Tipress
La mozione di Abate non è piaciuta alla Berna federale.
SVIZZERA / CANTONE
23.08.18 - 11:460
Aggiornamento : 13:10

Lavoratori esteri distaccati in Ticino: «Nessun obbligo di salario minimo»

Il Consiglio federale ha consigliato di respingere la mozione di Fabio Abate che chiedeva di completare la legge federale tenendo conto dell'iniziativa "Salviamo il lavoro in Ticino»

BERNA - Le aziende estere che distaccano lavoratori in Ticino non saranno obbligate a rispettare i salari minimi proposti dal Consiglio di stato, e non ancora entrati in vigore, in applicazione dell'iniziativa popolare "Salviamo il lavoro in Ticino!", approvata il 14 giugno 2015. È quanto si deduce dalla risposta del Consiglio federale a una mozione del Consigliere agli Stati Fabio Abate (PLR/TI), mozione che l'esecutivo federale raccomanda di respingere.

Col suo atto parlamentare, il "senatore" ticinese - che si non ripresenterà alle elezioni del 2019 dopo vent'anni - chiedeva se non fosse il caso di completare la Legge federale sui lavoratori distaccati (LDist), prevedendo anche il rispetto dei salari minimi adottati a livello cantonale.

Attualmente, infatti, l'articolo 2 della normativa prevede che il datore di lavoro debba garantire «ai lavoratori distaccati almeno le condizioni lavorative e salariali prescritte nelle leggi federali, nelle ordinanze del Consiglio federale, in contratti collettivi di obbligatorietà generale e in contratti normali di lavoro...».

Per Abate è chiaro: «Qualora la legge d'applicazione ticinese dovesse entrare in vigore, «sarà fondamentale - tenuto conto della particolare situazione del mercato del lavoro del Cantone Ticino - poter rendere obbligatorio il rispetto di questi salari anche da parte delle ditte estere che distaccano lavoratori in Ticino (prestatori transfrontalieri di servizio)».

Stando al consigliere agli Stati PLR, la questione ha un respinto nazionale, e non riguarda solo il Ticino. Altri Cantoni, infatti, sono in procinto di adottare legislazioni analoghe.

Nella sua risposta il Consiglio federale ricorda l'importanza e l'efficacia delle misure collaterali volte a proteggere i lavoratori, sia a livello di condizioni di lavoro che di salari.

Tuttavia, diversamente dalle misure collaterali, l'introduzione di salari minimi da parte dei Cantoni serve a lottare contro la povertà. In base a una sentenza del Tribunale federale, il salario minimo è conforme al principio di libertà economica sancito dalla Costituzione e al diritto federale soltanto in quanto misura di politica sociale. L'inserimento nella LDist di una disposizione relativa ai minimi salariali, scrive il governo, sarebbe inoltre in contraddizione con il campo d'applicazione delle leggi cantonali.

Oltre a ciò, secondo il messaggio del Consiglio di Stato ticinese concernente la nuova legge sul salario minimo, «alla legge sono sottoposti tutti i rapporti di lavoro che si svolgono abitualmente in Ticino. (...) Sono pertanto esclusi i rapporti di lavoro che si svolgono solo in modo occasionale nel Cantone Ticino».

In linea di principio, dunque, i lavoratori distaccati non rientrano nel campo d'applicazione di questa legge cantonale. Una norma simile figura anche nei testi legislativi del Cantone di Neuchâtel.

Un ampliamento del campo d'applicazione delle leggi cantonali sui salari minimi mediante la modifica della LDist, per includervi anche i lavoratori distaccati, esula dalle competenze della Confederazione.

Commenti
 
Mat78 10 mesi fa su tio
Che schifo...non c'è limite al peggio. Disdire bilaterali, altro che accordo quadro, 7 pagliacci!
F/A-18 10 mesi fa su tio
Le frontiere sono aperte, l'Europa è grande e la piccola Svizzera verrà mangiata e digerita in poco tempo. Sempre più convinto che l'ora per le valige è sempre più vicina, un bel dolce far niente in riva al mare può senz'altro rientrare quale ottima alternativa.
Equalizer 10 mesi fa su tio
Ennesima dimostrazione dell'incapacità di Berna di capire cosa è l'Italia.
vulpus 10 mesi fa su tio
@Equalizer Ennesima dimostrazione che Berna non sa e non vuole difendere i cittadini sul proprio territorio.Inutile che vengano a sbavare in Ticino , con tanza comprensione e paternalismi, se poi alla prova dei fatti se ne fregano con scuse allucinanti. Stà ora ai politici ticinesi convincere i colleghi della bontà dell'iniziativa di Abate
volabas 10 mesi fa su tio
non c'è limite al peggio, un consiglio federale da brividi
roma 10 mesi fa su tio
...nausea
BP69 10 mesi fa su tio
Bella politica. Niente salari minimi, e avanti così con la concorrenza sleale. Sempre più ditte ticinesi chiuderanno , e Berna se ne lava le mani. SCHIFO!!!!!!!!
Nicklugano 10 mesi fa su tio
@BP69 Infatti
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
BEDRETTO
3 ore

Il Passo della Novena è di nuovo aperto

Fine della chiusura invernale per la strada che collega il nord del Ticino (Val Bedretto) e l'alto Vallese (Valle di Goms)

CANTONE / ARGENTINA
15 ore

Blackout in Argentina, ma non a... Ticino

L'interruzione di corrente nazionale non ha toccato la comunità nella provincia di Córdoba, villaggio fondato da due svizzeri nel 1911

BELLINZONA / BIASCA
20 ore

Rissa sul treno e volano bottiglie: «Abbiamo avuto paura»

La polizia conferma il ferimento di una persona sul treno tra Bellinzona e Biasca. Le indagini sono in corso per far luce sull'accaduto

CANTONE
21 ore

Addio ad Antonio Snider

L’avvocato locarnese è stato stroncato nella notte da un male incurabile. Aveva 96 anni

CANTONE
23 ore

Finanze cantonali in nero, il preconsuntivo fa ben sperare

Dal Consuntivo 2019 potrebbe risultare un avanzo di 73.3 milioni di franchi. Incidono (anche) i 9.6 milioni di franchi di restituzione da parte di AutoPostale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report