deposit (archivio)
CANTONE
28.01.21 - 12:060
Aggiornamento : 16:39

Processo per abusi: «Erano solo degli incontri, senza sesso»

L’ex funzionario del DSS nega di aver costretto la giovane ad avere dei rapporti

Ma la vittima, sentita in aula in merito a un episodio in particolare, conferma di essere stata minacciata: «Mi ha detto che avrebbe portato a termine il tentativo di suicidio»

LOCARNO - «Con lei c’era una relazione sostanzialmente paritaria, nonostante la differenza d’età». Anche in Appello, l’ex funzionario del DSS alla sbarra per abusi sessuali avvenuti tra il 2004 e il 2005 (quanto successo prima è in prescrizione) sostiene che con la vittima c’era un rapporto affettivo. Si trattava di una giovane conosciuta nell’ambito delle attività giovanili da lui promosse in seno all’amministrazione cantonale.

Per l’accusa - rappresentata in aula dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli - quella relazione si sarebbe invece basata su pressioni psicologiche esercitate dallo stesso imputato, oggi sessantunenne. E in due occasioni l’uomo avrebbe fatto ricorso anche alla violenza.

La vacanza e il tentato suicidio - Sarebbe avvenuto anche durante una vacanza di alcuni giorni in Liguria. Ma anche in questo caso l’imputato - difeso dall’avvocato Niccolò Giovanettina - nega fermamente: «Non l’ho mai afferrata per il bavero della giacca o al collo».

Al rientro dalla vacanza c’era poi stato un periodo di separazione. Una separazione voluta dalla giovane. E in seguito alla quale lui l’avrebbe assillata telefonicamente, secondo l’accusa. «Ero dispiaciuto, ma non l’ho contattata. Sono però stato contattato da un familiare della ragazza, che mi ha minacciato e insultato» sostiene l’imputato.

L’imputato aveva quindi tentato di togliersi la vita. Sempre secondo l’accusa, l’ex funzionario ha poi incontrato la vittima. «Non l’ho cercata, lei si è messa in contatto con me» afferma però l’ex funzionario. «Mi ha chiesto se potevamo vederci». Un incontro che sarebbe poi avvenuto all’aperto e in cui avrebbero parlato di quanto successo. «Non abbiamo fatto sesso».

La versione della vittima - Ma l’atto d’accusa imputa al sessantunenne di aver costretto, in quell’occasione, la giovane a un rapporto completo. E la stessa vittima lo conferma in aula, con voce spezzata. «Si è fatto trovare fuori dalla scuola e mi ha chiesto di accompagnarlo a casa. Lì mi ha mostrato le ferite ai polsi, dicendomi che se non mi fossi rimessa con lui, se non avessi soddisfatto le sue richieste, avrebbe portato a termine il tentativo di suicidio» risponde al giudice Giovanna Roggero-Will.

Anche in altre occasioni, sempre secondo l’atto d’accusa, avrebbe costretto a ragazza a rapporti sessuali o a toccamenti. Ma l’imputato nega ogni episodio: «Ci sono stati semplicemente degli incontri».

Il dibattimento è stato sospeso fino alle 14.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
52 min
La cucciolata che non intenerisce gli allevatori
Il nascita di tre lupacchiotti è «una cattiva notizia» commenta l'associazione per la protezione dai predatori
LUGANO
1 ora
Obbligo di mascherina in centro a Lugano
La misura scatta domani, sabato 4 dicembre, nella zona pedonale della città
SVIZZERA
2 ore
Niente test a scuola, il sindacato protesta
Il Vpod/Ssp invoca una maggiore protezione dell'insegnamento in presenza
CANTONE
5 ore
Gli anni ticinesi di Highsmith in un documentario
Le riprese del film sono di recente iniziate sul Lago Maggiore e in Valle Maggia
CANTONE
6 ore
In Ticino il booster è per tutti
Da subito tutti gli over 16 che hanno ricevuto la seconda dose da almeno sei mesi possono prenotare il richiamo
CANTONE
7 ore
In Ticino 186 nuovi contagi e altre 13 classi in quarantena
Sono 67 i pazienti Covid che attualmente si trovano negli ospedali del nostro cantone
LOCARNO
7 ore
Storia del "guerriero" Toni
Toni Milano, 40 anni, ha lasciato il ciclismo a causa della distrofia muscolare. Ma non ha smesso di lottare
CANTONE
9 ore
«In estate 50 telefonate al giorno, adesso le riceviamo in meno di un'ora»
L’hotline cantonale è sommersa dalle telefonate. Ne arrivano a raffica e per i motivi più disparati.
LIGORNETTO
11 ore
Mascherine a scuola, quanto lavoro per Timask
Quella momò è una delle poche aziende in Svizzera autorizzate a produrre mascherine per bambini
LAMONE
11 ore
Botox-bar per una notte? La versione del gerente dopo il blitz
Il gerente si difende: «Era solo una presentazione di prodotti. I trattamenti, semmai, si sarebbero tenuti in Italia»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile