LOSONE
28.07.17 - 12:430

La Polizia comunale risponde a Guidetti

Il consigliere comunale aveva accusato il servizio di malfunzionamento

LOSONE - Lo Polizia comunale di Losone ha deciso di rispondere alle accuse fattegli da consigliere comunale Orlando Guidetti tramite un comunicato stampa (vedi correlato), che riportiamo nella sua versione integrale.

«Nello scorso fine settimana il Municipio di Losone ha appreso dalla stampa dell’inoltro di una cosiddetta “interpellanza” del cons. O. Guidetti concernente il servizio di Polizia sul territorio comunale.

Di fatto, lo scritto di Guidetti non consiste in un’“interpellanza”.

L’interpellanza è uno strumento mediante il quale un consigliere comunale può chiedere al Municipio informazioni su oggetti d’interesse collettivo comunale, ricevendo risposta in seduta di Consiglio comunale. Il suo scopo è quindi quello di favorire lo scambio di informazioni tra Esecutivo e Legislativo e il suo impatto è pubblico, nella misura in cui la risposta viene data nel corso di una seduta pubblica di Consiglio comunale (e successivamente viene eventualmente ripresa dalla stampa). Le tematiche oggetto di interpellanza non sono però illimitate: di fatto non possono essere oggetto di interpellanza temi che toccano la sfera privata e personale dei cittadini o temi che sono di esclusiva competenza del Municipio o di altre Autorità su cui il Legislativo non ha alcuna competenza di decisione.

Ritenute le circostanze e sovvertendo le usuali procedure, il Municipio ritiene pertanto doveroso rispondere mediante gli stessi canali utilizzati da Guidetti, al fine di chiarire in modo tempestivo una tematica che ha suscitato diverse reazioni.

Nel caso specifico il consigliere comunale espone dei fatti avvenuti sul territorio di Losone (un litigio personale tra due cittadini) e trae conclusioni fuorvianti, mettendo in discussione l’operato di un Servizio comunale e denigrando pubblicamente l’amministrazione per la gestione della politica della sicurezza, esigendo infine dal Municipio la convocazione “senza possibilità di rifiuto” della “Commissione polizia con la presenza del capo dicastero, onde trovare velocemente una soluzione”.

Nonostante sia trascorso già oltre un anno dall’inizio della legislatura, torna ancora una volta necessario ribadire che le Commissioni di consiglio comunale non vengono convocate dal Municipio, bensì dai relativi Presidenti designati (eventualmente sollecitati da altri suoi membri); esse si occupano inoltre di esaminare proposte su oggetti che richiedono una decisione del Legislativo in virtù dell’art. 13 LOC e non sono Commissioni di studio che rivestono un ruolo propositivo. Per questo possono invece essere utili commissioni di municipio la cui costituzione e gestione è però di competenza dell’Esecutivo.

Ciò precisato, ed esaminando in dettaglio quanto accaduto, va quindi puntualizzato quanto segue:

- la segnalazione di un’aggressione al numero di emergenza 117 (Polizia cantonale) è stata effettuata a fatti avvenuti (ossia non nel corso dell’alterco), alle 19.38 di un lunedì sera;

- al momento dei fatti, oltre alla Polizia cantonale, nella Regione era in servizio la Polizia comunale di Ascona, che in quanto Comune polo della Regione VII Locarnese ovest (territorio di Losone compreso) organizza la copertura di tutto il territorio 24 ore su 24, 7 giorni su 7, grazie anche all’importante collaborazione della Polizia comunale di Losone, che svolge regolarmente diversi turni disagiati (notturni e festivi) a favore di tutta la Regione VII; a scanso di equivoci, si precisa che l’organizzazione del servizio di polizia prevede regolarmente, in particolare nelle fasce orarie serali e notturne, la copertura del territorio regionale da parte di una sola delle due Polizie comunali strutturate (Ascona e Losone). Come detto in precedenza, al momento dei fatti segnalati dal cons. Guidetti, la Polizia comunale di Losone non era in servizio, mentre lo era quella di Ascona;

- l’operatore della Polizia cantonale che ha risposto alla segnalazione ha informato l’istante di non avere personale da inviare sul luogo, invitando nel contempo la vittima a sporgere denuncia. Va comunque ribadito che, seppure spiacevole, la situazione segnalata era di fatto nel frattempo rientrata, tanto che l’operatore del 117 non ha giudicato necessario distogliere una pattuglia operativa dai compiti che stava svolgendo in quel momento per accorrere sul luogo. Per quanto possa non essere condivisa, tale decisione è stata comunque presa da un operatore della Polizia cantonale: dedurne che la Polizia comunale di Losone funzioni male è quindi errato. Di fatto la stessa non è stata coinvolta e non può esserle attribuita alcuna responsabilità per quanto accaduto;

la persona aggredita ha successivamente chiesto ed ottenuto dalla Polizia comunale di Losone tutta la consulenza necessaria e le informazioni circa le modalità con cui procedere per sporgere denuncia e far valere i propri diritti.

Fatte queste doverose precisazioni, il Municipio sottolinea ancora una volta come sia sbagliato e tendenzioso accusare la Polizia comunale di Losone di non aver svolto i suoi doveri nella circostanza per poi trarne conclusioni sul suo operato in generale.

Non entriamo per contro nel merito delle critiche pregiudiziali sul sondaggio in corso presso la popolazione Losonese, se non per sottolineare che esso è eseguito da una società altamente specializzata con una solida esperienza in materia e che la sua impostazione è stata preventivamente presentata dal Municipio alla Commissione della gestione, la quale ha espresso all’unanimità il suo sostegno al progetto».

 

TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
I consigli della Polizia fanno arrabbiare le femministe
Il collettivo "Io l'8 ogni giorno" punta il dito contro un vademecum anti-aggressione, e chiede di rimuoverlo
BELLINZONA
3 ore
I giovani ne hanno combinate (anche con il Covid)
Furti, incendi, reati sui social, assembramenti. Il punto con il Magistrato dei minorenni
LUGANO
5 ore
Colpì la giornalista con una testata, identificata dalla polizia
Si tratta di una 20enne svizzera domiciliata nel Luganese che il 30 novembre manifestava contro le restrizioni Covid
LUGANO
5 ore
La prima neve è arrivata
Da Chiasso a Mendrisio fino a parte del Luganese i primi timidi fiocchi stanno scendendo dal cielo
LUGANO
5 ore
«Concreti indizi di un movente estremista»
La 28enne di Vezia resta in carcere, arresto confermato dal giudice. L'avvocato: «Serve una perizia psichiatrica»
BELLINZONA
5 ore
Picchiato e poi chiuso in casa dagli "amici"
Nuovi dettagli sulla lite di stamattina in un appartamento. I vicini: «C'erano già stati problemi»
CANTONE
10 ore
Affitti commerciali: «Il Cantone intervenga»
Se Berna non fa sconti, il Ps chiede a Bellinzona di aiutare le imprese
CANTONE
12 ore
Nuovo calo di pazienti negli ospedali
Nelle ultime 24 ore 18 persone sono state ricoverate nelle strutture sanitarie cantonali, mentre 26 le hanno lasciate.
FOTO
BELLINZONA
12 ore
Violenta lite in appartamento, la polizia cerca i responsabili
Un 25enne domiciliato nel Luganese ha riportato leggere ferite. Prima di andarsene, lo avrebbero chiuso dentro
BELLINZONA
15 ore
«Vado avanti a morfina, chiedo giustizia»
Continua la lotta di un 30enne contro il medico che lo ha operato alla schiena: «Io, danneggiato. E nessuno risponde».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile