Fotolia
CANTONE/CONFEDERAZIONE
23.05.18 - 05:550
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:17

Posti di lavoro vacanti: qui manca sempre più gente

Pochi fiduciari, pochi tecnici, pochi medici. Solo macchinisti e operatori del tessile sono troppi: ma perché sono lavoro in via d'estinzione

LUGANO/ZURIGO - Da un lato, la digitalizzazione che ormai non incombe più: prolifera, stravolgendo professioni e/o rubando il posto agli uomini. Dall'altro, l'invecchiamento della popolazione, con le aziende costrette a rimpiazzare, e con seria difficoltà, chi se ne va in pensione. Il risultato è una carenza di personale qualificato che ora si accentua ora decresce a seconda dei settori, e stima un vuoto di circa mezzo milione di lavoratori entro il 2030.

Contabili, revisori, esperti fiscali: dove sono finiti? - «È importante capire subito quali categorie sono particolarmente colpite, così che l'economia e la politica adotti per tempo misure appropriate», osserva Nicole Burth, ceo del gruppo Adecco Switzerland, che in collaborazione con il servizio di monitoraggio dell'Università di Zurigo ha condotto uno studio su domanda e offerta nel mercato del lavoro. Scoprendo che la maggioranza delle lacune si colloca, in Ticino come genericamente in Svizzera, per lo più in ambito fiduciario.

Professioni tecniche affossate dalle donne - Periti contabili, revisori, fiduciari, esperti fiscali: è fra queste professioni che, nel 2018, si conta il numero più elevato di posti vacanti per disoccupato. La sorpresa arriva però dalla Svizzera tedesca, dove si è compiuto il temuto sorpasso. Il primo posto è occupato dagli impieghi che richiedono competenze tecniche, estrema conseguenza di un atteggiamento e una mentalità chiusa, da tempo lamentata e deplorata. Molta responsabilità pare sia imputabile infatti alle donne: «Il numero di coloro che completano una formazione nelle cosiddette professioni Mint - matematica, infomatica, scienze naturali e tecnologia - è ancora troppo scarso», continua Nicole Burth.  Ecco dunque che la domanda, sempre più forte, si traduce in carenza dell'offerta di lavoratori e impieghi che restano vacanti. 

I medici arrivano dall'estero - Una conferma arriva poi dal settore medico, da tempo in crisi. La situazione si è però addirittura aggravata. In modo meno marcato in Ticino, dove si sopperisce all'assenza di professionisti reclutandoli all'estero: «Una pratica in realtà diffusa su tutto il territorio elvetico», precisa a tio.ch/20minuti Helen Buchs, del servizio di monitoraggio del mercato del lavoro svizzero all'Università di Zurigo. Probabilmente, conviene però, «questa prassi è più frequente in Ticino che altrove». Fatto sta che mentre nel resto della Svizzera la carenza di professionisti negli ospedali e negli studi medici sale, qui è «meno accentuata rispetto allo scorso anno».

I vuoti lasciati dagli insegnanti, troppo stressati - Si approfondisce anche la mancanza di insegnanti, in questo caso addirittura dettata, svela sempre Helen Buchs a tio.ch, dalle condizioni in cui operano. «I carichi di lavoro cui i docenti sono sottoposti sono stati di recente molto criticati - riflette - Gli insegnanti lasciano perché si sentono spossati, esausti. Di conseguenza, le scuole devono reclutare nuovi professori. Assistiamo dunque a questa doppia tendenza: da un lato un calo della disoccupazione nel settore, dall'altro un incremento nel  numero di posti vacanti». 

Più giardinieri e fioristi - Parecchio problematici anche i settori dell'elettronica e della produzione degli orologi, dove «il fenomeno è diventato più acuto». In aumento il numero di posti vacanti anche nell'agricoltura, presumibilmente perché «è aumentata la richiesta di giardinieri e fioristi». 

L'automatizzazione nelle banche, la crisi nei media - A scivolare giù nella classifica poco lusinghiera delle carenze di personale sono categorie molto disparate: che nascondono però semplicemente disagi di ordine diverso, e non meno gravi. Spesso si tratta di una scarsità di offerta di impiego, che non è necessariamente indice di benessere. Per esempio, «banche e assicurazioni hanno iniziato ad automatizzare il lavoro, per questo hanno meno bisogno di personale formato». Analogo discorso per il settore dei media: «La domanda di professionisti si sta assottigliando nel corso degli anni. Gli editori devono risparmaire e assumono meno». 

Addio macchinisti - Infine, macchinisti e operatori del tessile, agli ultimi posti fra le professioni che lamentano carenze. Tutt'altro, però, che oasi felici. I primi stanno letteralmente scomparendo: «A causa dell'automazione  e della digitalizzazione, si ricercano collaboratori con competenze più elevate».

E il tessile delocalizza - Quanto al tessile, oltre all'automatizzazione fa una grossa parte «l'esternalizzazione della produzione verso i paesi stranieri: le prospettive di lavoro in questi settori sono pressoché inesistenti. Di conseguenza, la maggior parte dei lavoratori deve riqualificarsi e, se necessario, apprendere una professione completamente nuova. Sì - riconosce e conclude Buchs - questo potrebbe diventare un problema serio per il Ticino.

Commenti
 
La Giusy 1 anno fa su fb
Hanno finito i frontalieri?
Chris Tai 1 anno fa su fb
cazzate preferiscono prendere frontalieri e pagarli meno
Ila Pol 1 anno fa su fb
Tea Patritti !!!!!
Tea Patritti 1 anno fa su fb
Ila volevi taggare la Jess?? ?
Ila Pol 1 anno fa su fb
Tea Patritti ????? siiii ops! grazieeeee
Tea Patritti 1 anno fa su fb
Pregoooo?
Ila Pol 1 anno fa su fb
Tea Patritti
Jess Patritti 1 anno fa su fb
???
Ila Pol 1 anno fa su fb
Jess Patritti ??????????????
Ila Pol 1 anno fa su fb
cavolate (x non dire altro) a me, anni fa, è stato risposto che ero TROPPO formata dunque dovevano pagarmi di più..???
Ila Pol 1 anno fa su fb
cmq meglio perché son più contenta ora .. dunque non tutto il male vien x nuocere ..??
Ivan Iovine 1 anno fa su fb
Amedeo Schwaller
Amedeo Schwaller 1 anno fa su fb
Tecnologi tessili
Ivan Iovine 1 anno fa su fb
è scritto peraltro molto bene questo articolo, molto fluido e privo di errori grammaticali.
Amedeo Schwaller 1 anno fa su fb
Ivan Iovine più tardi mi dedico. Ora vado alla classe di kintsugi
Giovanni Cobra Cavaliere 1 anno fa su fb
Mi vorrei uccidere dopo sto articolo
Ivan Iovine 1 anno fa su fb
???
Paolo Maclondon 1 anno fa su fb
Ditelo a mio figlio che cerca lavoro.....grazie!
Kya Lobos 1 anno fa su fb
Anche mio figlio cerca lavoro anche se ha un diploma
Paolo Maclondon 1 anno fa su fb
Già!
Sandra Giovannini 1 anno fa su fb
Matteo Thėo Rossi
Mara Gada-Barenco 1 anno fa su fb
migliorare magari un po' le condizioni di lavoro no? Nel campo sanitario i professionisti sono sempre più sotto stress, orari assurdi, tagli di personale (il lavoro che prima funzionava con un numero di medici e infermieri ora bisogna farlo con la metà del personale)e prendersi cura di pazienti che sia quantitativamente che qualitativamente richiedono molta energia. poi non bisogna chiedersi perché la gente va in bornout, succedono "errori", i pazienti reclamano, ecc...
Thor61 1 anno fa su tio
Non mancherebbero certo le risorse se la politica la smettesse di impedire ai giovani indigeni di studiare a costi umani (Io direi GRATIS) invece di importare fancaxxisti che a causa del loro costo sociale sottraggono molti di quei fondi che, volendo potevano finire verso i giovani per lo studio, ma la politica ha deciso diversamente e lo vediamo tutti i giorni.
elvicity 1 anno fa su tio
@Thor61 mi è nuovo che la politica impedisce ai giovani indigeni di studiare.
Thor61 1 anno fa su tio
@elvicity Perchè tu chi pensi gestisca la nazione??? (O meglio attua perchè le decisioni vere le prendono a Davos) Chiaro che la politica centri, non esiste nulla in cui la politica non metta mano.
Kevin Kast 1 anno fa su fb
Colpa loro se accettano solamente gente "di alta nota". Cosa che al giorno d'oggi non ce ne sono tanti. Io compreso faccio fatica a trovare quello che voglio.
Alfonso Listone 1 anno fa su fb
Magari
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

«Mio figlio parla solo tramite video»

Il mutismo selettivo è un problema per (almeno) una ventina di bambini in Ticino. L'associazione Atimuse: «Abbiamo fatto passi avanti»

CADENAZZO
1 ora

Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti

Il traffico parassitario è un problema in alcune strade residenziali del Comune. Il vicesindaco: «Entro metà-fine ottobre metteremo due telecamere»

CANTONE
3 ore

Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »

Il direttore del Lumino’s chiede la revisione del processo e fa leva sulla donazione alla Lega, negata da Bignasca: «Se ho dato 50mila franchi, che motivo avevo di far coazione sul loro ministro?»

CANTONE
4 ore

Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico

Negli ultimi tempi Camorino opta per l'ammonimento, laddove prima veniva ordinata la visita. «Uniformate le prassi cantonali. Nulla a che vedere coi fatti degli ultimi mesi» precisa l'autorità

LUGANO
11 ore

Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto

Sconosciuto l'autore del folle gesto. Il proprietario del veicolo: «Sono sconcertato e rattristato»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile