Tio/20minuti
RIVIERA
23.06.21 - 06:000
Aggiornamento : 10:10

Vietato l’accesso ai cani, è polemica sui cartelli del Comune di Riviera

Gli amici a quattro zampe non potranno entrare nelle aree di pozzi e corsi d’acqua fino alla fine di agosto.

E non c'è guinzaglio che tenga.

RIVIERA - Qui niente cani. Niente husky, labrador o chihuahua. Neanche se fermamente stretti al guinzaglio. È quanto già in vigore nelle zone balneari del fiume di Lodrino e dei pozzi di Osogna e Iragna. Sì, perché si tratta di una regolamentazione scattata il primo di giugno e che andrà rispettata fino a fine agosto. E sui social network i proprietari di cani si fanno sentire, interrogandosi, con un certo sdegno, sul perché della misura.

Le spiegazioni - «Questo divieto è stato pensato in senso cautelare per proteggere i più piccoli, sia a livello igienico, da pulci, zecche e feci, sia per chi ha paura dei cani» spiega Fulvio Chinotti, municipale e responsabile sicurezza pubblica del Comune di Riviera. «Un bambino colto alla sprovvista dall’animale può cadere e battere la testa sui sassi che circondano i nostri pozzi», aggiunge. Problematiche che, secondo il comune, non sarebbero risolvibili imponendo l'uso del guinzaglio. Chinotti tiene comunque a precisare che il divieto è limitato alle vicinanze dei pozzi, e assicura che la segnaletica sarà migliorata per fare chiarezza.

Ma possono farlo? - C’è anche chi ha avuto dubbi sulla conformità legale della misura. I Comuni, conferma l’Ufficio del veterinario cantonale, sono liberi di porre questo tipo di limitazioni secondo l’articolo 11 della Legge sui cani in vigore nel nostro cantone. È quindi sufficiente, come base legale, l’ordinanza firmata dal Comune di Riviera nel 2018, la quale stabilisce che «il Municipio può proibire in ogni tempo l'accesso ai cani, anche se custoditi al guinzaglio, a determinate zone, mediante la posa di una corrispondente segnaletica».

Usare il buon senso - «È peccato. Vietare l’accesso dei cani alle spiagge nel periodo estivo semplicemente per paura che qualcuno si faccia male è un po’ tirato per i capelli», commenta il presidente della Società protezione animali di Bellinzona Emanuele Besomi. «Ci vorrebbe un po’ più di buon senso da tutte le parti, e non è con un divieto del genere che si riesce a risolvere questi problemi», conclude.

Tio/20minuti
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
I tempi cambiano e il 162 va in pensione
Alla fine del mese verrà disattivato il bollettino meteo consultabile telefonicamente.
LUGANO
1 ora
«Cornaredo fa paura perché gli appartamenti in centro non sono più funzionali»
PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.
CANTONE
8 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
14 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
15 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
LUGANO
20 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
BELLINZONA
20 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
21 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE
22 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
LUGANO
23 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile