LOCARNO
15.12.16 - 18:260

Sulle attività per i giovani «non facciamo dietrofont»

LOCARNO - Sono diversi anni che i Giovani Liberali del distretto del Locarnese e Valli si impegnano al fine di ottenere maggiori possibilità di intrattenimento e attività per i giovani, nonché più libertà nei confronti degli esercenti.

Sul finire del 2015 il Municipio ha operato in questo senso, sbloccando i permessi per i gerenti di locali. Questo cambiamento ha portato ad un incremento delle richieste di permesso per eventi musicali e ricreativi.

Il fatto che i giovani locarnesi, nonché gli esercenti del centro, stiano reagendo positivamente alla novità, iniziando a far vivere nuovamente con brio il centro cittadino, non deve essere visto negativamente, ma piuttosto come l'impegno al mantenimento di una certa attrattività della città, non solo per i residenti, ma anche per i turisti.

È giunto il momento, ora più che mai, di regolamentare in maniera più specifica e rigorosa l'andamento di questo fenomeno positivo, senza tuttavia perdere il terreno appena guadagnato, sottolineando che i gerenti di esercizi pubblici puntano, tra le altre cose, al miglioramento dell'immagine della città. Miglioramento che non deve assolutamente svilupparsi in maniera arbitraria ed incontrollata, ma che necessita di una regolamentazione ben precisa, lasciando comunque libera la via, per quanto possibile, in periodi di massima affluenza, quale la stagione estiva.

Noi ci siamo, ringraziamo il municipio per aver rilasciato questi nuovi permessi ed aver tolto le vecchie restrizioni. In particolar modo siamo grati al sindaco Scherrer, il quale è ben disposto ad una maggiore flessibilità per gli orari degli eventi ricreativi.

TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Scappano dai postriboli per il coronavirus
Il panico per la pandemia non risparmia i locali a luci rosse. Cala la clientela e le ragazze si prendono una “pausa”
FOTO E VIDEO
CANTONE
2 ore
Coronavirus: uno sguardo nelle tendine per il triage
Lo scopo? Evitare i contatti tra eventuali contagiati e altri pazienti
CANTONE
3 ore
«Ecco perché la gente ruba le mascherine»
Panico da Coronavirus, il sociologo Sandro Cattacin critica le autorità: «Sbagliato fermare carnevali ed eventi».
CANTONE/ITALIA
4 ore
L'odissea di una famiglia ticinese a Malpensa
Cancellato il volo per le Canarie, senza rimborso. «Faremo causa»
CANTONE
11 ore
Nuova notizia fake, si scherza con la salute di tutti
Sono stati diffusi alcuni nostri articoli volutamente modificati. Seguite solo i canali ufficiali
FOTO E VIDEO
VACALLO
15 ore
Rapina a un distributore di benzina
È accaduto in via del Breggia. I tre malviventi si sono dati alla fuga
CANTONE
15 ore
Quindici aziende "lasciano a casa" per il virus
Telelavoro "coatto" per evitare contagi. La lista delle aziende si allunga. L'indagine Aiti
CANTONE
17 ore
Coronavirus: «Ci sono 15 casi sospetti»
Merlani: «Attendiamo i risultati dei test». Le scuole lunedì saranno aperte normalmente
LUGANO-MILANO
19 ore
Chi ha paura di andare a Milano?
Ecco come i nostri lettori si regolano con l'epidemia
LUGANO
22 ore
Lavoratori a casa per il virus: «Chiamano preoccupati»
Alcune aziende in Ticino hanno iniziato a mettere "in isolamento" i lavoratori. Unia: «Diverse sollecitazioni»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile