Immobili
Veicoli
Spari in un appartamento, una 22enne ferita
Rescue Media
+6
LOCARNO
21.10.21 - 22:100
Aggiornamento : 22.10.21 - 13:37

Spari in un appartamento, una 22enne ferita

Scompiglio in Via Vallemaggia. Fermate due persone, tra cui il 20enne che avrebbe esploso i colpi d'arma da fuoco.

Isolata l'intera zona. Sul posto diverse pattuglie di polizia e l'ambulanza.

SOLDUNO - «La ragazza urlava, diceva che le avevano sparato in pancia. Ci sono stati almeno due spari consecutivi». Istantanee da brividi raccontate da una residente in Via Vallemaggia, a Solduno, dove si è vissuto un giovedì sera da paura. Con una 22enne che attorno alle dieci viene colpita da più colpi di arma da fuoco e finisce ricoverata d'urgenza all'ospedale. Due le persone fermate, tra cui il 20enne che avrebbe sparato. Un'altra donna, che abita di fronte al palazzo in cui si sono svolti i fatti dice: «La vittima è riuscita a uscire dall'edificio. Era sdraiata per terra con le mani sull'addome». 

Dinamica da appurare - La dinamica del dramma consumatosi al numero 51 A di Via Vallemaggia, a pochi passi da un distributore di benzina, è ancora piuttosto confusa ed è attualmente al vaglio degli inquirenti, ma potrebbe esserci una lite domestica alla base del ferimento. Più persone riferiscono di avere percepito qualcosa di simile a degli spari. «Ho sentito un colpo fortissimo verso le 22», racconta un uomo che vive nei paraggi. 

La conferma della polizia - Spari successivamente confermati dalla polizia cantonale, che in una nota ufficializza il fatto di sangue. Il presunto autore del gesto, un giovane di soli 20 anni, è stato posto in stato di fermo in seguito a una laboriosa operazione di polizia. L'arresto non è stato semplice dal momento che lo sparatore si sarebbe barricato in un locale del palazzo. L'intera zona è stata bloccata ed è stato necessario l'intervento di diverse pattuglie. C'è chi riferisce di vere e proprie «scene da film». In un primo tempo era stata fermata anche un'altra persona, presente sul luogo della tragedia. Il suo ruolo resta da chiarire. 

Condizioni gravi - La vittima, trasportata in ospedale dall'ambulanza, sarebbe in gravi condizioni. «Sono sconvolto – sospira un ragazzo che vive nel quartiere –. Conosco di vista la giovane a cui hanno sparato. Di solito la vedo passeggiare col cane. Stavo rientrando a casa mia quando ho visto un sacco di auto della polizia e mi è stato detto che non si poteva passare a causa di una sparatoria. Non mi dimenticherò tanto facilmente di questa serata».

Rescue Media
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AIROLO
10 ore
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
11 ore
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
13 ore
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
14 ore
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
15 ore
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
18 ore
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
19 ore
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
20 ore
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
21 ore
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
CANTONE
1 gior
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile