T-Press
CANTONE
06.11.17 - 14:260

«Iniziativa No Billag? No alla vendita della democrazia»

I Verdi del Ticino invitano a bocciare l’iniziativa per l’abolizione del canone radiotelevisivo

BELLINZONA - Il comitato cantonale dei Verdi del Ticino si è pronunciato all’unanimità contro l’iniziativa denominata “No Billag”. «Un’iniziativa dal nome ingannevole - hanno dichiarato - che lascia intendere che vi siano altre possibilità di finanziare il servizio pubblico radiotelevisivo al di fuori della riscossione di un canone». Il gruppo spiega che, al contrario, «il testo dell’iniziativa esplicita chiaramente che la Confederazione non potrà più finanziare servizi radiotelevisivi e ciò implica di fatto la fine di un servizio pubblico indipendente nell’ambito dell’informazione».

I Verdi sono contrari alla privatizzazione e portano come esempio il passaggio di altri servizi pubblici, come PTT  e FFS, che a loro avviso ha avuto conseguenze negative. «Il campo dell’informazione è però nettamente più delicato per la democrazia. Il mercato dell’informazione fa gola a gruppi editoriali privati svizzeri e internazionali che non sono chiamati a rispettare importanti regole di pluralismo dell’informazione, ma piuttosto a rispondere ad azionisti e inserzionisti del loro operato. Fa specie constatare che i presunti paladini della democrazia svizzera siano tra i sostenitori di questa iniziativa che renderà la Svizzera meno indipendente dall’estero».

Secondo i Verdi del Ticino non vanno neppure dimenticati le oltre 1'200 lavoratrici e lavoratori che potrebbero perdere il loro posto di lavoro nella Svizzera italiana se l’iniziativa dovesse riuscire.

«Sarebbe quindi davvero assurdo - hanno concluso - che una regione linguistica minoritaria come la Svizzera italiana dovesse decidere di essere così autolesionista da non comprendere che la RSI e il servizio pubblico sono uno strumento importantissimo per il mantenimento della nostra cultura e delle nostre radici. Si può essere critici su molti aspetti della gestione dell’attuale SSR, ma in un paese multiculturale e plurilinguista, il servizio pubblico è il miglior strumento a garanzia di una coesione nazionale che non possiamo permetterci di perdere in nome dell’antipolitica o sull’altare di presunti risparmi individuali».

TOP NEWS Ticino
FOTO
SANT’ANTONINO
1 ora

Ecco cosa è rimasto dell’auto bruciata sulla “tirata”

Spente le fiamme, la carcassa è stata recuperata e portata via dalla carrozzeria di servizio

CANTONE
4 ore

Casellario lindo per i candidati senatori, tranne Xenia Peran

In corsa per la Lega Verde la 56enne ha commesso lo scorso anno un’infrazione grave alle norme della circolazione nel canton Svitto

SPAGNA / CANTONE
6 ore

Si cerca Mattia Alexander Sasselli, scomparso a Barcellona

Non si hanno più sue notizie da sabato 17 agosto. Si esprime in italiano e spagnolo

FOTO E VIDEO
SANT'ANTONINO
6 ore

Veicolo in fiamme sulla "tirata" verso Cadenazzo

Gli automobilisti sono invitati a prestare attenzione. L'auto si trova a lato della strada cantonale, all'altezza del Delcò Mobili

CANTONE
7 ore

Lily Isabel è stata ritrovata in Francia

La donna di 73 anni, vista l'ultima volta lunedì mattina a Locarno, è stata rinvenuta «in buone condizioni fisiche»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile