Tipress
CANTONE
27.02.18 - 20:210

Rimborsi, si va verso un nuovo decreto d'abbandono?

La procura ha sentito oggi i consiglieri di Stato Bertoli, Beltraminelli e Zali nell'ambito dell'inchiesta penale

LUGANO - Si delinea un nuovo decreto d'abbandono nell'inchiesta penale sui rimborsi dei consiglieri di Stato ticinesi. Il procuratore generale John Noseda - con i sostituti Andrea Pagani e Antonio Perugini - ha sentito oggi i ministri Beltraminelli, Bertoli e Zali e - come anticipato dalla RSI - le loro dichiarazioni, unite al materiale ottenuto negli scorsi giorni, avrebbero permesso di chiarire la posizione dei membri di Governo sulla vicenda.

La prossima settimana il Consiglio di Stato sarà invece ascoltato dalla sottocommissione Finanze del Parlamento, alla quale spetterà giudicare il capitolo istituzionale legato al caso dei rimborsi, ora che quello penale sembra definitivamente chiuso.

Commenti
 
F/A-18 1 anno fa su tio
Naturalmente il nostro eroe Beltraminelli è sempre in mezzo a questi intrallazzi, dai tempi di asfaltopoli e magari anche da prima.
siska 1 anno fa su tio
Sicuramente al 7 aprile 2019 mi ricorderò eccome! Questi 5 onerovoli sono da sostituire! Uno dei peggiori governi che abbia mai osservato e percepito anche sulla mia pelle quale cittadine. La fiducia l'ho persa da tempo quindi manco 1 di questi 5 onorevoli avrà il mio voto. Peccato che, se non verranno ripromossi, se ne andranno sempre e comunque alla faccia nostra. Intanto però siedono ancora lì e si credono di essere bravi politici...é questo che mi fa inaz....re di brutto.
vulpus 1 anno fa su tio
Lasciamo stare la procura.Inutile demandare ad essa, decisioni per le quali il CdS e il parlamento devono metterci la faccia. C'è un limite alla decenza.Questi 5 consiglieri,percepiscono un salario da nababbi per i risultati che producono.Quale è il motivo di aggiungere panna ad un latte già molto grasso? E il povero Gianella viene ora messo alla gogna quale responsabile di questo malandazzo. Ma qualcuno avrà pure ricevuto queste prebende, o no. Non è mai sorto un certo prurito di disagio?Qualcuno ora si vanta di aver stornato alcune cifre.Viva i selfie!Bisognava decidere di azzerare queste prebende di lusso, evitando figure meschine a tutti.
albertolupo 1 anno fa su tio
NO-Consiglio di Stato! Ricordiamocene il 7 aprile 2019.
MIM 1 anno fa su tio
Finirà che la colpa è di Gianella, ormai però in pensione. Metteranno in fretta una base legale per il 2019 e... tutto a posto :-)
Zico 1 anno fa su tio
e chi l'avrebbe mai detto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ci voleva la sfera di cristallo per indovinare una così remota possibilità. VERGOGNA!
tip75 1 anno fa su tio
strano...cvd
albertolupo 1 anno fa su tio
Ma gli argomenti dove sono?
ziopecora 1 anno fa su tio
ora si capisce perché i politicanti vogliono continuare a poter eleggere i magistrati...
siska 1 anno fa su tio
...e soprattutto i cari consiglieri si sentono in diritto di avere e ricevere quanto, loro credono, gli spetti. Vergogna e poi ci chiedete sacrifici già con quel poco che si ha. Soprattutto dovrebbero rinunciare almeno una parte dei bei soldoni. Perché non si istituisce un'iniziativa popolare contro a questi super benefici?
seo56 1 anno fa su tio
“cane non mangia cane”
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore

Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»

In un post su Facebook il Direttore del DI precisa che il dispositivo "incriminato" è stato posato dalla polizia comunale di Bellinzona e assicura: «Approfondiremo questo modo d'agire»

CANTONE
4 ore

Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»

La situazione dello scorso weekend all'aeroporto di Agno dovuta a un problema tecnico. «Non erano disponibili altri aerei»

CANTONE
4 ore

Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa

«Confidiamo che nel futuro i Cantoni possano avere i dati necessari per determinare se i premi in Ticino sono adeguati» scrive il presidente Franco Denti

BIASCA
6 ore

Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»

Arturo Mellace è stato lasciato a casa dopo 22 anni. La solidarietà degli operai. Ma il sindacato ribatte: «Abbiamo agito per motivi disciplinari, nel rispetto della legge»

VIDEO
CANTONE
6 ore

Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe

Un video mostra un controllo della velocità a pochi metri dal cartello che segna la fine del limite di 50 chilometri orari. Il flash scatta di continuo, ma è subito polemica

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile