Foto d'archivio (Tipress)
CANTONE
21.10.16 - 10:420
Aggiornamento : 11:51

Calano le aziende formatrici, stabili gli apprendisti

La Commissione cantonale per la formazione professionale, riunitasi mercoledì scorso, ha visionato i dati sull'evoluzione degli apprendistati

BELLINZONA - Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) – attraverso la Divisione della formazione professionale (DFP) informa che mercoledì 19 ottobre 2016 si è riunita a Bellinzona la Commissione cantonale per la formazione professionale (CCFP) presieduta dalla signora Nadia Ghisolfi.

La Commissione in particolare ha preso visione dei dati riguardanti l’evoluzione delle aziende formatrici e i relativi apprendisti dal 2013 al 2016.

Globalmente si constata una diminuzione regolare del numero di aziende dal 2013 ad oggi, con però una concomitante tenuta, se non addirittura un aumento, del numero complessivo di apprendisti. Questa diminuzione di aziende non è lineare e generalizzata all’insieme delle aziende formatrici, ma concerne soprattutto le micro-aziende. Si perdono infatti ditte tra quelle che formano 1-2 apprendisti (meno 209), mentre si guadagnano tra quelle dai tre apprendisti in su (più 39).

Sulla base di questi dati la Commissione ha ribadito la centralità della formazione duale lanciando un appello al mondo politico ed alle famiglie di sostegno con fatti concreti e tangibili alle aziende che sul nostro territorio formano apprendisti.Riguardo al tema «La Scuola che verrà» si è discusso della necessità di allineare i diversi livelli della formazione attraverso condizioni e requisiti di accesso ai diversi percorsi della formazione di base.

Nell’elaborazione dei profili dei requisiti si partirà dall’analisi delle attuali condizioni di ammissione, per poi argomentare le implicazione del passaggio ad un approccio per competenze, che presuppone la libera e consapevole scelta del percorso post-obbligo da parte dei giovani e delle famiglie.

La Commissione invita tutte le associazioni padronali e sindacali a rispondere alla consultazione sul secondo rapporto di progetto entro il 31 marzo 2017.

Da ultimo la Commissione ha espresso la propria soddisfazione in merito alla manifestazione Espoprofessioni che si è svolta nel corso del mese di marzo 2016, ribadendo l’importanza di un’analisi più approfondita sulla fattibilità del progetto “cité des mêtiers” oggetto anche di una mozione parlamentare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
7 ore
Nevicate che sanno di beffa per Cardada
Vista la meteo di questi giorni, qualche rimpianto per la chiusura degli impianti c’è. «Ma un anno in più non avrebbe fatto la differenza», spiega il locale Sci Club
SONDAGGIO
CANTONE
9 ore
Acquisti online tabù: «I regali comprateli in Ticino»
L’appello della Federcommercio in vista del Natale. La presidente Lorenza Sommaruga: «Non vogliamo demonizzare nessuno. Però tanti piccoli negozi sono a rischio chiusura»
CANTONE
11 ore
Vent’anni di prigione, e l’espulsione dalla Svizzera
È la pena esemplare proposta dalla Procura per il 56enne che, due anni fa, uccise la moglie all’autosilo di Ascona
CANTONE / CONFINE
12 ore
Ticinesi nei boschi per la droga, fermato l'ennesimo traffico
Un anno di pedinamenti, mezzi aerei e diverse auto per porre un freno allo spaccio in quel del Parco Pineta
CANTONE
13 ore
In aula va in scena il video dell'uccisione, e scoppia il dolore
Nella requisitoria, il Pp Moreno Capella ha ricostruito il «calvario» della donna uccisa all’autosilo di Ascona. Critiche dalla Procura alla polizia
CANTONE
14 ore
Ballottaggio per gli Stati: «La RSI non c’era»
La critica del Consiglio del pubblico della CORSI: «C'era voglia di informazione». Quindi le scuse: «Terremo conto delle osservazioni per migliorare»
CANTONE
15 ore
«Mikron? La loro è irresponsabilità sociale»
L'MPS punta il dito contro il Cantone definendolo complice dei licenziamenti «con la sua politica di sgravi fiscali»
CANTONE
17 ore
La "prova" del tradimento? «Un herpes sulle labbra»
Emergono nuovi particolari dal processo al 56enne che, nel giugno 2017, uccise a colpi di pistola la moglie in un autosilo ad Ascona
CANTONE
17 ore
«Non è possibile quantificare esattamente i tagli»
Il responsabile delle finanze di Mikron ha commentato la notizia dei 25 licenziamenti annunciati ad Agno. Senza sbilanciarsi: «Dipenderà dall'evoluzione delle commesse nei prossimi mesi»
CANTONE
18 ore
«Io la amavo, signor giudice, la amavo»
A processo il 56enne che uccise la moglie in un autosilo di Ascona, nel 2017. Tra lacrime in aula e accuse di tradimenti
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile