CANTONE
3 ore
In Ticino raddoppiano i contagi, 255 in un giorno
Il bollettino del medico segna un aumento notevole. I dati aggiornati sulle ultime 24 ore
CONFINE
4 ore
A tutto gas sulla Pedemontana con un sacco di soldi in auto
La somma era destinata all'acquisto di sigarette di contrabbando in Svizzera. L'uomo è stato denunciato per riciclaggio
MENDRISIO
6 ore
A Mendrisio si cercano fuoriclasse dei videogiochi
Fog eSports Team, con sede in Via Penate è una grande novità a livello cantonale: «Qui ci sono le risorse per riuscire»
CANTONE
6 ore
La migrazione delle lucciole
Chiusi i locali erotici l'attività sta migrando negli appartamenti autorizzati, ma anche in quelli fuori controllo
CANTONE
16 ore
«Sei anni che vivo ad Airolo, ma non mi rinnovano il permesso»
Il racconto di uno dei lavoratori a cui è stato negato il rinnovo del "patentino" LAPIS.
CANTONE
17 ore
Prostituzione in hotel o a domicilio: «Non è illegale»
Una sentenza ha assolto due escort accusate di esercizio illecito della prostituzione.
CONFINE
20 ore
Scontro in galleria, quattro i feriti di cui uno grave
All'origine dell'incidente forse un sorpasso.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile