Foto lettore tio/20minuti
LOCARNO
17.06.21 - 11:280
Aggiornamento : 17:56

Il tifo che sfocia in violenza: botte e insulti in centro a Locarno

Due giovani sostenitori della nazionale italiana sono stati presi di mira a seguito della sfida Svizzera-Italia

In precedenza gli aggressori insultavano le vetture che mostravano una bandiera tricolore o semplicemente una targa italiana

LOCARNO - Per la nazionale elvetica, la sfida con l'Italia agli Europei di calcio si è conclusa con una sconfitta. Ma in Ticino non sono comunque mancati i festeggiamenti: in svariate località i tifosi della squadra italiana sono infatti scesi in strada per i classici caroselli.

Una situazione festosa che a Locarno è però sfociata in un brutale episodio di violenza: nella tarda serata di mercoledì, nelle vicinanze di Piazza Castello e a due passi da una stazione di servizio situata lungo via Giovanni Antonio Orelli, due tifosi della nazionale svizzera - che apparentemente «avevano bevuto troppo ed erano arrabbiati» per il risultato della partita, come racconta un testimone - prendevano infatti di mira con insulti di vario genere o il lancio di oggetti le vetture che transitavano sfoggiando una bandiera tricolore o anche semplicemente una targa della vicina penisola.

E non solo. Infatti, la situazione è poi ulteriormente degenerata: a un certo punto due sostenitori della nazionale azzurra che erano di passaggio, «e che forse hanno detto “Forza Italia”», sono stati strattonati alla maglietta e aggrediti dall'accoppiata. «Nell'episodio, ho visto che uno di loro quasi finiva sotto le ruote di un bus» ci racconta ancora il nostro interlocutore.

Dopo questo primo episodio di violenza, i due avevano implorato gli aggressori di smetterla. «Abbiamo capito, ce ne andiamo, lasciateci stare» gridavano. Ma poi c'è stato un secondo pestaggio: uno dei due è stato assalito e buttato a terra in mezzo alla strada, e quindi colpito con violenti calci e pugni in faccia, come mostra un video in possesso di tio/20minuti. L'amico è allora intervenuto per proteggerlo dai colpi. «Temevo che morisse» ci dice ancora il testimone, anche lui poi minacciato da qualcuno dei presenti. E aggiunge: «Quando si è rialzato in piedi, il ragazzo aveva tutta la mascella gonfia».

Alla mischia si è infine aggiunto un altro gruppo di giovani tifosi. E alla fine sono arrivate sul posto quattro pattuglie di polizia. Ma nella confusione gli aggressori erano già riusciti ad allontanarsi, secondo quanto ci spiega il testimone. Il tutto sarebbe comunque avvenuto sotto l'occhio delle telecamere del traffico presenti nella zona.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
STABIO
1 ora
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
7 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
8 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
9 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
9 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
10 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
11 ore
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
13 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
CANTONE
13 ore
La Nuova Valascia scivola sui pagamenti agli artigiani
La nuova Valascia ha qualche problema di liquidità. Malumori tra chi ha eseguito i lavori
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile