tipress
CANTONE
13.06.18 - 10:320

I Verdi "ballano soli"

Il movimento correrà in solitaria sia per il Consiglio di Stato che per il Gran Consiglio alle prossime elezioni cantonali del 2019

LUGANO - Il comitato cantonale dei Verdi del Ticino ha deciso nelle scorse settimane che il movimento correrà in solitaria sia per il Consiglio di Stato che per il Gran Consiglio alle prossime elezioni cantonali del 2019.

«In questo Cantone - spiegano in un comunicato stampa - è necessaria un'alternativa alle maggiori forze politiche, incapaci di dare risposte ai cambiamenti richiesti dalla popolazione in termini di mondo del lavoro, ambiente e credibilità della politica».

Disoccupazione - «Tutti noi abbiamo parenti, amici o conoscenti confrontati con un’oggettiva difficoltà di inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro - proseguono i Verdi -. Persone di oltre cinquant'anni lasciati a casa con difficili prospettive di ritrovare un lavoro retribuito dignitosamente, giovani che terminati gli studi, pur con ottimi risultati, faticano a trovare un primo impiego a un salario che permetta di sopravvivere in Svizzera. Situazioni, individuali soggettive che sono però supportate da dati statistici che confermano questo trend. Sono in effetti almeno 30'000 le persone residenti in questo cantone che sono disoccupate o sottoccupate (persone che vorrebbero lavorare maggiormente ma non riescono a trovare un posto). La maggior parte dei sottoccupati sono donne».

Capannoni lombardi - Di fronte a quella che viene definita una «crisi dovuta a una politica economica che ha privilegiato il proliferare dei capannoni e dei salari lombardi, regalando sgravi fiscali per oltre 52 milioni di franchi», i Verdi identificano la necessità di «forze politiche credibili, senza ambiguità, alternative al sistema dominante che non abbiano dubbi sugli evidenti limiti della crescita economica e sulle ricette concrete per cambiare il tessuto economico e salariale di questo cantone».

Traffico e frontalieri - «Accanto a questo disastro - si legge ancora nel comunicato stampa - , assistiamo impotenti a interminabili colonne sulle nostre strade, che hanno ormai trasformato il Ticino giornalmente in un grande corridoio di transito. Secondo i Verdi per imboccare la via della sostenibilità ambientale sono necessarie misure immediate per ridurre l'attrattività degli spostamenti individuali, sia per i frontalieri che per i residenti. Serve una nuova epoca del trasporto pubblico con investimenti importanti che permettano di rispondere a questa emergenza con soluzioni collettive che possano garantire una qualità dell'aria e di vita soddisfacente per tutte le regioni del nostro cantone».

Gli scandali interni - I Verdi non dimenticano di menzionare la legislatura corrente, contraddistinta, scrivono, «da scandali che hanno messo a dura prova la pazienza dei cittadini. Una politica di lottizzazione e di distribuzione di favori e poltrone che va sicuramente affrontata favorendo invece un’amministrazione maggiormente trasparente, orientata verso il servizio al cittadino e che si assume le responsabilità dei suoi errori e superficialità».

L'alternativa - «Questi chiari e coerenti orientamenti politici - conclude il comunicato - non sono purtroppo stati identificati in nessuna forza politica ticinese. Inoltre il sistema elettorale non permette di valorizzare queste importanti diversità tramite liste diverse ma congiunte». I Verdi del Ticino hanno quindi deciso di correre da soli alle prossime elezioni cantonali ponendosi come «chiara alternativa a chi negli ultimi decenni ha governato il paese con roboanti slogan ma che alla prova dei fatti non ha minimamente raggiunto gli obiettivi e anzi, ha minato la credibilità delle istituzioni e della politica».

Commenti
 
Equalizer 1 anno fa su tio
Non conosco la Jalkanen, ma ogni volta che vedo una sua foto mi da l'impressione di una donna acida come una pianta di limoni.
siska 1 anno fa su tio
@Equalizer ....l'ho incontrata molte volte e ci ho parlato discutendo sulle piste ciclabili, ti sbagli un pochino no non é acida ma é una furbacchiona on ona e tosta, gli occhi che si muovono molto non mentono. Da chiacchiere avute nel passato con qualcuno, é ben sposata e abita sul Bré non so dove però é simpatica,credimi!
ugobos 1 anno fa su tio
a si volevano chiudere l aeroporto di lugano e far un campo di patate. d'accordo a una ola condizione. I nostri Bei verdi coltiveranno tutto a mano, niente macchinari. poi vediamo se avranno ancora voglia di raccontare scemenze. nel 2020 arriva un aereo ibrido da 100 posti. fra pochi anni costera meno l aereo del treno con velocita 6 volte superiori. dove sono le super innovazioni in ticino? Il parco del Locarnese?
matteo2006 1 anno fa su tio
@ugobos Abbiamo appena finit.... quasi finito alptransit cosa chiedi di più?
ugobos 1 anno fa su tio
@matteo2006 progetti ticinesi non nazionali.
ugobos 1 anno fa su tio
cavoli quanti progetti green futuristici che propongono hahahaha. Se ci fosse un partito che veramente porta avanti progetti futuristivi voto subito. ma questi bla bla niente. scheda nel cesso. al massimo Montagna Viva e Pronzini. per il resto un disastro totale. poi se li guardi ai comizi fanno andar su il nervoso per le tante stupidaggini che raccontano. know how della LIA hahahahahahahahahahahahha roba da matti. molti non arrivnao a fine mese perché i soldi vanno a chi non fa niente e solo disastri. con una bella riorganizzazione di sto ex cantone svizzero si potrebbe far molto.
matteo2006 1 anno fa su tio
Sta crescendo come partito non sarebbe poi così utopico pensare ad 1 verde in governo in fondo ci hanno provato gli altri partiti senza cavarne molto provare anche questa carta non costa nulla.
Tato50 1 anno fa su tio
Ah, dal titolo pensavo al film "Balla coi lupi"; poi ho letto !
Bandito976 1 anno fa su tio
Quello che dicono è giusto ma come sappiamo bene dalle parole si deve passare ai fatti. Troppo spesso in tema di elezioni si sentono dire cose che fanno piacere alla popolazione ma che poi, una volta presa posizione sul cadreghino, se ne dimenticano
GI 1 anno fa su tio
@Bandito976 la possibilità del cadreghino "loro"....è quello che li spinge a tanto....anche e poiché la "sinistra" è più disunita che mai....
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Si paga con un dito, ecco la prima carta biometrica
La Biometric Gold Visa è stata lanciata da Cornèr Banca. È la prima del suo genere in Svizzera
CANTONE
1 ora
Vaccini, è già penuria: «Pensateci adesso»
Le scorte iniziano a scarseggiare. Il farmacista cantonale: «Segno che la campagna di sensibilizzazione ha dato i suoi frutti»
CANTONE
1 ora
Delta Line rafforza la sua presenza in Ticino
L'azienda leader nella produzione di motori elettrici edificherà il proprio quartier generale a Lamone. La consegna dello stabile è prevista per fine 2020
FOTO
BELLINZONA
3 ore
Sbanda sulla cantonale e si rovescia sul tetto
L'incidente è avvenuto poco dopo le 6 a Gnosca. Il conducente è stato trasportato in ospedale
FOTO E VIDEO
CALANCA (GR)
4 ore
Frontale in galleria e 6 persone tra le lamiere... ma è un'esercitazione
Polizia cantonale, pompieri e Servizio ambulanze della Mesolcina si sono "allenati" ieri sera nel tunnel Val del Infern. Una trentina le persone coinvolte
CANTONE
5 ore
Maltrattamenti sui bambini, in dieci mesi 14 "casi importanti"
Trent'anni fa la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo. L'associazione Telefono Sos Infanzia si occupa di loro: «Dietro a una telefonata c’è un minore che soffre»
LOCARNO
13 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
15 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
17 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
18 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile