Rapina in coppia a un distributore di benzina del Mendrisiotto
Rescue Media
+1
STABIO
22.10.21 - 17:110
Aggiornamento : 22:35

Rapina in coppia a un distributore di benzina del Mendrisiotto

Il colpo è avvenuto questo pomeriggio alla Tamoil di San Pietro di Stabio. Gli autori in fuga a bordo di un'auto rubata

La stazione di servizio era già stata rapinata diverse volte in passato.

SAN PIETRO DI STABIO - A una settimana esatta dal colpo perpetrato a Novazzano, il Mendrisiotto deve fare di nuovo i conti con una piaga che sembrava essersi esaurita nel corso della pandemia. Quella delle rapine ai distributori di benzina che si trovano nei pressi dei valichi di frontiera italiani. 

A essere colpito, questo pomeriggio poco dopo le 16.20, è stato un negozio annesso a un distributore di benzina in via dogana a San Pietro di Stabio. Ad agire, riferisce in una nota la Polizia cantonale, sono stati una donna e un uomo. La prima si è fatta aprire la porta sul retro ed è stata raggiunta dal complice, armato. A quel punto i due - mentre il proprietario e la commessa scappavano dalla porta sul retro - hanno rubato le banconote presenti nella cassa prima di darsi alla fuga, verso il vicino valico doganale, a bordo di una vettura nera, che è risultata essere rubata in Italia.

Sul posto sono immediatamente intervenute diverse pattuglie della Polizia Cantonale, Comunale e delle Guardie di Confine. La zona è stata subito isolata. Non ci sono feriti.

La Polizia cantonale ha diramato i connotati dei due rapinatori:

  • Uomo, circa 185/190 centimetri di altezza. Indossava una giacca nera con cappuccio tipo Parka e aveva il volto coperto, scarpe da ginnastica nere.
  • Donna di piccola statura, magra, con felpa multicolore e leggins neri, volto coperto da mascherina nera.

Non una prima...
Quella di Tamoil è una stazione di servizio tristemente abituata a eventi del genere. La stessa era infatti già stata rapinata diverse volte in passato (qui i nostri articoli relativi ai colpi del 2 marzo 2015, del 6 maggio 2016 e del 18 aprile 2017). Un triste primato causato (anche) dalla posizione molto "interessante" per i malintenzionati, visto che il distributore si trova a soli duecento metri dal valico incustodito di San Pietro-Clivio.

Rescue Media
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
3 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
4 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
5 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
9 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
10 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
11 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
11 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
13 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
22 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile