Ti Press
CANTONE
12.02.18 - 14:220
Aggiornamento 15:28

«Un compromesso per far uscire i take-away dall’attuale zona d’ombra»

Il presidente di GastroTicino Massimo Suter commenta le novità in arrivo nel mondo della ristorazione e degli esercizi pubblici

LUGANO - Mangiare il sushi o il kebab direttamente al take-away… Tra le modifiche della Legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (Lear) messe in consultazone dal governo, la più succosa è forse questa concessione a chi vende cibi d’asporto.

«È il risultato del compromesso voluto dalla nostra categoria - commenta Massimo Suter, presidente di GastroTicino -. I take-away, dove già ora il consumo sul posto è presente, dovranno però sottostare anche loro alla Lear, come tutti i ristoranti. E quindi con le stesse condizioni quadro a livello di infrastruttura, ma anche di formazione. Una novità che potrà essere positiva anche per il personale che dovrà sottostare al nostro contratto di lavoro».

Insomma, una presa di coscienza di un dato di fatto?

«Sì, ma non solo.  Poiché uno degli obiettivi era quello di regolamentare un settore che agiva un po’ nell’ombra e che non era così facile controllare. Con queste modifiche si vogliono mettere tutti al cancelletto di partenza con le stesse condizioni, poi sarà il mercato ha decidere chi fa bene il proprio lavoro».

Un’altra modifica intende dare al gerente la possibilità di gestire più di un esercizio pubblico. Cade o viene allentata la vecchia regola della presenza fisica nel locale?

«No, la presenza del gerente con la patente dovrà sempre esserci e non va tolta. Si permette semplicemente di gestire più locali nelle immediate vicinanze o nello stesso stabile. Per intenderci non è che uno potrà gestire un ristorante a Lugano e uno a Bellinzona. Anche qui si va incontro alle esigenze di mercato, per locali dove ci sono bar, ristoranti e discoteca magari nello stesso edificio».

Infine, il governo minaccia di sanzionare più duramente, col cartellino rosso, gli esercizi pubblici dove c’è abuso di bevande alcoliche. Tolleranza zero dunque per chi vende ai minorenni, giusto?

«Il consumo dell’alcol tra i giovani è un problema che va affrontato in maniera anche dura. Lo stesso per l’abuso da parte di adulti».

3 mesi fa Mangiare al take-away, in futuro lo si potrà fare
Commenti
 
GMC 3 mesi fa su tio
Desumo anche Tu sia un esercente e come me non iscritto a gastroticino. Se credi, come credo io (??), che possano fare questo, è meglio che cominciamo ora a redarre la lista dei regali che vogliamo da Babbo Natale. Alegher
Nicklugano 3 mesi fa su tio
Allora Signor Suter, se ho capito bene, il futuro le regole per Take-Away e Street-Food saranno le seguenti: necessità di un gerente, IVA al 7.7%, CCNL della ristorazione con tutte le relative obbligazioni, regole igieniche e di autorizzazione dei locali come nella ristorazione (bagni separati, attrezzature omologate come nella ristorazione, accesso disabili, interni piastrellati, ecc... Ma lei ci crede o fa finta?
Nicklugano 3 mesi fa su tio
@Nicklugano Dimenticavo ovviamente l'HACCP ed alcuni altri ammenicoli...
GMC 3 mesi fa su tio
ok. ma pagheranno anche loro l'iva al 7,7% comei ristoran ti o andranno avanti a pagare il 2,5 % ? e il Gerente ? Alegri a tucc.
Potrebbe interessarti anche
Tags
take-away
esercizi
compromesso
ombra
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report