CANTONE
02.10.17 - 15:490
Aggiornamento : 21:10

Scandalo "Argo 1": «Paolo Beltraminelli faccia un passo indietro»

Prima l'Mps, poi i Verdi, ora il Partito Socialista. Non si arresta la polemica attorno al direttore del DSS alla luce delle nuove informazioni relative all'agenzia di sicurezza

1 anno fa Argo1, i Verdi: «Facciamo chiarezza, via Beltraminelli»
1 anno fa L'Mps insiste: «Paolo Beltraminelli deve dimettersi!»

BELLINZONA - Prima l'Mps, poi i Verdi, ora il Partito Socialista. Non si arresta la polemica attorno al direttore del DSS, Paolo Beltraminelli, alla luce delle nuove informazioni e dei fatti appurati relativi allo scandalo ‘Argo 1’.

Dopo la richiesta di dimissioni avanzata dal Movimento per i socialisti e dai Verdi, il PS prende posizione ribadendo la necessità d’istituire una Commissione parlamentare d’inchiesta e chiedendo al Consigliere di Stato di fare «un passo indietro per quanto riguarda la direzione della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie (DASF)».

«I fatti dimostrati e le dichiarazioni di Paolo Beltraminelli, contenute nell’intervista nell’edizione della trasmissione ‘Falò’ andata in onda giovedì 28 settembre, mostrano delle serie discrepanze rispetto alle spiegazioni fornite al Gran Consiglio lo scorso 13 marzo - sottolinea il presidente del PS Igor Righini -. Il gerente della ‘Argo 1’ non aveva fornito un’offerta di prestazioni seria e articolata che poteva motivare di scegliere quest’agenzia per assicurare il delicato mandato che le è stato affidato, protratto tacitamente nel tempo senza che sia stato pubblicato un concorso pubblico e per un ammontare totale di 3,4 milioni di franchi».

Per Righini non è ricevibile nemmeno l’argomento dell’economicità della tariffa fatturata da ‘Argo 1’, di poco superiore ai 35 franchi l’ora. «Questo importo - spiegano -, nettamente inferiore alle tariffe abituali nel campo della sicurezza, avrebbe dovuto suscitare molta più attenzione di quella dimostrata. È stato infatti appurato che, quando è stata designata, l’agenzia ‘Argo 1’ non disponeva del personale necessario per assicurare il delicato mandato affidatogli e che 8’000 ore di lavoro, per un importo di 190mila franchi, sono state pagate in contanti senza essere state dichiarate».

I 35 franchi l’ora sarebbero per i socialisti un «chiaro caso di dumping salariale», con evidenti «ripercussioni a scapito dei lavoratori», i quali non sono stati compensati mentre il fallimento di ‘Argo 1’ è già stato pronunciato.

Righini critica pure l'assenza di un'adeguata formazione per i compiti affidati all'agenzia: «Beltraminelli ha affermato in Aula che il mandato affidato all’agenzia ‘Argo 1’ non si è limitato alla sola sicurezza, ma implicava anche un lavoro di accompagnamento dei richiedenti d’asilo: un lavoro per cui ‘Argo 1’ non è stata abilitata, per il quale non disponeva di personale sufficiente e per cui i suoi dipendenti non hanno seguito la debita formazione. Lo Stato ha oggettivamente subito delle perdite sia per quanto riguarda la credibilità, i contributi sociali ed eventuali entrate fiscali mancanti a cui va sommato l’alto rischio incorso nell’affidare il delicato compito della sicurezza nei centri profughi a ‘Argo 1’».

Per il PS, insomma, non è accettabile che il Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli possa ancora affermare che si sia risparmiato del denaro scegliendo ‘Argo 1’. «Dei seri quesiti rimangono aperti per quanto riguarda la Divisione dell’azione sociale e delle famiglie (DASF): il fatto che vi fosse la consapevolezza che le procedure non fossero rispettate e le versioni discordanti fornite dal Capoufficio dell’USSI (Ufficio sostegno sociale e inserimento) e dal Capodivisione. Molto preoccupante anche l’informazione diffusa dai media, la quale va imperativamente verificata, secondo la quale i controlli effettuati fossero preventivamenteannunciati. A tutto ciò va sommato il fatto che per quanto riguarda ‘Otenys-Argo 1’ è attualmente in corso un’inchiesta per un’ipotesi di frode fiscale e riciclaggio».

Il PS ribadisce la necessità e l’urgenza di una Commissione parlamentare d’inchiesta, e ritiene che il Consigliere di Stato
Paolo Beltraminelli non possa continuare a dirigere la Divisione dell’azione sociale e delle famiglie
(DASF) fintanto che l’insieme dei quesiti aperti e dei fatti accaduti riguardo al caso ‘Argo 1’ non saranno definitivamente chiariti e spiegati.

PARTECIPA AL SONDAGGIO: Beltraminelli deve dimettersi?

1 anno fa Argo 1 usata per ripulire denaro?
1 anno fa Controlli annunciati nei centri-asilo? «Sarebbe gravissimo»
1 anno fa Argo 1, il titolare: «Farò causa alla RSI»
Commenti
 
samarcanda 1 anno fa su tio
Ma possibile che dei delinquenti di Argo 1 nessuno sapesse niente. Io che sono una casalinga che se ne sta quasi sempre in casa, ne ho sapute delle belle così per caso! Non abbiamo bisogno di politici corrotti, ma nemmeno di politici ingenui!
mgmb 1 anno fa su tio
Fino ad ora ha fatto solo danni. E' uno che dovrebbe cambiare partito, il posto giusto per lui é nella lega.
Danny50 1 anno fa su tio
Prima VIA la Mirra poi parlate oh rossoverdi !
vulpus 1 anno fa su tio
Il consigliere Bertoli, presidente del governo, ha affermato e riconfermato che si tratta unicamente di un errore procedurale. È chiaro che i politici, non avendo nulla da fare pescano nel torbido, e più torbido è ,per loromeglio è. Con questa faccenda , naturalmente dimenticano il resto delle cose importanti. E questo come considerazione di base. Per cui se dimissioni ci devono essere, allora a casa tutti. Par di capire , che Beltraminelli faccia in pò l'equilibrista sulla questione: ribadisce la sua responsabilità politica per quanto successo. Ma questo non vuol ancora dire di chi è la responsabilità materiale ed effettiva del casino, Che si stia tentando di proteggere qualche alto funzionario? Già c'è sta la famosa ritrattazione di uno dei capiufficio, che aveva accennato ad un suo superiore che avrebbe lasciato correre la famosa decisione del contratto da far firmare. ma se il governo avesse avvallato il contratto, fidandosi dei suoi collaboratori, alla situazione attuale non cambierebbe nulla: qualcuno ha voluto agevoalre questa azienda, e pra ne dovrà rispondere, ma non tanto politicamente, ma personalmente. Tutto lì.
Arpac 1 anno fa su tio
"Il PS". Grasse risate già così! :)
tip75 1 anno fa su tio
tutti dovrebbero dimissionare
tip75 1 anno fa su tio
a casa.... A CASAAAA
Atomic 1 anno fa su tio
E basta con questi teatrini . Se crediamo nella legge chi ha sbagliato pagherà . Lasciamo lavorare chi di dovere .
Luigi Lorenzi 1 anno fa su fb
Ahahah il PS che chiede le dimissioni degli altri è al quanto ironico ???
pillola rossa 1 anno fa su tio
Gli altri partiti invece citus mutis eh, caso mai che esca qualche cosa anche su di loro...
Cleofe 1 anno fa su tio
ma come come come. ????.. il PS chiede al Beltra di fare un passo indietro e poi sostiene la Bosia Mirra ? ah ah ah....ma quest'anno a carnevale i carri avranno l'imbarazzo della scelta AH AH AH
Zico 1 anno fa su tio
@Cleofe è la politica PS, loro vedono solo il marcio che c'è altrove, non accettano nessuna decisione presa dalla maggioranza. perggio delle 3 scimmiette
zendesk 1 anno fa su tio
@Cleofe Eh appunto.. quest'anno a carnevale mi vesto da "Argo 1".. ma a chi devo pagare una cena.. per avere un costume? ;-)
falcodellarupe 1 anno fa su tio
@Cleofe ma che relazione c'è fra i due casi?? non sono collegati o sbaglio? a meno che si voglia fare come i bambini, io do una cosa a te e tu dai una cosa a me!! ma per favore siamo seri!!!! Il carnevale lo stai facendo tu.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

Lugano Airport, e se fosse una straordinaria opportunità?

Un gruppo di esperti in innovazione traccia un quadro a tinte decisamente meno fosche rispetto alle cronache più recenti: «Occorre tuttavia avere il coraggio di scelte radicali»

CANTONE
1 ora

I controlli radar «siano effettuati solo dalla Cantonale»

Una mozione di Piero Marchesi (primo firmatario) propone una modifica delle disposizioni che regolano le competenze tra i vari corpi delle forze dell’ordine

LUGANO
3 ore

Il video del ciclista arrabbiato: «Multate anche i pedoni»

Il titolare di un negozio di biciclette ha documentato la "gincana" quotidiana in centro a Lugano. Bertini: «Stiamo recuperando, mi appello al buonsenso»

FOTO
BELLINZONA
3 ore

Ecco l'albero che produce energia con il vento

Il progetto, ideato da alcuni studenti della Commercio, è stato inaugurato ieri nel Parco urbano cittadino

NOVAGGIO
4 ore

Giornata Alzheimer: «La vita accanto alla mia compagna che non ricorda più nulla»

Il 21 settembre si celebra la Giornata mondiale della "ladra dei ricordi". «Mi prendo cura della mia piccolina. Le sue carezze mi fanno sentire fortunato»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile