Instagram
L'insegnante in sospeso è il primo da sinistra nell'immagine. Accanto a lui, un'amica della regione.
LOCARNO
05.03.21 - 16:310
Aggiornamento : 10.03.21 - 11:17

Ecco chi è il docente che ha spalancato le porte al festino abusivo

L'insegnante, amante del carnevale e delle feste, è stato sospeso. Con lui c'era anche una giovane donna della regione.

Non si spegne il clamore per quanto verificatosi nella notte tra giovedì e venerdì alle scuole medie 1. Anche perché tutto è stato pubblicato sui social network.

LOCARNO - Docente di storia e italiano, sulla quarantina. È stato verosimilmente lui, nella notte tra giovedì e venerdì, a spalancare le porte al discusso imprenditore-influencer Davide Lacerenza, 55 anni, di Milano, protagonista di un festino proibito, immortalato sui social, alle scuole medie 1 di Locarno. L'insegnante, immediatamente sospeso dal Dipartimento (DECS), non sarebbe nuovo a situazioni festaiole.  

Un fiume di domande – Il docente appare in evidenza nelle foto scattate e pubblicate da Lacerenza. Con lui c'era anche una giovane donna che vive nel Locarnese. Perché fare un festino del genere in un periodo in cui la gente è costretta a evitare i contatti sociali e per questo soffre molto? E perché farlo proprio a scuola? E perché filmare e fotografare il tutto per poi renderlo pubblico? Come è possibile che l'insegnante non abbia minimamente valutato le conseguenze di quanto stava facendo?

Famoso per i selfie – Chi lo conosce ne parla come di un tipo simpatico e grande amante del carnevale. Si farebbe spesso fotografare con la gente che incontra. I suoi selfie, a livello ticinese, sarebbero piuttosto conosciuti. 

Lacerenza prelevato in un hotel di Giubiasco – Nulla a che vedere però con quanto accaduto nella sua sede scolastica la scorsa notte. Il DECS parla di un'iniziativa gravemente lesiva verso l'immagine della scuola. La dinamica della nottata, in parte riassunta in un video pubblicato sui social, è al vaglio degli inquirenti. Lacerenza è stato prelevato dalla polizia in una stanza di hotel a Giubiasco durante la mattinata di venerdì. 

Cellulare spento – Tio/20Minuti ha provato a contattare l'insegnante in questione per avere la sua versione dei fatti. Invano. Il suo cellulare risulta spento. Stando a fonti informate, il docente avrebbe conosciuto l'influencer solo di recente. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
STABIO
1 ora
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
7 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
7 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
8 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
9 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
9 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
11 ore
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
13 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
CANTONE
13 ore
La Nuova Valascia scivola sui pagamenti agli artigiani
La nuova Valascia ha qualche problema di liquidità. Malumori tra chi ha eseguito i lavori
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile