CANTONE
26.07.18 - 09:480

Collegamento A2-A13, i Verdi «si tappano il naso»

Per il partito si tratta della variante meno invasiva. Nonostante ciò, invece di rendere più attrattiva la strada bisognerebbe puntare maggiormente sui mezzi pubblici

BELLINZONA - I Verdi del Ticino hanno deciso di sottoscrivere «turandosi il naso» il compromesso politico da cui è scaturita la variante di collegamento veloce A2-A13 messa in consultazione. Questa variante è ritenuta la meno invasiva per quanto concerne la conservazione del Piano di Magadino e permette di salvaguardare enormi superfici di terreno agricolo.

Mancano coraggio e visione - Nonostante ciò, per i Verdi i cambiamenti verso una mobilità sostenibile sono pochi e spesso avanzano «a ritmo di tartaruga», se confrontati ad altre parti della Svizzera: «Purtroppo in Ticino non si vuole cambiare paradigma e si continua a considerare l’automobile come la soluzione prioritaria per assicurare il trasporto individuale».

In un’ottica di mobilità sostenibile dal punto di vista ambientale e in un contesto di mutamenti climatici invece di rendere il collegamento stradale più attrattivo e veloce, puntando ancora principalmente sull’automobile, per i Verdi «sarebbe stato più saggio puntare esclusivamente sul trasferimento degli spostamenti sul mezzo pubblico, anche per sfruttare al meglio i notevoli vantaggi della realizzazione del tunnel AlpTransit del Ceneri».

Ridurre la velocità nei tracciati attuali - Nonostante la deludente mancanza di visione I Verdi del Ticino rimangono comunque fedeli al compromesso politico elaborato (variante 6A), ma chiedono che le «pesanti» esternalità del nuovo collegamento veloce vengano almeno in parte compensate grazie ad un declassamento più incisivo degli attuali tracciati, quello sulla sponda sinistra e in parte quello sulla sponda destra limitando la velocità a 50 km/h e all’interno dei nuclei a 30km/h.

Inoltre i piani di agglomerato del Locarnese e del Bellinzonese, come già sostenuto dal Verdi nell’ambito del piano di risanamento dell’aria, dovranno essere «forzatamente più ambiziosi nel potenziare i trasporti pubblici, nella riduzione dei parcheggi e nella moderazione del traffico». «Altrimenti il caos viario ora sul piano verrà solamente spostato nelle aree urbane già ampiamente congestionate nelle ore di punta», conclude il partito.

 


I Verdi del Ticino ritengono infine che la totalità del terreno agricolo sacrificato per la realizzazione del progetto vadano compensati in maniera integrale come previsto dalla legislazione federale. Inoltre l’occasione dev’essere colta per eliminare le situazioni illegali non conformi alla zona agricola attualmente presenti sul Piano di Magadino e finora tollerate in maniera completamente ingiustificata sia da parte del Cantone che alcuni comuni (vedi ad esempio la situazione della Compodino).

Commenti
 
beta 1 anno fa su tio
I verdi ? Bisognerebbe solo cancellarli ! Quando c'é da fare qualche cosa per evitare il traffico, loro dormivano e se non dormivano erano latitanti . Esempio , uno dei tanti , che avrebbe tolto traffico, la Bellinzona Mesocco . L'ultimo tratto smantellato in fretta e furia come dei ladri .
WGWG 1 anno fa su tio
Per i mostruosi inutili capannoni cresciuti come funghi e aime alcuni già disabitati non deturpavano il piano di magadino e non derubavano terreni all agricoltura ! Basta osservare il piano di magadino dal monte ceneri per vedere che scempio di costruzioni. Ma in quel caso nessuno ha aperto bocca. Intanto attraversiamo ad inquinare gli abitati con code interminabili di autovetture e mostruosi autocarri. Ed il collegamento A2A13 lo vedremo quando sarà inutile. Possiamo ringraziate tanti personaggi fiabeschi.
pontsort 1 anno fa su tio
@WGWG Mi pare che i verdi si sono sempre opposti a nuovi capannoni. Ma sembra sia piu facile dirgli di star zitti ogni volta e poi dire che non hanno detto niente...
albertolupo 1 anno fa su tio
il terreno agricolo sacrificato, lo compenseremo realmente a Castione… ghe pensan le FFS...
miba 1 anno fa su tio
A ritmo di tartaruga rispetto ad altre parti della Svizzera? Grazie Verdi! Ci state mettendo del vostro per rallentare, eccome!! Prima i contadini, poi gli ecologisti (e/o presunti tali), poi la politica, poi i comuni, ora i Verdi. Vorrei ricordarvi che la Galleria Mappo-Morettina e A13 sono state inaugurate nell'aprile 1996, quindi è da oltre 22 anni che la storia del collegamento va avanti. Ma di quali mobilità sostenibili, potenziamenti di mezzi pubblici ed altre TEORIE andate cianciando?? Mettetevi CONCRETAMENTE da qualche parte tra Cadenazzo e l'imbocco del'A13 e guardate la proporzione tra targhe indigene (TI) ed il resto. Alla gente (turisti e non) non gliene frega un fico secco delle vostre ca...te ma di riuscire ad arrivare da A a B nel minor tempo possibile, SE POSSIBILE condividendo ANCHE EVENTUALMENTE soluzioni ecologiche. Se vi turate il naso non dimenticate tuttavia di togliervi anche le fette di salame dagli occhi: la REALTA' delle cose è tutta lì da vedere e constatare e servono SOLUZIONI pratiche, veloci e soprattutto RAZIONALI, non le vostre teorie del menga!
Um999 1 anno fa su tio
@miba Ben detto .... tutti si riempiono la bocca con parole (ecosostenibilità, incremento dei mezzi pubblici, alternativi non inquinanti etc. etc.) senza avere la realtà concreta tra le mani. Facile toccare il fuoco con le mani degli altri .... quanta ipocrisia in tante persone
Danny50 1 anno fa su tio
Se i verdi accettano questa soluzione, significa che questa variante é la peggiore. Invece di turarsi il naso i verdi dovrebbero turarsi qualcosa d’altro....
pontsort 1 anno fa su tio
@Danny50 Non sia mai che si riesce a preservare quel che resta del nostro fondovalle....
Mattiatr 1 anno fa su tio
@pontsort Teoricamente lo stiamo preservando. Praticamente la mala gestione del PR e la mancata coordinazione dei comuni del piano hanno reso quella zona un cumulo di fabbriche, negozi e serre. Dal punto ambientale significano metri e metri di plastica e cemento che è ben lontano dal praticello che pensate di voler mantenere. Mettetevi il cuore in pace, il Piano di Magadino è terra bruciata.
Um999 1 anno fa su tio
@Mattiatr Ottima osservazione per gente come me che ci lavora da 20 anni e finalmente me ne scappo da un’altra parte decisamente più vivibile del Ticino, non hanno voluto trovare soluzioni vere si è bloccato sempre tutto come infrastrutture vere ma poi hanno lasciato che ognuno facesse quel che vuole. Un obbrobrio.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Um999 Sai pure io ci lavoro ma essendo all'inizio del mio percorso lavorativo ho ancora molto da dare. Con le mie competenze le uniche cose che posso fare sono le proposte. Io trovo che pretendere che le strade possano ospitare il traffico privato, quello pubblico e il transito delle merci sia esagerato, stessa cosa per le ferrovie.¶ Io trovo che la soluzione proposta dai verdi sia un buon metodo per rompere le balle ai poveri cittadini che le strade le usano per lavorare, ... Propongono delle misure concrete e precise per peggiorarti la vita alla guida ma non si esprimono nemmeno vagamente su come migliorare i mezzi pubblici. Quindi dal canto mio non va nemmeno considerato.¶ Io per diminuire il transito delle strade nelle città proverei una soluzione come la famosissima Schwebebahn. Appendi due corsie di tram sospesi sulle tratte già esistenti e ci fai circolare dei mezzi elettrici. Trovo che così le strade si vedrebbero dei mezzi in meno mentre l'utenza potrebbe apprezzare un trasporto non vincolato dalla mole di traffico. Così facendo potremmo aprire le corsie attualmente riservate ai bus e permettere una maggiore anche se di poco fluidità.¶ Per quanto riguarda le merci mi piace molto la rete che vogliono costruire in Svizzera interna, una rete di gallerie che muove tutte le merci. Se non sbaglio la trazione era magnetica e permetteva viaggi a soli 30-40 Km/h ma sicuramente sarebbe la soluzione assieme alla ferrovia per ridurre il transito merci.¶ Io trovo che siano queste alcune idee che ridurrebbero l'inquinamento, malgrado la Svizzera come nazione ne produce pochissimo. Non la riduzione della velocità di circolazione, sappiamo benissimo che una contromisura simile non cambierebbe nulla. Inoltre c'è da considerare che la linea di tram sospesi sarebbe un'attrazione turistica non da poco.
Equalizer 1 anno fa su tio
Ma vogliamo rendere fuorilegge il partito dei Verdi? Non gli va mai bene niente, che vadano a vivere nel deserto di Kimberly, o si aggreghino a qualche comunità Amish così possono vivere in pace con se stessi e smetterla di rompere i marroni al rimanente 95 percento della popolazione.
Sciacallo 1 anno fa su tio
@Equalizer Amico, non fermarti al titolo. I Verdi dicono che se proprio è necessario fare una strada questa è la soluzione migliore. Certo sarebbe meglio puntare sul trasporto pubblico... Come dargli torto?
GI 1 anno fa su tio
@Equalizer gli Amish.....di verde nemmeno i vestiti.....
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 min
«Sommersi di telefonate, i dipendenti sono spaventati»
Licenziamenti alla EFG. Nella banca c'è un clima «di paura» per un possibile smantellamento. L'allarme dell'ASIB
CANTONE
1 ora
La difesa: «Ha reagito per rabbia e frustrazione»
Il legale del ventiquattrenne a processo per il delitto di Caslano si è battuto per una pena non superiore agli undici anni
CANTONE
3 ore
Uccise la nonna «per vendetta»
L’accusa ha chiesto una condanna di sedici anni, sospesa a favore di un trattamento stazionario, nei confronti dell'autore del delitto di Caslano
CANTONE
3 ore
Pronzini sbotta contro Gobbi: «Non si permetta di paragonarmi alla Stasi»
«Ribadisco a tutti di rimanere nei limiti del rispetto delle persone», ha detto Claudio Franscella rivolgendosi a entrambi e all'aula
FOTO E VIDEO
LUGANO
4 ore
I bambini davanti a un quadro di Van Gogh. Le loro reazioni
Stupore e incredulità dei più piccoli di fronte alla mostra virtuale che ha già registrato 10.000 visitatori. Le risposte più divertenti dei bimbi
FOTO E VIDEO
BELLINZONA/ANCONA
6 ore
Scontro burocratico al porto: resta a terra con la merce per i terremotati
Il viaggio umanitario di Besnik H., classe 1976, partito dal Ticino subisce una brusca frenata nelle Marche. Ecco il video che mostra ciò che è successo
CANTONE / BERNA
6 ore
Il Governo ticinese si congratula con Cassis
«L’auspicio è che la sua presenza continui ad aiutare a comprendere meglio le sfide alle quali è confrontato il Ticino e porti un contributo alla coesione nazionale»
CANTONE
7 ore
«L'avanzata dei Verdi non stravolge la formula magica»
IL PLRT applaude la conferma di Cassis e critica Verdi e socialisti per aver «voltato le spalle all’unico rappresentante della Svizzera che parla e pensa in italiano»
CANTONE
8 ore
Il nipote che uccise la nonna: «Volevo solo minacciarla, ma poi l’ho colpita»
Si è aperto il processo per il delitto di Caslano del luglio 2018. Fu un gesto premeditato?
CANTONE
10 ore
Ogni giorno da Novazzano a Milano «pur di lavorare»
Architetti in fuga dal Ticino. La storia di Chiara Bernasconi, 33enne di Novazzano, è il simbolo di un settore in affanno
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile