Ti-Press (immagine illustrativa)
La polizia ha arrestato già giovedì i cinque picchiatori.
CADEMPINO
02.02.21 - 10:110

I cinque picchiatori di Cadempino restano in carcere

Il Giudice dei provvedimenti coercitivi ha confermato l'arresto degli aggressori di un giovane del Mendrisiotto.

Le ipotesi di reato nei loro confronti sono quelle di tentato omicidio intenzionale, lesioni gravi, lesioni semplici, aggressione, omissione di soccorso, coazione, sequestro di persona e rapimento.

CADEMPINO - Resteranno in carcere i cinque giovani che giovedì sera avevano pestato a sangue un 18enne a Cadempino. Il loro arresto - riferisce il Ministero Pubblico in una nota odierna - è stato confermato dal Giudice dei provvedimenti coercitivi.

I cinque aggressori - un 26enne italiano, un 32enne colombiano, un 22enne e un 20enne svizzeri e un 20enne rumeno, tutti residenti nel Luganese - erano finiti in manette subito dopo il pestaggio. Pestaggio che sarebbe avvenuto per una questione di soldi.

La giovane vittima, infatti, sarebbe stata caricata in macchina con la forza da tre componenti del branco che successivamente avrebbero chiamato gli altri due. Poi in una zona di via Industria ha avuto luogo il pestaggio. Lì il 18enne è stato ritrovato sanguinante e privo di sensi da alcuni passanti che, spaventati dalle sue condizioni, hanno chiamato i soccorsi.

Gli interrogatori della polizia giudiziaria sono in corso, per capire meglio le modalità del "prelevamento" e se nella vicenda abbia un ruolo anche la pista degli stupefacenti, confermata da alcuni ritrovamenti. Un'accusa che gli arrestati respingono fermamente.

L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Valentina Tuoni.  Le ipotesi di reato nei confronti dei cinque picchiatori sono quelle di tentato omicidio intenzionale, lesioni gravi, lesioni semplici, aggressione, omissione di soccorso, coazione, sequestro di persona e rapimento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Tre condanne per gli scontri alla Valascia
Due ticinesi e un vodese si sono visto comminare una pena pecuniaria per i fatti avvenuti il 14 gennaio del 2018.
LUGANO
5 ore
Un testamento da 16 milioni, ma per il Tf è carta straccia
Dopo una battaglia durata decenni il Tribunale federale respinge un documento datato 1936 ritrovato in un cassetto
LOCARNO
8 ore
Festino alle medie, il docente licenziato ricorre al Tram
La decisione dell'ex insegnante di storia e italiano è stata comunicata dal suo legale, l'avvocato Carlo Borradori.
CANTONE
9 ore
Raddoppiano gli aiuti Ponte Covid
Da giugno l'importo massimo del primo richiedente sarà aumentato a 2'000 franchi.
LUGANO
9 ore
Giovane ammanettato al Maghetti, due agenti sotto accusa
Nei confronti di due poliziotti della Città di Lugano sono state proposte condanne a pene pecuniarie e multe.
FOTO
LUGANO
11 ore
Cristiano Ronaldo a Lugano in segreto
L'attaccante della Juventus sulle rive del Ceresio per uno spot. Non è passato inosservato.
CANTONE
13 ore
Sono 60 i nuovi positivi in Ticino, ma nessun decesso
Nei nosocomi ticinesi si contano attualmente 5 ammissioni e 5 dimissioni.
CANTONE
14 ore
Traffico e spaccio di cocaina, maxi operazione nelle Tre Valli
Partita nel 2018, l'inchiesta ha portato all'arresto di cinque persone e alla denuncia di una cinquantina di consumatori
CANTONE
17 ore
«Qualcuno c'era. Ma alla festa del 23 andremo con i pulmini»
Anche alcuni interisti ticinesi erano tra i 30mila tifosi fotografati in piazza Duomo a Milano.
SEMENTINA
17 ore
«Non portate via le "mie" ghiandaie»
L'appello al Cantone del 67enne Marco Deprati: «Ho salvato la vita a quei volatili. Stanno con me da 10 anni».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile