Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
CANTONE
15.04.21 - 16:120
Aggiornamento : 22:25

Minacce di morte dal poliziotto: «La gente non merita questi "Rambo"»

Dopo un post dai toni durissimi, lasciato da un sergente maggiore sui social, scatta l'interrogazione.

I Verdi chiedono al Governo di intervenire e denunciano «la reticenza ad esprimersi del direttore del Dipartimento delle Istituzioni»

BELLINZONA - In un post su Facebook ha minacciato di «accorciare il destino terreno» di colui che ha vandalizzato la sua auto. Definendolo «succedaneo d’uomo nonché figlio di padre ignoto», il proprietario del veicolo - si legge su La Regione - aggiunge con toni forti: «dimenticherò chi sono nella vita e sarà forse l’unica volta che non vedrai l’ora che arrivino in tuo aiuto i tanti odiati sbirri! Applicherò un'antica legge non comune alle nostre latitudini...».

Una reazione, questa, di per sé già esasperata, ma che diventa ancor più discutibile se si pensa che arriva da un sergente maggiore della Polizia cantonale. E non un poliziotto qualsiasi, bensì un uomo in passato già condannato per aver postato sui social media contenuti di stampo nazifascista. E tra l'altro, nonostante la condanna, «promosso, qualche anno dopo, a sergente maggiore», come fanno notare in un'interrogazione alcuni deputati dei Verdi.

Un'azione, quella del poliziotto «senza dubbio deplorevole e per la quale la legge dovrà fare il suo corso», sottolineano Claudia Crivelli Barella, Cristina Gardenghi, Nicola Schoenenberger, Andrea Stephani e Samantha Bourgoin. «Più sconcertante - aggiungono - in quanto proveniente da un rappresentante delle forze dell'ordine con la sua presunzione di sentirsi al di sopra delle leggi, che promuove con toni aggressivi e sfacciati la volontà a farsi giustizia da solo».

Non manca la critica al direttore del Dipartimento delle Istituzioni e alla sua «ancora più problematica reticenza a esprimersi sulla vicenda».

Da qui l'atto parlamentare, «per rispetto di tutti quegli agenti che portano la divisa con rispetto e dignità e nell'interesse della popolazione che merita un corpo di polizia serio e non costellato da potenziali rambo».

Di seguito le domande poste al Consiglio di Stato:

  • È stato informato dal DI dei fatti?
  • Come giudica il CdS le esternazioni pubbliche del Sergente maggiore?
  • Il DI intende prendere provvedimenti contro il funzionario?
  • Se sì, quali?
  • Se no, ritiene che una persona che ha mostrato in passato simpatie nazifasciste e ora minaccia di farsi giustizia da sé, quando invece dovrebbe essere garante e difensore della Legge, sia all’altezza del suo compito di Sergente maggiore?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
12 ore
Tassisti luganesi nel limbo
Non sono ancora stati evasi i ricorsi contro il concorso per i nuovi taxi A. La Città chiede l'effetto sospensivo
LUGANO
13 ore
Anche in Ticino, previsti aumenti fino al 50%
Il presidente dell'Azienda elettrica ticinese: «Mai mi sarei aspettato una situazione e dei prezzi simili»
VALLE DI BLENIO
14 ore
Al lupo al lupo anche a Olivone
Avvistamenti e predazioni in Valle di Blenio: gli abitanti scrivono al governo
CANTONE
14 ore
Unitas, l'auto-indagine «non è opportuna»
Il Cantone ha rilevato l'audit esterno, e risponde ad alcuni interrogativi sui casi di molestie
CANTONE/SVIZZERA
17 ore
Importati dei pulcini (infetti) in Ticino
Gli animali sono stati soppressi e l'azienda responsabile è stata posta sotto sequestro
AIROLO
19 ore
Al Gottardo 9 km di turisti
È iniziato l'esodo verso Sud. Con le inevitabili conseguenze sul traffico
CANTONE
22 ore
Sempre meno pazienti Covid negli ospedali ticinesi
Nelle ultime ventiquattro ore nel nostro cantone sono stati registrati 76 nuovi contagi
TAVERNE
1 gior
Un fallitore "smascherato"
A Taverne un'azienda di mascherine ha chiuso tra le polemiche in aprile. L'Ocst chiede il fallimento
CONFINE
1 gior
Il cantiere è in pausa, gli automobilisti respirano
Come promesso, stop ai lavori sull'A9. Ma a settembre sono già stati pianificati nuovi interventi
CANTONE
1 gior
«L'originale Streetfood festival siamo noi. E siamo tornati»
Dopo due anni di stop, questo weekend il giro del mondo culinario ritorna in Ticino.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile