archivio Tipress
CANTONE
12.09.17 - 09:550

Galeazzi: «Berna risarcisca il Ticino»

BELLINZONA - «Congelare i ristorni delle imposte alla fonte e costituirsi parte lesa nei confronti della Confederazione». A chiederlo è il deputato Tiziano Galeazzi che, a nome del gruppo La Destra, ha presentato una mozione al Consiglio di Stato.

Speculare a quello presentato al Consiglio federale da parte del Consigliere nazionale Marco Chiesa, l’atto mette in evidenza gli effetti negativi della mancata sottoscrizione dell’accordo con Roma, chiedendo al Consiglio federale di «farsi carico da un profilo finanziario, delle mancate entrate finanziarie che questa situazione arreca al Cantone», equivalenti a 15 milioni di franchi.

Gli argomenti

  1. Con l’entrata in vigore dell’accordo sulla libera circolazione delle persone, la Svizzera ha modificato l’accordo sui frontalieri con l’Austria, stornando il 12,5% delle imposte incassate alla fonte dai frontalieri al Governo austriaco.
  2. Con il nuovo accordo fiscale tra Svizzera e Italia, parafato verso la fine del 2015, il Ticino potrà incassare il 70% delle imposte in luogo dell’attuale 61,2% e, soprattutto, i lavoratori frontalieri dovranno dichiarare il loro salario in Italia.
  3. La mancata entrata in vigore dell'accordo ha, indirettamente, pesanti conseguenze sul mercato del lavoro ticinese che subisce un significativo dumping salariale a causa dei lavoratori frontalieri.
  4. Le minori entrate finanziarie stimate per il Cantone Ticino per la mancata entrata in vigore dell’accordo sui frontalieri è pari a 15 milioni di franchi, ovvero la differenza tra il 70 e il 61,2%. Secondo la Costituzione federale, la Confederazione ha la competenza esclusiva di concludere accordi con gli Stati esteri (art. 54 cpv. 1 Cost.) e deve salvaguardare gli interessi dei Cantoni (art. 54 cpv. 3 Cost.). Per queste ragioni viene chiesto al Consiglio federale, a seguito della violazione dell’art. 54 cpv. 3 Cost., una solidarietà confederale sulla base dell’art. 44 cpv. 1 Cost. che stabilisce che Confederazione e Cantoni collaborano e si aiutano reciprocamente nell’adempimento dei loro compiti. Questa disposizione di stampo “federalista” riconosce una solidarietà tra Confederazione e Cantoni.

Alla luce del mutato contesto socio-economico intercorso dal 1974 ad oggi, si chiede al Consiglio di Stato:

  • Congelare a partire dal prossimo 30 giugno il ristorno delle imposte alla fonte alla Repubblica italiana secondo l’accordo del 1974..
  • Costituirsi parte lesa nei confronti della Confederazione per il risarcimento delle minori entrate finanziarie, cioè 15 milioni di franchi all’anno, sino a quando il nuovo accordo parafato nel 2015 non entrerà in vigore. Questo vale per gli anni 2016 e seguenti.

 

TOP NEWS Ticino
LUGANO
39 min

Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston

Precetto e sequestro beni da parte di Cantone e Confederazione nei confronti di Camillo Costa che dopo il crac è stato nominato Ispettore Onorario per i Beni architettonici di Albenga

CANOBBIO
2 ore

Rilasciato l'ex municipale, docente e allenatore accusato di pedofilia

I tempi dell'inchiesta si sarebbero dilatati eccessivamente. L'uomo godrebbe di uno stato di libertà provvisoria in attesa di processo

MUZZANO
4 ore

I tre sindacati al Corriere: «Ritirate i licenziamenti!»

Stamattina i rappresentanti di Atg, syndicom e Ocst hanno incontrato la direzione del giornale alla quale è stato formalmente chiesto di fare un passo indietro

FOTO E VIDEO
BELLINZONA
5 ore

Giovani in piazza per salvare il clima

A Bellinzona, come in altre 24 città svizzere, è stato organizzato uno sciopero. Tema centrale: le banche e i loro costi ambientali

BELLINZONA
6 ore

«Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso»

Polemiche nella zona di Pedevilla in seguito a un cantiere lungo la strada che porta ai Monti di Ravecchia. Il consorzio: «La strada stava cedendo, i lavori erano urgenti»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report