Screenshot video
LUGANO
25.08.21 - 14:250
Aggiornamento : 16:34

Disordini alla Foce, identificati sei (giovani) autori

Si tratta di tre 19enni e di tre 18enni che presero di mira gli agenti lanciando contro di loro vari oggetti.

A casa di tre di loro sono stati rinvenuti un tirapugni, due machete e uno spray al pepe.

LUGANO - La notte tra il 20 e il 21 marzo erano incappucciati e a volto coperto. E tirarono sassi, bottiglie e altri oggetti contundenti contro gli agenti di polizia, che erano intervenuti alla Foce del Cassarate per mettere fine a una festa illegale alla quale stavano partecipando centinaia di giovani, in barba alle regole allora in voga per contrastare la diffusione del Covid-19.

Articolata indagine - Oggi - cinque mesi dopo i fatti, i sei principali autori sono stati fermati per quei disordini. I sei - tutti giovanissimi - sono stati identificati grazie a «un'articolata attività investigativa» coordinata e messa in atto dalla Polizia cantonale e ai filmati e alle immagini di quella folle nottata. Una volta rintracciato, il sestetto è stato fermato e interrogato dagli agenti.

Tre erano minorenni - Si tratta - come precisa la stessa polizia cantonale - di due 19enni svizzeri residenti nel Luganese e nel Bellinzonese, di un coetaneo di origine turca residente nel Locarnese, nonché di tre 18enni - uno svizzero, un iracheno e un portoghese, tutti minorenni al momento dei disordini - rispettivamente residenti nel Luganese e nel Locarnese. Nell'ambito delle perquisizioni, al domicilio di tre dei fermati sono anche stati trovati un tirapugni, due machete e uno spray al pepe. 

Una marea di reati - Le ipotesi di reato promosse - a vario titolo - sono quelle di aggressione, sommossa, vie di fatto, danneggiamento, violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari, impedimento di atti delle autorità, infrazione alla Legge federale sulle armi, contravvenzione Legge federale sugli stupefacenti, contravvenzione all'Ordinanza sui provvedimenti per combattere il Covid-19.

L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis e dalla Magistratura dei minorenni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
caLypso 1 mese fa su tio
mi raacconando prigione a vita e buttare via le chiave!!!! non si butta la polizia contro la bottiglie e pericoloso e poi il covid anche! nwa
volabas56 1 mese fa su tio
Lavori pesanti, ma pesanti bene, 9 ore al giorno, 30 min di pausa pranzo ( pane e acqua) sveglia alle 5 del mattino.
seo56 1 mese fa su tio
Bene!! Pane e acqua per un mese!
Patty66CH 1 mese fa su tio
Purtroppo, quelli che erano minorenni, non avranno una grande condanna ma bisognerebbe, non solo un po' di prigione ma metterli a fare lavori socialmente utili ma pesanti. Magari asfaltare strade, fargli provare la fatica di un lavoro pesante, ora sono maggiorenni. Che provino cosa vuol dire spaccarsi la schiena anziché aggredire i poliziotti o chicchessia. Almeno si renderebbero utili una volta tanto.
ceresade36@gmail.com 1 mese fa su tio
Saco di lazeroni sensa ocupasione Mandargli a lavorae a fare qualcosa per la patria
Shion 1 mese fa su tio
@ceresade36@gmail.com Sì lavori forzati per un anno
Mat78 1 mese fa su tio
Si pera in una punizione esemplare e che venga mediatizzata per bene.
tormar 1 mese fa su tio
Povera gioventù
Tato50 1 mese fa su tio
A Bellinzona ci sono le giostre ! Li si potrebbe mettere nel "baraccone" dove si tirano le "palline" ;-))
ceresade36@gmail.com 1 mese fa su tio
@Tato50 Brava cosi si parla
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
23 min
In piazza per l'autogestione: «C'è bisogno di nuovi spazi»
I manifestanti sono muniti di ombrelli, per ripararsi dalla «pioggia repressiva» delle autorità
SOLDUNO
3 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
4 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
18 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
19 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
19 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
20 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
22 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
1 gior
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile