Immobili
Veicoli
tipress
LOCARNO
22.07.21 - 07:300
Aggiornamento : 09:22

La rissa, poi l'ospedale e gli arresti

Scontro tra un gruppo di zurighesi e alcuni ticinesi nei pressi del Palacinema.

Le manette sono scattate per due 24enni del Locarnese.

LOCARNO - È di due arresti e due feriti il bilancio della rissa verificatasi, nei pressi del Palacinema di Locarno, a inizio luglio.

A finire in manette - riferisce Radio Ticino, notizia confermata in mattinata dalla Polizia cantonale - sono stati due 24enni della regione (uno cittadino svizzero, l'altro cittadino croato). Uno è tornato a piede libero dopo l’interrogatorio, l’altro ancora dietro le sbarre almeno fino a quando non sarà chiarito cosa è avvenuto quella sera.

I fatti risalgono alla notte a cavallo tra il 2 e il 3 luglio scorso, poche ore dopo la sfida degli europei tra Italia e Belgio, mentre i fermi sono avvenuti il 13 luglio. Stando a informazioni non confermate, degli agenti di Polizia zurighesi in veste civile stavano festeggiando un addio al celibato quando, per ragioni che l'inchiesta dovrà appurare, è partita una scazzottata con i ticinesi.

Ad avere la peggio sono stati proprio i due poliziotti, che hanno riportato ferite tali da necessitare il trasporto al pronto soccorso della Carità di Locarno.

Secondo Radio Ticino, sarebbero stati gli zurighesi a provocare il gruppo di ticinesi. Le ipotesi di reato nei confronti di questi ultimi sono di lesioni gravi subordinatamente semplici, aggressione, rissa e vie di fatto.

 L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Valentina Tuoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
RANCATE
9 ore
Medacta si espande (e assume 300 persone)
L'azienda ha aperto una nuova sede a Rancate e ha in programma investimenti per diversi milioni
LUGANO
11 ore
Hannibal arriva in Ticino
Le temperature raggiungeranno i 30 gradi nel weekend. I consigli del DSS
LUGANO
11 ore
Sesso con un 14enne: «Mi scuso. Ho capito che i bambini non si toccano»
Condannato a due anni e quattro mesi di carcere, di cui 20 mesi sospesi, un 55enne residente nel Luganese.
CANTONE
14 ore
Da predatore a preda
Il Governo ha dato il via libera all'abbattimento del predatore che lo scorso 26 aprile uccise 19 pecore a Cerentino.
LUGANO
16 ore
«Voleva uccidere»
La 29enne dovrà rispondere di tentato assassinio e di violazione alla legge che vieta i gruppi Al-Qaïda e Stato islamico
CANTONE
17 ore
Da Bellinzona a Losanna senza mai cambiare treno
Le FFS hanno presentato il progetto d'orario 2023. Diverse le novità, anche per i viaggiatori ticinesi.
CANTONE
20 ore
«Pandemia, la vittima è stata la ragione»
Il reporter Gianluca Grossi crea scompiglio in libreria con la pubblicazione di "La libertà è una parola". Ecco perché.
AVEGNO GORDEVIO
1 gior
Perizia psichiatrica per il sospetto matricida
Il 21enne che dovrà rispondere del reato di assassinio è attualmente incarcerato alla Farera.
FOTO
CAPRIASCA
1 gior
L'altalena panoramica non c'è più
L'atto di vandalismo sarebbe stato commesso con una motosega.
CANTONE
1 gior
Gratis è meglio
Solo il 3% dei campioni d'acqua corrente analizzati dal Laboratorio cantonale nel 2021 presentavano delle lacune.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile