Tipress
LUGANO
01.02.18 - 09:370
Aggiornamento 03.02.18 - 08:01

Sergio Ermotti parla sulla SSR: «Costi elevati e imparzialità»

Il direttore di UBS si esprime su No Billag. «È lecito chiedersi se tutto quello che producono le nostre emittenti pubbliche sia davvero necessario»

LUGANO - Finora non si era espresso sulla questione. Oggi ha preso la parola e dalle colonne del CdT, il numero uno di UBS Sergio Ermotti, ha espresso la sua opinione sulla votazione No Billag. Lo ha fatto non in veste di Ceo di UBS, ci tiene a precisare, ma «come cittadino e soprattutto come ticinese».

Sono sostanzialmente due le critiche che Sergio Ermotti affronta e che secondo lui hanno portato alla situazione attuale: i costi e l’imparzialità.

Pur affermando che «la qualità complessiva della SSR è elevata», il direttore di UBS si chiede se «tutto quello che producono le nostre emittenti pubbliche sia davvero necessario».

Da qui partono una serie di considerazioni sulla qualità e imparzialità dell’informazione della SSR. « Ascoltando come vengono riportate e analizzate le notizie riguardanti la piazza finanziaria, l’economia e la politica, posso ben capire che qualcuno abbia il riflesso di inviare almeno un segnale di necessità di cambiamento. Capita spesso, infatti, che i servizi siano poco fondati o addirittura di parte e politicamente schierati. Questo non dà certo un’immagine d’imparzialità e danneggia la credibilità».

Critiche che però non porteranno il direttore di UBS a votare l’affossamento del canone radiotelevisivo. «Il 4 marzo voterò no» dice, e questo perchè la «SSR è un’istituzione preziosa e insostituibile per il nostro Paese. Anche se la «No Billag» rappresenta un tentativo di rispondere a una situazione non ottimale, l’iniziativa va troppo oltre. L’obbligo di fornire un servizio equilibrato verrebbe stralciato dalla Costituzione, peggiorando così le cose».

Commenti
 
betha 8 mesi fa su tio
non essere per un liberismo sfrenato, non significa essere di sinistra, vero che la gestione statale è vista come dogma delle sinistre ma vi sono anche persone contrarie al liberismo senza concordare con ideali marxisti; è anche vero che ubs ha ridato l'aiuto della confederazione ma da un liberista sfrenato come lui non mi sarei aspettato chiedesse aiuto allo stato. non è nemmeno l'unico, molti difensori del liberismo, come pamini, lavorano per lo stato. troppo facile così
Royal Oak 8 mesi fa su tio
@betha se non sbaglio UBS ha chiesto l'aiuto a Confederazione e BNS a fine 2008, mentre Ermotti è entrato in carica a fine 2011, per cui bisogna chiedere a Ospel
Royal Oak 8 mesi fa su tio
Ermotti è il responsabile di 60'000 dipendenti nel mondo e incassa CHF 14'000'000.- all'anno (responsabilità totale di UBS), Canetta è responsabile di 1'200 dipendenti ed incassa CHF 300'000.- all'anno (responsabile del settore RTSI). In proporzione guadagna più Canetta.
Tato50 8 mesi fa su tio
@Royal Oak Non ha nemmeno la segretaria ?
lo spiaggiato 8 mesi fa su tio
Concordo con Ermotti, la informazione della SSR pare un po' troppo sbilanciata a destra... :-)))) Poi sul fatto dei prodotti stenderei un velo pietoso sulla sua dichiarazione visto che i prodotti UBS avevano portato la banca al fallimento... se non fosse intervenuto lo stato a salvarla avrebbe fatto il botto!...
pillola rossa 8 mesi fa su tio
"la SSR è un’istituzione preziosa e insostituibile per il nostro Paese" vero, come la Swissair...
pulp 8 mesi fa su tio
Grande Ermotti... ancora una volta va dritto al nocciolo della questione. Ci sono cose da sistemare, ma l'iniziativa è troppo estrema e per questo va bocciata. Ha espresso perfettamente quello che penso di questa situazione. Un no a questa iniziativa e poi che si lavori per migliorare le cose che non vanno.
nordico 8 mesi fa su tio
@pulp Se però il NO dovesse vincere alla grande, mi sa che alla SSR non cambierà niente. Siccome sembra chiaro che il NO vincerà comunque, ecco che - anche per non lasciare morire la speranza che non cambi nulla - io voterò SI.
Tato50 8 mesi fa su tio
Stimo Ermotti come affronta il problema dei costi da libero cittadino e ticinese. Poi come CEO dell'UBS sui costi.........taci Tato ;-))
Lokal1 8 mesi fa su tio
Ma nessuno vota Si? Non c é nessuno a favore dell' iniziativa da intervistare? Io ero rimasto che con il canone si pagassero televisione e radio.... i giornali non dovrebbero ricevere sovvenzioni? Giusto RED? O mi sbaglio
Thor61 8 mesi fa su tio
@Lokal1 IO voterò SI a NO Billag ;o))) Chiudere questa SSR è il minimo da fare visto i vari atteggiamenti dei sui vertici (SSR/CF), abbiamo la possibilità di poterlo fare, facciamolo, altrimenti rischiamo ben di più se permettessimo alla SSR/CF di gestire/essere una TV nazionale ma SBILANCIATA tutta a sinistra, una TV che sarà formalmente pubblica ma fatta in questo modo sembra dittatoriale visto che nella realtà trasmette solo quello che piace alla sinistra (Pro UE e Islam) e a parte del CF. Saluti ;o))
red 8 mesi fa su tio
@Lokal1 A parte il fatto che non è permesso rivolgersi direttamente alla redazione tramite il Blog, ti assicuriamo che i giornali non ricevono sovvenzioni. E per il sì abbiamo intervistato Alain Bühler: https://www.tio.ch/ticino/politica/1175359/alain-b-hler-attacca -comano-sta-facendo-una-campagna-de l-terrore-contro no-billag-
Lokal1 8 mesi fa su tio
@red Che i giornali non sono sovvenzionati lo sapevo, e ho letto anche l articolo citato di Alain Büler. Ma è uno solo contro i tre barra quattro articoli quotidiani a favore del NO. Possibile non ci sia nessun altro a favore dell' iniziativa? Come mai l altra campana non la fate sentire?
MIM 8 mesi fa su tio
Anche lui ha notato che la SSR è schierata politicamente da una parte ben precisa.. chi è che ancora fa finta di non vederlo? Come si fa a parlare di pluralità di informazione quando questa non esiste affatto?
Ar07 8 mesi fa su tio
Ditemi voi se dobbiamo pagare per il Mammone che va in Cina per dirci che la salsa di soia venduta da noi non è uguale alla loro... per favore!
stones 8 mesi fa su tio
@Ar07 quando (e se!...anche se sarà auspicabile) si parlerà di risparmi questo personaggio è il primo da "allontanare"... comunque resto dell'idea che l'offerta complessiva della RSI sia buona, qualche ritocco ci sta, ma l'iniziativa la ritengo troppo radicale...
Thor61 8 mesi fa su tio
@stones Ma hai notato quanti succhiano in maniera parassitaria alla mammella SSR? A decine di società sconosciute che spuntano come funghi a difendere la "Pappa pronta". Dopo l'esperienza sul referendum sulla libera circolazione hanno costretto i referendari a non permettere altre manipolazioni blindando il referendum, per cui piuttosto che finanziare col mio denaro sti incapaci o corrotti (Dalla politica di partito) di SSR preferisco, se mai fosse vero, la CHIUSURA di questo schifo di gestione. Dire poi che la programmazione sia buona personalmente non lo capisco, è COSTOSO e PENOSO sotto tutti i punti di vista. Ed è per questo che voterò SI al NO Billag.
TIC 8 mesi fa su tio
Allora : Massimo rispetto per Ermotti perché è un manager che si è fatto da solo partendo da un semplice apprendistato in banca. L'UBS però è stata salvata da tutti noi con le tasse e se criticate i 300000 franchi all'anno che prende il direttore della RSI Canetta pensate che Ermotti ne prende 14 milioni all'anno, anche grazie ai vostri risparmi.
Tarok 8 mesi fa su tio
@TIC è stata salvata dai soldi pubblici e hanno pure rimborsato il debito con tutti gli interessi del caso.... nessun regalo
Tarok 8 mesi fa su tio
a favore di NOBILLAG: Ermotti e Tettamanti; contrari a NOBILLAG: il cane Peo e Maristella Polli; trovate la differenza.
Valens 8 mesi fa su tio
@Tarok Ma hai letto l'articolo? Ha detto che voterà no.
matteo2006 8 mesi fa su tio
@Valens Vota no come facciamo (magari solo io) in tanti solo perché troppo radicale come iniziativa che non lascia spazio di manovra se non fosse stata così radicale avrei sicuramente votato si ad una bella rinfrescata.
Tarok 8 mesi fa su tio
@Valens 112 like contro 27 nolike. vince NOBILLAG ma spias
nordico 8 mesi fa su tio
Le critiche di Sergio Ermotti sono fondate, si produce troppo e a costi troppo elevati, inoltre le notizie sono chiaramente sbilanciate a sinistra. Non è così che si fa informazione. Passati sono i tempi di Dino Balestra, oggi alla testa vi sono le persone sbagliate con programmi sbagliati. Dopo tutto il battage pubblicitario vincerà il NO ma spero che vinca di poco, lanciando così un chiaro segnale di rinnovo. Come diceva Bartali: "Tutto sbagliato, tutto da rifare".
navy 8 mesi fa su tio
E' giusto TOO BIG TO FAIL? Sergio! E' giusto intascare quanto intaschi tu in un anno mentre i vari back office bancari sono smantellati e/o delocalizzati un pezzo alla volta?
Tarok 8 mesi fa su tio
@navy é giusto, ha fatto guadagnare qualche MILIARDO ai suoi azionisti.
Tags
imparzialità
ubs
ssr
sergio ermotti
sergio
no
ermotti
no billag
billag
direttore ubs
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report