TiPress / sitmap.ti.ch/votazioni/
CANTONE
29.04.18 - 13:070
Aggiornamento : 17:09

I ticinesi hanno detto “sì” alla Riforma fiscale e sociale

La battaglia tra il “sì” e il “no” è stata aperta fino all’ultimo: il 50,1% dei votanti ha approvato la modifica di legge. 193 i voti di scarto

BELLINZONA - La sorte della riforma fiscale e sociale è stata scritta: il 50,1% dei votanti ticinesi ha detto “sì” alla modifica della legge tributaria. Tra i favorevoli e i contrari alla riforma solo 193 voti di differenza.

Il Ticino risulta spaccato praticamente in due. Il risultato è stato appeso a un filo fino alla fine: alle 13, quando mancava solo lo spoglio di Bellinzona e Monteceneri, la percentuale di sì ammontava al 51,1% e quella dei no al 48,9%. La Capitale - nonostante il "no" del 57,4% dei votanti - non è riuscita a fare la differenza.

A Bosco Gurin, Cerentino e Monteggio i cittadini che hanno ricorso al diritto di voto si sono divisi completamente a metà, registrando il 50% dei "sì" e il 50% dei "no".

Affluenza bassa - Ha votato il 32,4% degli aventi diritto al voto, per un totale di 72’410 persone. Il comune che ha registrato la maggiore affluenza è Brione sopra Minusio, con il 62,53%. A Corippo si sono recate alle urne due persone (su 13, pari al 15,38%), che hanno espresso la loro contrarietà alla riforma.

Netto il “sì” a Bedretto (77,42%), Collina d’Oro (70,84%) e Cureglia (70,03%). Chiara la contrarietà di Mergoscia (73,77% dei “no”), Pollegio (73,08%), Sonogno (85,71%) e Vogorno (74,24%).

Ingrandisci l'immagine
Allegati
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
moma 2 anni fa su tio
Tutto quello che si vuole, ma ora i 7 coniglietti rimasti in silenzio, SILENZIO ASSOLUTO e ACCETTARE IL VOLERE DEGLI ALTRI 3 falchetti.
siska 2 anni fa su tio
...é già poi ci sono quelli di turno che sono già dei gran fenomeni in natura insomma gli zerbini della politica in quanto questo gli procura sempre degli org........mi cerebrali per il propio tornaconto personale. Solidali chi ha votato SÌ? Ma dai su non facciamo i bugiardi.
Lore62 2 anni fa su tio
...forse perchè qualcuno comincia a dire che votare NON serve a nulla?? Vedi "iniziativa delle Alpi 20/2/1994" mai applicata e tutt'oggi NON rispettata, "prima i nostri del 25/9/2016" MAI applicata, "contro l'immigrazione di massa del 14/2/2012" MAI applicata...ecc...ecc...
Equalizer 2 anni fa su tio
@Lore62 Hai ragione da vendere, ma qui il problema è stato che 7 su 10 sono rimasti a casa a grattarsi le parti intime invece di votare.
pulp 2 anni fa su tio
E' andata come doveva andare ed il popolo si è espresso. Capisco che il numero ridotto di voti di differenza, possa creare qualche prurito ai contrari, ma del resto la democrazia funziona così. E comunque ci saranno delle misure sociali che vanno nella giusta direzione per sostenere le famiglie.
moma 2 anni fa su tio
Ciò che mi lascia di stucco è che, su 10 aventi diritto di voto, 3 hanno deciso cosa fare per tutti. Gli altri 7 cosa hanno fatto o fanno? Purtroppo nulla, se non poi magari criticare. Assurdo. Se poi nel blog ci fosse gente dei 7, ancora peggio.
siska 2 anni fa su tio
Fenomeno! p.es. io sono andata a votare, fenomeno! Poi chi lavora arricchendosi lo fa per volontà sua e perché ha determinate qualifiche e non tutti sono "tagliati" o ci riescono fenomeno! Poi i ricchi che si sono fatti da soli devono per forza aver per così dire usufruito dei dipendenti pagandoli naturalmente con salari più o meno irrisori fenomeno! I poveri non rubano ai ricchi semmai ricevono sempre e solo le briciole e se potessero farebbero peggio ma per fortuna il degrado (cioé povertà assoluta con delle conseguenze) non é ancora facente parte della nostra nazione, fenomeno!
siska 2 anni fa su tio
Io continuo e continuerò a non credere sul fatto che distribuiranno la ricchezza creata prima di distribuirla si vede come si é messi bene!!..in questo misero cantone. 3 anni fa sono riuscita tramite votazione a tagliare laddove non andava tagliato perché si era già al limite ed io parlo sempre dell'aiuto di mantenimento a domicilio per persone anziane e invalide. se prima erano Fr. 2200.- e rotti oggi sono Fr. 2030.- e rotti (giustamente si pagano anche i contributi etc. etc. che non sono pochi però quindi ti para.......no ancora) quindi sciuri dala papaya lavorare a domicilio con un salario del genere e tutti i giorni con tutte le dinamiche che ci girano attorno ad un malato bé che dire, evviva!
mombelli 2 anni fa su tio
Mitico popolo ticinese ... il 50% ha capito - il 50% : No !
pontsort 2 anni fa su tio
@mombelli Tutto sta nel mettersi daccoro sulla meta XD
Wunder-Baum 2 anni fa su tio
Guardando la cartina, effettivamente la Riforma è passata "per un pelo". Speriamo che gli attesi benefici aiutino concretamente i cittadini e le famiglie che sono veramente nel bisogno. Quindi al Governo e alle entità che dovranno gestire le novità sarà importante un'attenta applicazione.
Foxdilollo78 2 anni fa su tio
Prevedo grossi licenziamenti nelle piccole imprese dei dipendenti con bambini... le famiglie con bambini che hanno votato sì se ne pentiranno... ma spero di sbagliarmi... spero anche che le grosse imprese e le famiglie ricche non se ne andranno lo stesso... per le altre famiglie, che dire... continuate a pagare e sputare sangue... a voi non ci pensa nessuno... tanto meno i ticinesi!!! Che vergogna!!!
87 2 anni fa su tio
Che fa più male è la scarsa partecipazione. Serve a tanto avere il diritto di voto e poi non votare. I 18 anni servono solo per avere la patente dell'auto ed essere indipendenti dai genitori (sì sì, rimanendo a casa degli stessi fin oltre i 40 anni). Ma certe volte mi rassicura sapere che certi aventi diritto di voto allo sbando non utilizzino questo privilegio.
ugobos 2 anni fa su tio
@87 gia io ne conosco tanti che reclamano sempre e non arrivnao a fine mese ma pensate che sono andati a votare? chiaramente no. quindi arrangiatevi e non rompete più. ormai se uno è ricco ce anche un motivo e qua si vede benissimo loro si danno da fare e la classe media subisce.
skorpio 2 anni fa su tio
I ticinesi... un terzo....sotto il 50% dovrebbe essere rifatta.cque grazie..a chi ha detto si...grandissimo sbaglio fra qualche mese ve ne sarete pentiti...
87 2 anni fa su tio
@skorpio Se ci fosse il limite di una partecipazione del 50%, non ci sarebbero più votazioni. Eppure basta relativamente poco: 1) leggere quello che arriva a casa; 2) riflettere; 3) rispondere; 4) imbustare; 5) affrancare e 6) imbucare (nelle cassette gialle della Posta o in Municipio senza nemmeno affrancare). Ma si sa che certa gente non arriva facilmente alla fine del secondo punto.
sedelin 2 anni fa su tio
DAI RISULTATI DEI SINGOLI COMUNI - dove ci sono percentuali di sì fino al 70(!) percento - si deduce che hanno accettato la riforma I CITTADINI RICCHI. grande regalo dello stato a chi non ne ha bisogno!
Tato50 2 anni fa su tio
Sarà una mia idea ma mi sa tanto che qualcuno chiederà il riconteggio dei voti !!!
Danny50 2 anni fa su tio
Incredibile ! Questo cantone merita un calcio nel sedere. Il risultato minimo doveva essere 85% sì a 15% no. Così si dimostra l’imbecillità di metà della popolazione che veramente non capisce un tubo.
albertolupo 2 anni fa su tio
@Danny50 Ne parliamo tra un paio di consuntivi. L’ultima volta che abbiamo votato degli sgravi fiscali, il Cantone, e di riflesso i Comuni, sono stati in difficoltà finanziarie dalle quali non sono usciti fino ad oggi.
roma 2 anni fa su tio
@albertolupo concordo....ai prossimi consuntivi ne vedremo di...ulteriori tagli
sedelin 2 anni fa su tio
DISASTRO!
ugobos 2 anni fa su tio
bene constato che il 85 % dei ticinesi è ricco. chi non vota è come se approva la nuova riforma. Bravi
siska 2 anni fa su tio
La farina dal diavul la va sempru in crüschca.........é andrà in crusca ...dopo si piange perché con il patto c'é sempre scotto da pagare.
crapadagat 2 anni fa su tio
Si interroghi la destra sul perché il ceto medio e medio-basso è stanco di sputare sangue mentre c’è che beneficia di aiuti e non si dà mai una mossa...
Bär 2 anni fa su tio
Poveri noi si tirerà ancora la cinghia tra pochi anni
Pepperos 2 anni fa su tio
Popolo sovrano....
Gus 2 anni fa su tio
Quando ci sono di mezzo i ricchi i risultati arrivano in fretta
sedelin 2 anni fa su tio
disastro, vedremo la situazione - già precaria - peggiorare! grrrr
WGWG 2 anni fa su tio
I polli ci sono cascati. Ottimo risultato c’è che di gioire
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Le case in Ticino fanno gola agli svizzero tedeschi
Sul mercato immobiliare si registra un aumento delle richieste da parte della clientela d'oltralpe
CANTONE
12 ore
Coronavirus e Gran Consiglio: è un grattacapo
Nonostante il protocollo e le rigide misure sanitarie, si valuta nuovamente un cambiamento di sede
CANTONE
13 ore
Ecco l'ora solare: stanotte "si dorme di più"
Le lancette vanno riportate indietro di un'ora
CANTONE
18 ore
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
18 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
20 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CANTONE
1 gior
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
1 gior
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
CANTONE
1 gior
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
1 gior
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile