tipress (archivio)
CANTONE / CONFINE
10.04.21 - 17:060
Aggiornamento : 17:25

Baby gang italo-ticinese: in otto davanti al giudice

I ragazzini sono accusati di persecuzioni e bullismo.

La vittima, un coetaneo, ha vissuto cinque mesi da incubo. Alla fine si è deciso e ha denunciato.

LUGANO - Atti di bullismo sulla fascia di confine. I protagonisti sono un gruppo di ragazzini sui 15 anni. Otto per l'esattezza. Sette di questi ticinesi, uno comasco.

La vittima è un coetaneo che ha vissuto 5 mesi da incubo, tra atti persecutori, botte riprese con il telefonino e poi condivise via snapchat e pure una rapina.

Da allora sono passati tre anni e i giovani, ora, sono finiti davanti al giudice per rispondere di una serie di reati tra stalking, lesioni, minacce, rapina, spaccio di droga e danneggiamento aggravato.

I ticinesi saranno giudicati dalla Magistratura dei minorenni a Lugano, il comasco dal tribunale dei minori di Milano.

I fatti - Tutto si è verificato nel periodo gennaio-maggio 2018, tra Lugano e Como. Insulti, minacce, botte. Ma non solo. La baby gang - riferisce la Provincia di Como - è arrivata a riprendere uno di questi pestaggi con il cellulare per condividere il video con i compagni di scuola del ragazzino. Al giovane è stata rubata anche una catenina d'oro e più volte gli sarebbero stati rovinati o distrutti gli abiti.

Il minorenne comasco, tra le altre cose, è accusato anche di spaccio e ricettazione. È stato trovato infatti in possesso di un Rolex e di un Patek Philippe di provenienza sospetta.

Alla fine il quindicenne ha trovato la forza di denunciare. E lo ha fatto sia alla polizia cantonale che ai carabinieri, facendo partire due procedimenti penali: uno a carico dei ragazzini residenti tra Lugano e Chiasso e l’altro in Italia per il giovane comasco.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile