screenshot Tio.ch
Il momento del fermo.
MENDRISIO
09.05.21 - 15:470

Scappano dalla polizia, "placcati" sul marciapiede

Quattro giovani sono stati ammanettati dopo un inseguimento, e poi denunciati

MENDRISIO - Una fuga a gambe levate, quattro giovani atterrati a forza e ammanettati sul marciapiede. Grida di dolore, un parapiglia, i passanti che accorrono. Scene da film poliziesco ieri sera a Mendrisio. Un gruppo di giovani è stato protagonista di un inseguimento a piedi da parte della polizia, all'esterno della stazione FFS. 

«Ho sentito gridare "aiuto" e sono uscito in strada» racconta un testimone, che si trovava in un negozio vicino al luogo dell'accaduto. «Ho visto questi ragazzi che correvano, e dietro gli agenti. È successo tutto molto in fretta». 

In un video girato con il telefonino - e inviato in redazione - un passante ha immortalato il momento del fermo. Nel filmato si sentono urla e la scena è descritta come «violenta e concitata» dai presenti. I quattro giovani in fuga sono stati raggiunti dalla polizia in via Bernasconi, a poche decine di metri dalla stazione ferroviaria. Una volta a terra - racconta un testimone - i quattro sono stati immobilizzati e ammanettati. 

La Polizia cantonale contattata conferma l'intervento. All'origine dell'inseguimento, cominciato all'interno della stazione, ci sarebbe un perturbamento del traffico ferroviario: i quattro giovani avrebbero bloccato un treno in partenza per bravata. La dinamica dell'accaduto è oggetto d'inchiesta. Una volta condotti in commissariato, i protagonisti - tutti maggiorenni, intorno ai 20 anni - sono stati interrogati e poi denunciati a piede libero.

Sul posto anche la Polizia dei Trasporti e la Comunale di Mendrisio. Assieme agli agenti anche un certo numero di curiosi che hanno assistito alla scena. Un testimone racconta di avere visto «un agente piegare il braccio di un ragazzo» nonostante fosse già ammanettato e a terra. Nel video si sente un giovane urlare mentre viene immobilizzato sul marciapiede. «L'impressione è che gli agenti abbiano usato un po' la mano pesante» conclude l'osservatore.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
TICINO/GRIGIONI
7 ore
Mauro Gianetti turbato: «Questa foto fa venire i brividi»
Sassi sul Passo del Lucomagno, dove negli ultimi giorni è passato per ben due volte il Tour de Suisse.
CANTONE
8 ore
«Chiunque gioca sulle paure finisce per vincere»
Legge sul terrorismo, Paolo Bernasconi preoccupato: «Si rischia di arrivare a controllare perfino gli animalisti».
CANTONE
11 ore
Pensioni del Consiglio di Stato: «Si volta pagina»
La Legge sulla previdenza dei membri del Consiglio di Stato ha incassato il 52.1% di voti a favore
CANTONE
12 ore
Tre no e due sì dal Ticino
Le urne hanno respinto la legge sul Co2 e le iniziative agrarie. Favorevoli invece alla legge Covid e di polizia.
LUGANO
14 ore
Demolizione ex Macello, spunta un'altra telefonata
La polizia avrebbe chiamato un impiegato comunale tra le 20.00 e le 20.30.
CANTONE
16 ore
Prima notte tropicale e oggi qualche ora di canicola
Nel pomeriggio sono attese temperature massime fino a 34 gradi.
FOTO E VIDEO
CHIASSO
17 ore
Anziano leggermente intossicato dal fumo a Chiasso
L'incendio, divampato questa mattina nella cantina di una palazzina di via Soldini, è stato domato dai pompieri.
CANTONE
18 ore
In Ticino altri tre casi e zero decessi
Gli ospedali cantonali accolgono attualmente un solo paziente. Le cure intense sono vuote da due settimane.
FOTO E VIDEO
CANTONE
18 ore
I centauri ticinesi ricordano Jason Dupasquier
L'Associazione Motociclisti Ticinesi ha voluto realizzare un piccolo gesto simbolico in memoria del giovane pilota.
CANTONE
20 ore
Quei falsi profili di Rapelli che sono spuntati su Facebook
La ditta ticinese lancia l'allarme ai propri clienti: «Non siamo noi. Non partecipate al concorso».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile