Ti Press
L'avvocato della difesa Yasar Ravi
CANTONE
22.09.21 - 10:260
Aggiornamento : 15:05

La parola alla difesa: «Davvero la vittima non sapeva la verità?»

Il processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 si è oggi riaperto con l’arringa difensiva

LUGANO - «Certo, l’imputato non è uno “stinco di santo”, ma questo non significa che sia una persona capace di uccidere». Nel processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 la parola è passata ai difensori, gli avvocati Luisa Polli e Yasar Ravi.

Per la difesa non regge la tesi dell’accusa - rappresentata dalla procuratrice Petra Canonica Alexakis - secondo cui il litigio avvenuto quel 9 aprile del 2019 poi sfociato nella morte della compagna di 22 anni avrebbe avuto origine da una questione di soldi. «Da oltre due mesi stavano insieme ventiquattro ore su ventiquattro», pertanto non è verosimile che la giovane donna non fosse a conoscenza della reale situazione finanziaria dell’imputato.

Gli amici della vittima parlano infatti di un uomo ricco, con proprietà immobiliari in Svizzera e titolare di un’azienda. Un’immagine di sé che l’imputato avrebbe fornito alla giovane, nascondendo la realtà dei fatti, ossia che era al verde.

Eppure, lo ha ribadito l’avvocato Polli, in quei due mesi la vittima ha dato fondo ai suoi risparmi, pagando a più riprese anche per il compagno. E ha anche chiesto al padre di versarle altre trentamila sterline. «Perché lo avrebbe fatto, se avrebbe semplicemente potuto fare affidamento su un compagno benestante?» si è dunque chiesta la difesa.

E il 32enne non avrebbe avuto motivo di rubare e nascondere la carta bancaria della 22enne, quando - conoscendo il codice PIN - avrebbe semplicemente potuto sottrarla e disporre a suo piacimento degli averi, secondo l’avvocato. «La donna rendeva più da viva che da morta» ha aggiunto. L’eventuale utilizzo della tessera dopo la morte della vittima, «quello sì che sarebbe stato sospetto».

Il gioco erotico - L’avvocato Polli ha parlato anche della pratica dell’asfissia erotica, che - secondo la versione dell’imputato - avrebbe causato la morte della compagna. Una versione non credibile, secondo l’accusa, in quanto i due «non erano tipi da giochi erotici». L’avvocato Polli ha invece riferito di testimonianze, secondo cui sarebbe vero il contrario. Tuttavia, «agli atti non si trova una prova inconfutabile secondo cui i due erano atti a praticare l’asfissia erotica, ma non ci sono nemmeno elementi che provino il contrario».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
29 min
«Senza l'IPG Corona, passeremo un bruttissimo Natale»
Tassisti e altri indipendenti restano senza aiuto economico: con le attuali restrizioni non sarebbe giustificato
LOSTALLO
8 ore
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
10 ore
«Contenti loro, contenti tutti»
Fulvio Pelli dopo la sconfitta alle urne fa gli auguri al Polo Sportivo. «Non brontolo, staremo a vedere»
LUGANO
14 ore
Polo sportivo, ecco cosa accadrà da domani
Tutte le prossime tappe che porteranno alla costruzione del nuovo stadio e dell'intero progetto
CANTONE
14 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
14 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
FOTO
CANTONE
19 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Tre temi federali e il PSE: ancora poche ore per votare
Fino a mezzogiorno sarà possibile recarsi alle urne per esprimere la propria opinione sui tre oggetti federali.
FAIDO
1 gior
«Da sola non ce l'avrei mai fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
1 gior
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile