youtube/ciaotenerife
CANTONE / CANARIE
21.08.21 - 22:530

A El Tancón 6 vittime in 4 anni: «Il pericolo viene ignorato»

La grotta è un "bufadero", una cavità generata dall'erosione delle onde con un'apertura verso il cielo.

Qui ha perso la vita una ticinese. Ma non è la sola. L'esperto: «Sono luoghi pericolosi, ma fin troppo pubblicizzati»

LUGANO - Negli ultimi quattro anni sono sei le persone che hanno perso la vita nei pressi della grotta di El Tancón, a Tenerife. L'ultima è stata Jasmine Ben Ali, la 33enne ticinese attiva tra le file della Lega dei Ticinesi.

Una grotta pericolosa - El Tancón è un "bufadero", una grotta generata dall'erosione delle onde con un'apertura verso il cielo attraverso la quale entra ed esce aria e acqua in pressione. La grotta è un autentico paradiso naturale, tanto da essere molto frequentata dai turisti nonostante vi sia vietata la balneazione, come ricordano i vari cartelloni presenti agli accessi dello scorcio roccioso.

E tuttavia sono numerosissimi i bagnanti che, attratti dall'esperienza data dall'acqua cristallina, dal contrasto di luci e ombre e dalla bellezza selvaggia di questo angolo popolarissimo sui social network, si recano lì quotidianamente per un tuffo e un selfie.

Vittime e negligenza - Sebastián Quintana, promotore dei 1.500 chilometri di costa delle Isole Canarie, spiega a 20 Minutos come El Tancón e lo stagno di La Laja, a San Juan de La Rambla, siano forse i due luoghi più popolari per fare un tuffo selvaggio, e allo stesso tempo tra i più pericolosi delle Isole Canarie. Solo nel 2018, quattro persone sono morte in quelle due pozze, due in ciascuna.

Quintana indica che nell'80% degli incidenti, il denominatore comune è la «negligenza» del bagnante, conscia o inconsapevole, dovuta all'ignoranza del pericolo rappresentato dall'ambiente.

Troppa pubblicità - Sostiene che vi sia «un errore concettuale di fondo», poiché «la meravigliosa orografia della costa» delle Isole Canarie non è di per sé pericolosa. «Il pericolo abbonda, invece, quando qualcuno decide di avvicinarsi troppo a un dirupo o a un bufadero». Inoltre, considera «un errore» che tali posti siano così pubblicizzati.

Il tema è caldo. Tanto che di recente si è riacceso il dibattito sul piano del Ministero del Turismo del Governo delle Isole Canarie per migliorare l'accessibilità e la segnalazione di 117 pozze e renderle più attrattive per turisti e visitatori. Un piano al quale si sono opposti scienziati e ambientalisti.

Per Quintana, oltre ai possibili danni ambientali dovuti al sovraffollamento dato turisti, c'è «un fattore chiave» che viene ignorato: il «pericolo».

Sottolinea che nella maggior parte delle pozze, piscine naturali e simili non ci sono servizi di sorveglianza, il che significa che maggiore è il numero di bagnanti, maggiore è la probabilità di incidenti.

Decine di vittime ogni anno - Solo nelle Canarie, nel 2020 si sono verificati 192 incidenti in acqua con be 43 morti; nel 2019, 127 incidenti e 57 morti; e nel 2018 165 incidenti e 59 morti.

Finora nel 2021 si registrano 32 morti. Con un cambiamento nel profilo delle vittime in acqua: maschi tra i 55 e i 70 anni, quando prima della pandemia oscillavano tra i 65 e gli 85 anni.

Un altro mutamento viene notato nella loro origine: prima del Covid-19 e dei suoi effetti sul settore turistico, otto su 10 erano stranieri, e ora il 70% degli incidenti vede protagonista la gente del posto.

Sebastián Quintana richiama l'attenzione su un fatto: le Isole Canarie sono l'unica comunità autonoma in cui la principale causa di morte accidentale è l'annegamento, ben al di sopra degli incidenti stradali.

TOP NEWS Ticino
FOTO
MENDRISIO
4 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
5 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
7 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
9 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
19 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
21 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
23 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
1 gior
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 gior
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile