TiPress
CANTONE
08.02.19 - 18:470
Aggiornamento : 11.02.19 - 06:36

Xenia Peran è (ancora) una candidata in Gran Consiglio

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso contro lo stralcio della sua candidatura per la Lega Verde. Ma per il Governo è ormai stato presentato un sostituto

BELLINZONA - La candidatura di Xenia Peran al Gran Consiglio (nella lista Lega Verde) è valida. Lo ha deciso il Consiglio di Stato accogliendo il suo ricorso.

Lo scorso 30 gennaio il Consiglio di Stato ha stralciato dalle proposte di lista per l’elezione del Gran Consiglio e del Consiglio di Stato della Lega Verde il nome di Xenia Peran. Il motivo era che non risultava iscritta in nessun catalogo elettorale con diritto di voto in materiale federale. La Peran risultava infatti quale cittadina svizzera residente all’estero e non iscritta al catalogo elettorale di Lugano, come neppure nel catalogo elettronico degli svizzeri domiciliati all’estero. In sua sostituzione la Lega Verde ha deciso di schierare quale candidato al Consiglio di Stato Giorgio Giacomazzi.

L’avvocato Peran ha inoltrato ricorso adducendo la violazione del diritto di essere sentito e spiegando di avere «di recente trasferito il domicilio principale a Milano, mantenendo una residenza secondaria a Lugano», ma di essersi «premurata di accertarsi che la candidatura fosse in ordine» telefonando anche «alla Cancelleria il 24 gennaio». Il Punto-città le aveva quindi confermato di risultare unicamente partita per l’Italia e non iscritta nel catalogo elettorale elettronico degli svizzeri domiciliati all’estero. La Peran ha quindi «provveduto a iscriversi immediatamente online» nel registro degli svizzeri all’estero (compreso il diritto di voto). Lo stesso giorno (il 25 gennaio) il Punto-città al telefono le ha confermato che risultava iscritta nel catalogo elettorale, potendo votare e candidarsi. Lunedì 28 gennaio la candidatura di Xenia Peran è stata pubblicata e diramata insieme alle altre.

Ma il 30 gennaio il suo nome è stato stralciato dalla lista. Sulla base della documentazione presentata da Xenia Peran che dimostra la sua iscrizione al registro degli svizzeri all'estero, il Consiglio di Stato ha - con decisione del 5 febbraio - annullato lo stralcio della candidatura per l’elezione del Gran Consiglio.

Per quanto attiene all’elezione del Consiglio di Stato, invece, «la Lega Verde ha presentato in sostituzione della signora Peran la candidatura del signor Giorgio Giacomazzi. Pertanto - scrive il Governo -, essendo stata sostituita la candidatura, il gravame è divenuto privo di oggetto», nonostante l’avvocato precisi che la Lega Verde ha proposto il sostituto (il 4 febbraio) a «sua totale insaputa, senza averle dato la possiblità di presentare le sue osservazioni nel rispetto del diritto di essere sentita».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
RIVIERA
1 ora

Quel che resta del capannone bruciato a Iragna

La struttura colpita dal rogo di questa notte ha subito importanti danni

CANTONE
2 ore

Gottardo chiuso e A2 da bollino rosso

La galleria autostradale è stata chiusa in entrambi i sensi a causa di un veicolo in avaria

CANTONE
3 ore

Allerta caldo confermata fino a venerdì

MeteoSvizzera ha diramato questa mattina un avviso di livello 3 valido a partire dalle 12 di domani

RIVIERA
4 ore

Incendio a Iragna, rientrate in casa le persone evacuate

Il rogo è divampato poco dopo le 4.30 di questa mattina. Non ci sono feriti

FOTO
LOCARNO
6 ore

I Jamiroquai si prendono Piazza Grande

Grande festa per la penultima serata di Moon & Stars. Sul palco anche il soul britannico di Joss Stone

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile