Ti Press
L'avvocato della difesa Yasar Ravi
CANTONE
22.09.21 - 10:260
Aggiornamento : 15:05

La parola alla difesa: «Davvero la vittima non sapeva la verità?»

Il processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 si è oggi riaperto con l’arringa difensiva

LUGANO - «Certo, l’imputato non è uno “stinco di santo”, ma questo non significa che sia una persona capace di uccidere». Nel processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 la parola è passata ai difensori, gli avvocati Luisa Polli e Yasar Ravi.

Per la difesa non regge la tesi dell’accusa - rappresentata dalla procuratrice Petra Canonica Alexakis - secondo cui il litigio avvenuto quel 9 aprile del 2019 poi sfociato nella morte della compagna di 22 anni avrebbe avuto origine da una questione di soldi. «Da oltre due mesi stavano insieme ventiquattro ore su ventiquattro», pertanto non è verosimile che la giovane donna non fosse a conoscenza della reale situazione finanziaria dell’imputato.

Gli amici della vittima parlano infatti di un uomo ricco, con proprietà immobiliari in Svizzera e titolare di un’azienda. Un’immagine di sé che l’imputato avrebbe fornito alla giovane, nascondendo la realtà dei fatti, ossia che era al verde.

Eppure, lo ha ribadito l’avvocato Polli, in quei due mesi la vittima ha dato fondo ai suoi risparmi, pagando a più riprese anche per il compagno. E ha anche chiesto al padre di versarle altre trentamila sterline. «Perché lo avrebbe fatto, se avrebbe semplicemente potuto fare affidamento su un compagno benestante?» si è dunque chiesta la difesa.

E il 32enne non avrebbe avuto motivo di rubare e nascondere la carta bancaria della 22enne, quando - conoscendo il codice PIN - avrebbe semplicemente potuto sottrarla e disporre a suo piacimento degli averi, secondo l’avvocato. «La donna rendeva più da viva che da morta» ha aggiunto. L’eventuale utilizzo della tessera dopo la morte della vittima, «quello sì che sarebbe stato sospetto».

Il gioco erotico - L’avvocato Polli ha parlato anche della pratica dell’asfissia erotica, che - secondo la versione dell’imputato - avrebbe causato la morte della compagna. Una versione non credibile, secondo l’accusa, in quanto i due «non erano tipi da giochi erotici». L’avvocato Polli ha invece riferito di testimonianze, secondo cui sarebbe vero il contrario. Tuttavia, «agli atti non si trova una prova inconfutabile secondo cui i due erano atti a praticare l’asfissia erotica, ma non ci sono nemmeno elementi che provino il contrario».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Pareggio dei conti entro il 2025, vince (di poco) la destra
Un Gran Consiglio spaccato in due ha approvato di misura l'iniziativa di Sergio Morisoli.
CANTONE
2 ore
Quella fattura piena che delude alcuni esercenti
Tasse sulla vendita di alcolici e per il promovimento turistico: niente sconti pandemici nel 2021. E c'è chi si sfoga.
Lugano
4 ore
Dalla Corea con clamore, ma non è pericolosa quanto la zanzara tigre
Per la senior researcher all'Istituto di microbiologia Supsi, Eleonora Flacio, «non comporta alcun problema»
CANTONE
7 ore
Milioni di aiuti per gli impianti di risalita
Approvato quasi all'unanimità il credito di 5,6 milioni per Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara.
MENDRISIO
10 ore
Ligornetto: «Una vignetta per i momò»
Per il gruppo Lega-Udc-Udf i residenti di Mendrisio devono essere esentati dal blocco del traffico
BELLINZONA
10 ore
«Non toccate le settimane bianche»
A Bellinzona l'Unità della sinistra chiede al Municipio di fare dietrofront sull'abolizione della proposta fuori sede
CANTONE
13 ore
Coronavirus in Ticino: 18 positivi e ricoverati stabili
Nelle strutture ospedaliere rimangono 7 le persone affette dalla malattia.
BELLINZONA
14 ore
Li richiami e il loro numero "non esiste"
Telefonate che arrivano da normalissimi 079, 078 o 076. Boom di recapiti "fantasma". Cosa c'è dietro?
CANTONE / GINEVRA
17 ore
Vegana in ospedale: «Mi hanno portato dal salmone alla polenta col formaggio»
Un'esperienza da dimenticare quella di P., ricoverata per quattro giorni a Ginevra.
CANTONE / SVIZZERA
23 ore
Merlot ticinesi sugli scudi al Grand Prix du Vin Suisse
Nella categoria legata a questo vitigno si sono imposti il Quattromani 2018 davanti alla Tenuta San Rocco - Porza 2018.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile