Archivio Tipress
CANTONE
24.02.21 - 15:310

Decreto d'abbandono nei confronti di don Chiappini

Si chiude così l'indagine attorno alla vicenda della donna che viveva nell'abitazione del prete luganese

A seguito del clamore mediatico, il sacerdote ha deciso di lasciare tutti gli incarichi in Diocesi, compreso l'insegnamento alla Facoltà di teologia

LUGANO - Era accusato di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per omissione. Ma ora nei confronti di don Azzolino Chiappini, ex rettore della Facoltà di teologia di Lugano, è stato emanato un decreto di abbandono. Lo fa sapere oggi il Ministero Pubblico.

Non vi sono infatti gli elementi che possano confermare i reati in questione. A tale conclusione è giunta l'inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti.

Il sacerdote, spontaneamente, ha rinunciato a postulare un indennizzo allo Stato a seguito del procedimento penale.

L'indagine ruotava attorno alla figura di una donna 48enne, cittadina straniera, che viveva nell'abitazione del sacerdote senza un regolare permesso di soggiorno. Il prete 80enne diceva che era «sua cugina».

Chiappini lascia la facoltà - Don Chiappini ha nel frattempo ritenuto di dover rinunciare a tutti gli incarichi finora ricoperti in Diocesi, compreso l'insegnamento presso la Facoltà di teologia di Lugano. Una decisione che fa seguito «al grande clamore mediatico suscitato attorno alla sua persona» come si legge in una nota. La Diocesi, da parte sua, «ha seguito con costante attenzione e accoglie ora con favore il fatto che la Magistratura abbia confermato l'assenza di qualsiasi condotta di rilevanza penale».

La presa di posizione della difesa - A seguito della decisione dell'autorità giudiziaria, prende posizione anche l'avvocato Elio Brunetti, difensore del sacerdote: «Con l'emanazione del decreto di abbandono odierno la Magistratura ha accertato la totale estraneità di monsignor Azzolino Chiappini dai reati ipotizzati; circostanza che mi era parsa evidente sin dal momento in cui ho assunto il mandato di difesa». Il legale stigmatizza inoltre il fatto che «taluni organi di stampa si siano affrettati a rendere pubblico, infangandolo, il nome del mio assistito e ciò prima ancora della decisione del Giudice dei provvedimenti coercitivi di non confermare l'arresto non ritenendone dati i presupposti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
42 min
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
43 min
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
CANTONE
1 ora
Tre casi di variante Delta in Ticino
Il medico cantonale Merlani e il direttore del Dss De Rosa in conferenza stampa: segui la diretta
LUGANO
2 ore
'Ndrangheta: un arresto a Grancia
Un altra persona è stata arrestata nel canton Argovia, su mandato della magistratura italiana
FOTO
BELLINZONA
5 ore
La pandemia lo trasforma in un gaucho
La sfida imprenditoriale del 33enne Nahuel Gonnet. Ora fa il grigliatore argentino professionista.
CANTONE
6 ore
In Ticino cinque nuovi contagi e anche oggi nessun decesso
Nelle strutture sanitarie si contano attualmente tre pazienti Covid
LUGANO
7 ore
Autogestiti: «La loro sede in un'altra località del Cantone»
L'UDC chiede la creazione di una task force cantonale.
VIDEO
MENDRISIO
9 ore
Le abili mani in dogana che ci fanno sentire più sicuri
È una sfida con chi ogni giorno si inventa un sistema per eludere i controlli doganali.
BELLINZONA
10 ore
Dopo i sorpassi di spesa, l'appalto a prezzi stracciati
I lavori all'ex Petrolchimica preventivati per 200mila franchi sono stati deliberati dal Municipio per 62mila franchi
FOTO
MAROGGIA
10 ore
Il cammino per la rinascita del Mulino prosegue
Sono passati quasi sette mesi dal terribile rogo, ma la vicinanza e la solidarietà della gente sono sempre grandi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile