Foto gentilmente concessa da varesenews.ch
CANTONE/CONFINE
16.05.21 - 17:030
Aggiornamento : 18:54

In mutande in dogana, commercianti in protesta a Ponte Tresa

Il malcontento viene dall'obbligo di presentare un test, mantenuto anche per i vaccinati, per entrare in Italia.

I negozianti: «Non staremo a guardare, qui si gioca il futuro di tante famiglie».

LAVENA PONTE TRESA - Sono sempre di più i vaccinati in Ticino. Secondo l’ultimo aggiornamento, equivalgono ora al 15,3% della popolazione. Per entrare in Italia senza pensieri, però, ancora non basta. E nemmeno il certificato di guarigione dalla malattia. Sì, perché secondo l’ultima ordinanza firmata dal Ministro della Salute italiano Roberto Speranza, per entrare nel Belpaese, anche solo per qualche ora, è comunque necessario presentare un tampone negativo effettuato nelle 48 precedenti. E i commercianti di confine non ci stanno.

In mutande - Ieri pomeriggio i negozianti della zona si sono letteralmente messi in mutande davanti alla dogana, in segno di protesta. Il proprietario di un negozio di calzature di confine, Tommaso Giudici, interpellato dal quotidiano La Provincia di Como, non ha nascosto la sua frustrazione: «Siamo tutti molto arrabbiati e delusi. Impedire l’accesso in Italia a chi è stato vaccinato o a chi è guarito dal Covid nei sei mesi precedenti significa mortificare ulteriormente decine di attività che da mesi non vedono un cliente ticinese». Sì, perché per queste persone il via vai tra Svizzera e Italia è di importanza vitale: «Non staremo a guardare, perché qui si gioca il futuro di tante famiglie. Faccio notare che in vista dello stop alla mini-quarantena alcuni di noi si erano già organizzati, ordinando merce in vista dell’atteso ritorno dei clienti ticinesi. Ma l’obbligo di tampone e il contemporaneo stop all’ingresso dei vaccinati rimescola di nuovo le carte. È l’ennesima beffa verso territori, quelli a ridosso dei valichi, dimenticati da mesi».

Una follia - Della stessa idea anche il Presidente dell’Associazione italiana Comuni di Frontiera, Massimo Mastromarino: «Siamo alla follia. È semplicemente aberrante che all’interno della stessa norma, si consideri valido un certificato relativo a un tampone negativo e non un certificato di vaccinazione o di avvenuta guarigione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE
7 min
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
FOTO
ACQUAROSSA
3 ore
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
4 ore
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
5 ore
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
TENERO
20 ore
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
MENDRISIO
21 ore
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
21 ore
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
CANTONE
22 ore
Tre casi di variante Delta in Ticino
Il medico cantonale Merlani e il direttore del Dss De Rosa in conferenza stampa: segui la diretta
LUGANO
23 ore
'Ndrangheta: un arresto a Grancia
Un altra persona è stata arrestata nel canton Argovia, su mandato della magistratura italiana
FOTO
BELLINZONA
1 gior
La pandemia lo trasforma in un gaucho
La sfida imprenditoriale del 33enne Nahuel Gonnet. Ora fa il grigliatore argentino professionista.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile