Immobili
Veicoli
Tipress
LUGANO
16.12.21 - 11:130

Fino a 19 anni di carcere per il delitto di via Valdani

Per l’accusa si trattò di assassinio: «La loro colpa è gravissima»

LUGANO - Quella sera del 27 novembre 2015, nell’autorimessa sotterranea di via Valdani a Chiasso, il fiduciario Angelo Falconi «è stato massacrato a sprangate per la misera somma di cinquemila franchi». Lo ha detto, ieri all’inizio del suo intervento, la procuratrice pubblica Marisa Alfier. Per lei si trattò pertanto di assassinio. E oggi chiede diciannove anni di carcere per Pasquale Ignorato e sedici anni e mezzo per il figlio 29enne. «La loro colpa è gravissima e al momento dei fatti non erano incensurati». Per il più giovane si parla inoltre di «assoluta mancanza di collaborazione».

I due - secondo la tesi esposta dall’accusa - si sono recati, quel giorno, nel garage sotterraneo con l’intenzione di attendere il fiduciario per «eliminarlo». E sapevano bene che la vittima sarebbe stata lì a quell’ora. Il giorno precedente, il figlio 29enne aveva infatti effettuato un sopralluogo. «C’è dunque stata premeditazione, condivisa da entrambi gli imputati». E aggiunge: «Ma chi è un padre che manda un figlio a fare un sopralluogo per dare una lezione a un uomo anziano?»

Il 27 novembre sono quindi arrivati nel parcheggio, entrambi armati. L’uno con un tubo metallico, l’altro con un oggetto da taglio. «Hanno preso assieme la decisione di togliere la vita a una persona, soltanto perché non rispondeva alla loro volontà» spiega la procuratrice. Sia Pasquale che il figlio erano ben più giovani della vittima, che aveva 73 anni. Vittima che aveva tentato di difendersi. «Hanno agito senza scrupoli e a sangue freddo».

La colpa della vittima? Nessuna, «lui aveva soltanto fatto il suo lavoro, comunicando con sei mesi di anticipo la decisione di sfratto» alla famiglia Ignorato. Una decisione che non Pasquale non voleva accettare. Tanto che, invece di cercare una nuova abitazione, aveva smesso di pagare la pigione, come aveva spiegato ieri la procuratrice Alfier.

Diversa la versione dei fatti fornita, anche in aula penale, dagli imputati. L’incontro con la vittima - a loro dire - sarebbe stato casuale. E il tubo metallico l’avrebbe preso la vittima dalla sua auto. Soltanto in seguito Pasquale sarebbe riuscito a impossessarsene. L’accusa afferma tuttavia che la loro credibilità «è pari a zero».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CONFINE
38 min
Centovallina: «Bloccati per 8-9 giorni»
Il sindaco di Re in Valle Vigezzo sulla frana che ha colpito la statale 337
FOTO
COLLINA D'ORO
40 min
Auto sbanda e colpisce un camioncino, almeno due feriti
La corsia di destra dall'autostrada, in direzione nord, è stata chiusa. Sul posto polizia e soccorritori.
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Coi ponti festivi, altre code al San Gottardo
Per Ascensione, Pentecoste e Corpus Domini, sono previsti disagi al traffico sull'autostrada A2
LOCARNO
2 ore
Da una cucina, fiamme e fumo
Via San Jorio si risveglia tra le sirene dei pompieri a causa di un incendio in una palazzina.
CANTONE
2 ore
Casi in netto calo e ospedali che si svuotano
I nuovi positivi sono 66. Negli ospedali restano ricoverati 52 pazienti per Covid. Due sono in terapia intensiva
LOCARNO
3 ore
Due intossicati e un ferito nell'incendio in via San Jorio
È questo il bilancio del rogo divampato stamattina poco prima delle 7.30 a Locarno.
CANTONE
6 ore
Gli animalisti saranno più veloci del fucile?
Il WWF valuterà un ricorso «dopo aver visto le motivazioni del governo». E invoca un cambio di strategia in futuro
CHIASSO
6 ore
Chiasso vuole "vendersi" meglio
Eventi, economia, demografia, ma anche turismo. Dopo anni difficili Chiasso vuole rilanciarsi.
FOTO
RANCATE
17 ore
Medacta si espande (e assume 300 persone)
L'azienda ha aperto una nuova sede a Rancate e ha in programma investimenti per diversi milioni
LUGANO
19 ore
Hannibal arriva in Ticino
Le temperature raggiungeranno i 30 gradi nel weekend. I consigli del DSS
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile