Archivio Tipress
CANTONE
07.06.17 - 15:160

La Lega insorge: «Quello sul casellario è un vergognoso tradimento»

Il movimento di via Monte Boglia si dice «sconcertato dalla decisione presa dalla maggioranza PLR-PPD e PS in Consiglio di Stato» e preannuncia battaglia: «Lotteremo perché venga revocata»

LUGANO - «È un vergognoso tradimento da parte della maggioranza PLR-PPD-PS in Consiglio di Stato». Non è tardata ad arrivare la presa di posizione del movimento di via Monte Boglia alla decisione del Governo, presa «contro la volontà dei due ministri leghisti», di cancellare l'obbligo di presentazione  del casellario giudiziale per l’ottenimento di un permesso G o B. 

«Siamo sconcertati» - La Lega dei Ticinesi si dice «sconcertata» da questa decisione soprattutto perché l'introduzione «poggia  su un grande consenso sia popolare (petizione con oltre 12mila firme raccolte) che parlamentare». Il movimento ricorda infatti che la richiesta di introduzione del casellario giudiziale «era sfociata in ben due iniziative cantonali ticinesi, approvate nelle Commissioni delle istituzioni politiche (CIP) di entrambe le Camere federali; tra l’altro su raccomandazione (!) del Consiglio di Stato stesso».

«Provvedimento efficace» - La Lega sottolinea poi che la richiesta del casellario giudiziale si è dimostrata efficace in più di un'occasione: «Ha consentito di rifiutare 64 permessi a cittadini stranieri macchiatisi di gravi reati, e dunque pericolosi». E non solo. «A questi - secondo la Lega - bisogna aggiungere tutti i pregiudicati che, sapendo della richiesta dell’estratto del casellario, hanno rinunciato a postulare l’ottenimento di un permesso per trasferirsi in Ticino: costoro, evidentemente, non figurano in alcuna statistica».

«Volontà tradita» - Secondo la Lega la «scandalosa» decisione odierna presa dalla maggioranza PLR, PPD e PS «tradisce la volontà di cittadini e parlamento», mina «la credibilità del Ticino a livello federale» e infine sacrifica «la sicurezza interna del Ticino sull’altare di illusori accordi fiscali sui frontalieri».

«Polemiche montate ad arte» - La Lega poi attacca i politici della vicina Penisola. «È evidente che l’Italia non ha alcuna intenzione di ratificare i nuovi accordi fiscali sui frontalieri, poiché aumentare le imposte a questi ultimi è controproducente dal profilo elettorale. Le recenti polemiche montate ad arte da politici della vicina Penisola a sostegno dei frontalieri lo dimostrano al di là di ogni dubbio. Ricordiamo, nel caso alla maggioranza PLR-PPD-PS fosse sfuggito, che in Italia si sta dibattendo la nuova legge elettorale in prospettiva di indire le elezioni in ottobre. È pure evidente che nessuna forza politica vorrà giocarsi il prezioso sostegno dei frontalieri ratificando un accordo che prevede un loro aggravio fiscale».

«Nessun passo in avanti» - «Secondariamente - continuano i leghisti - i nuovi accordi non sono nemmeno così interessanti per il Ticino: le maggiori entrate rischiano di essere irrilevanti se non inesistenti, ed in più il nostro Cantone perderebbe la possibilità di  bloccare i ristorni dei frontalieri, e con essa il suo più efficace mezzo di pressione nei confronti sia di Berna che di Roma. Altrettanto evidente è che la proditoria e scandalosa decisione odierna della maggioranza governativa non permetterà di compiere alcun passo avanti a proposito della cancellazione del nostro Paese dalle black list italiane illegali, e nemmeno per quanto attiene alla possibilità degli operatori finanziari elvetici di operare oltreconfine». I leghisti sono quindi convinti che la «cancellazione della richiesta del casellario giudiziale non ci farà avanzare di un centimetro nei dossier aperti con l’Italia, mentre danneggia pesantemente la sicurezza interna del nostro Cantone».

«Faremo di tutto perché venga revocata» - La Lega dei Ticinesi annuncia già fin d’ora che «percorrerà tutte le strade possibili – a cominciare da quella parlamentare – affinché l’inaccettabile decisione governativa odierna venga revocata, e la richiesta sistematica del casellario giudiziale ripristinata quanto prima».

 

 

Commenti
 
volabas 2 anni fa su tio
una delle cose giuste la tolgono...mah, continuiamo a piegarci..se ci va bene ci verra' solo il mal di schiena
Nicklugano 2 anni fa su tio
@volabas Attento, che stanno discutendo di tassare il mal di schiena
GIGETTO 2 anni fa su tio
POLITICI TICINESI (?) VERGOGNATEVI!! INCAPACI!!
El Jardinero 2 anni fa su tio
Si ma ragazzi,so che è una menata la storia del casellario, non piace nemmeno a me ma, questo È stato fatto come "compromesso" con l'Italia per portare avanti una politica che dovrebbe contrastare il dumping salariale.Non capisco perchè la Lega parla di tradimento..Tradimento de ché? Proviamo a vedere pure i lati positivi della medaglia, volete continuare a subire queste ingiustizie sui posti di lavoro?
moma 2 anni fa su tio
Se poi aggiungiamo la notizia che i migranti mandano ai loro parenti in patria i soldi, nostri e guadagnati con fatica, dell'assistenza, bè che dire, nulla. Va bene essere solidali, caritatevoli e via dicendo, ma qui siamo al delirio. Siamo diventati dei tappeti dove tutto il mondo si pulisce le scarpe. Meglio l'estinzione, che forse ci meritiamo anche.
shooter01 2 anni fa su tio
vedo che i lustrascarpe non sono solo a Berna. Ovviamente
maocr 2 anni fa su tio
@shooter01 Che schifo
vulpus 2 anni fa su tio
Quella del casellario è un amisura che condividevo poco, in quanto, si dovrebbe partire dal principio che se vogliamo meno frontalieri siamo noi che non dobbiamo assumerli, non dobbiamo chiamarli enon dobbiamo dare lavoro a quelle ditte che fanno lavorare solo frontalieri. E l'ente pubblico che delibera lavori dovrebbe, a priori, scartare quelle aziende fantociio, che a livello di RC , fanno di tutto e di più e poi non hanno personale che lavora. Ma ora l'annullamento di questa misura lascia però interdetti, in quanto a livello federale la questione è sul tavolo, e tanto valeva mantenerla fintanto che a Berna avessero deciso per il si o per il no. Se poi , consideriamo che dal nuovo accordo, non è che miglioriamo la situazione, tanto vale tenere quello attuale.
MIM 2 anni fa su tio
@vulpus Il casellario giugiziale serve per evitare personaggi con precedenti penali, non per bloccare i frontalieri, e che sappia io i permessi non concessi riguardano più i B che i G (frontalieri). Per il resto sono completamente d'accordo con te: questi nuovi accordi con l'Italia sono deleteri e dettati su necessità italiane. Una cosa che non capisco è perché bisogna trattare con l'Italia (quando conviene a lei) e con l'UE invece per principio.
francox 2 anni fa su tio
Più che a un vergognoso tradimento la vedo come una confessione. Si preferisce assumere un frontaliero a uno svizzero, anche se il frontaliero è un ladro o comunque fuorilegge. Non chiediamoci più perché gli uffici disoccupazione sono pieni di giovani ticinesi, la risposta è in questo articolo.
RV50 2 anni fa su tio
Certo che ci lasciamo proprio metterci i piedi in testa da dei politici da poco conto pronti a prostituirsi al volere dei nostri cari vicini italiani. Non l'anno ancora capito che quel governo di burattinai ci tratta a pesci in faccia. Quando lo capiranno i nostri politici PS - PLR - PPD che li stanno facendo ballare come delle marionette con promesse che non saranno mai messe in atto. Peccato per quei politici che stanno tentando di dare ancora valore ai ticinesi; ci tengo a farvi notare che non sono un leghista; ma ora si sta esagerando e penso che sia ora che il popolo ticinese voti le persone e non i partiti che si prendono gioco dei loro elettori.
maocr 2 anni fa su tio
@RV50 I partiti che citi sono i partiti del sedere al caldo,e capiscono che cosi il Loro didietro è ancora più al caldo quanto a fare gli interessi del popolo è una mera utopia. Sono partiti fatti ormai con un solo stampo,ma con nome diverso.. A quella gente del cittadino non gliene frega niente,gli interessa solo l'interesse dei loro fedeli(industriali commercianti e altro ).
beta 2 anni fa su tio
Chissà se la gente che abita questo cantone di marionette alle prossime votazioni si ricorderà di questi pseudo politici ? Le leggi e i cavilli delle stesse valgono solo per gli abitanti del quasi enclave lombardo ???
verità 2 anni fa su tio
Quando devo prendere atto di certe decisioni, mi vergogno di essere ticinese. Speriamo che alle prossime votazioni tutti si ricordino di come siamo considerati da chi dovrebbe rappresentare i nostri interessi. Passi per i PS, i cui accoliti o vivono di prestazioni sociali o sono impiegati in qualche ufficio distributore di soldi, ma dagli altri mi sarei aspettato che tirassero fuori le p.....e! Schifato, semplicemente schifato.
bobà 2 anni fa su tio
Su dai, avanti che mettiamo il popolo davanti!
Zico 2 anni fa su tio
@bobà e lo mettiamo giù a novanta...ecco perchè ci mettono davanti! magari però alle prossime elezioni se lo trovano dietro. anche se grazie a una legge fatta da uregiatt non si può avere la maggioranza assoluta, ma si possono cambiare i CDS. sperem. al momento non ci resta che piangere
Nicklugano 2 anni fa su tio
"La presentazione del casellario sarà possibile su base volontaria". Chi ha deciso questa forma di presentazione sarebbe anzitutto da sottoporre ad un accurato esame tossicologico, perché qualcosa deve aver preso... Vogliamo vedere quanti lo presenteranno, pregiudicati o meno? Chi sono i fenomeni che credono a quanto hanno deciso ?
bobà 2 anni fa su tio
@Nicklugano Probabilmente la decisione è stata presa il 31 maggio 2017, giornata senza tabacco. Quindi hanno fumato erba pura!
maocr 2 anni fa su tio
@Nicklugano Non è una questione di sostanze assunte di troppo, è una questione di mancanza, mancanza di cervello,mancanza di logica,proabilmente anche un'assenza dalla nozione di realtà Se hanno preso qualcosa,c'è da preoccuparsi,perche deve essere molto ma molto forte.
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile