LOCARNO
15.09.17 - 08:030

Giovani picchiatori, il leghista: «Sono stranieri o naturalizzati?»

Il Consigliere comunale Aron D’Errico interroga il Municipio sulla nazionalità degli autori dei recenti episodi di violenza nel Locarnese. «La gente ha il diritto di sapere»

LOCARNO - Il pugno in faccia a uno sconosciuto e l’esistenza di giovani picchiatori nel Locarnese di cui abbiamo riferito negli scorsi giorni ha allertato la politica. Il consigliere comunale leghista Aron D’Errico ha inoltrato in Municipio un’interrogazione per chiedere se i recenti episodi di violenza siano opera di stranieri o di svizzeri.

«Lo scorso aprile - scrive D’Errico nella sua interrogazione - all’esterno di una discoteca di Gordola è morto un padre di famiglia per un pugno. Questa estate invece ad Ascona un uomo ha sparato alla sua ex moglie. Tutte violenze con un denominatore in comune: gli aggressori erano stranieri o naturalizzati».  E aggiunge: «È dunque inevitabile chiedersi se pure questa volta siano coinvolti degli stranieri o dei naturalizzati: sia per trasparenza che per completezza d’informazione. La gente ha il diritto di sapere, in modo da farsi un’opinione senza censure». 

Le quattro domande rivolte al Municipio di Locarno

1. L’autore della recente aggressione è svizzero o straniero? Se svizzero, si tratta di un naturalizzato?

2. Qual è la nazionalità dei giovani, stando ai media noti per risse e violenze nella regione, che fanno parte del presunto gruppo di picchiatori? Quanti di loro hanno il passaporto straniero e quanti sono svizzeri naturalizzati? In quali altri fatti violenti sono implicati? Hanno precedenti penali?

3. I componenti del presunto gruppo di picchiatori lavorano o sono a carico dello Stato?

4. Nei casi di naturalizzati che compiono gravi reati bisognerebbe procedere con il ritiro del passaporto e l’espulsione nel paese d’origine. Qual è la posizione del Municipio in merito a questa proposta federale?

TOP NEWS Ticino
LUGANO
52 min
Mettono in scena un incidente per truffare l'assicurazione
Quattro persone sono finite in manette. Una di loro deve rispondere pure di falsità in documenti
CANTONE
2 ore
I divorzi sono in aumento, soprattutto in Ticino
È quanto si evince dai dati provvisori per il 2019 dell'Ufficio federale di statistica
FOTO
ITALIA / CONFINE
3 ore
Coronavirus, quarto morto in Italia
Scaffali dei supermercati di nuovo pieni, ma latitano i disinfettanti. E c'è chi manifesta in dogana
LUGANO
5 ore
Le trappole del finanziamento facile
La trappola delle cauzioni per ottenere denaro che non arriverà mai.
FOTO
BELLINZONA
16 ore
Un corteo da record: oltre 25.000 spettatori
La tradizionale sfilata, cuore del carnevale Rabadan, è stata baciata dal sole. Podio tutto biaschese tra i carri
LUGANO
18 ore
La paura dei treni affollati. «Io lavorerò da casa»
L’effetto Coronavirus si fa sentire anche in alcune aziende ticinesi.
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
21 ore
È iniziato il mitico corteo del 157esimo Rabadan
Fra Guggen, gruppi e carri un pomeriggio di festa (e baciato dal sole) in quel di Bellinzona
BELLINZONA
22 ore
Quanta adrenalina, prima del super corteo
È il momento clou del carnevale Rabadan. Il backstage delle ore che lo hanno preceduto
CANTONE
22 ore
Coronavirus: «Nessun caso sospetto in Ticino. Ma siamo pronti»
Lo riferisce il DSS. Domani il gruppo di coordinamento allargato deciderà se attivare nuove misure
CHIASSO
1 gior
Volevano entrare in Svizzera con 225 chili di hashish. Arrestati
Le manette sono scattate per due cittadini stranieri. Entrambi residenti all'estero
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile