Immobili
Veicoli
Tipress (archivio)
CANTONE
22.01.21 - 14:200

Crediti Covid-19 usati per spese personali: due arresti

I due hanno percepito - fornendo, si sospetta, informazioni false - oltre un milione e mezzo di franchi

BELLINZONA - Due imprenditori italiani, entrambi residenti nel Sottoceneri, sono stati arrestati in relazione ad alcune irregolarità legate ai crediti Covid-19.

I due, rendono noto la Polizia cantonale e il Ministero pubblico in un comunicato, sono gravemente sospettati di aver fornito a più riprese nel corso della seconda metà del 2020 false informazioni al fine di ottenere più crediti Covid-19 garantiti dalla Confederazione per un importo complessivo di oltre un milione e mezzo di franchi.

Il denaro sarebbe poi stato utilizzato per scopi estranei a quanto stabilito dall'Ordinanza sulle fideiussioni solidali Covid-19 e, in particolare, per far fronte a spese personali. Ulteriori accertamenti sono tuttora in corso.

Le principali ipotesi di reato nei confronti dei due sono quelle di ripetuta truffa e ripetuta falsità in documenti. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Daniele Galliano.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 1 anno fa su tio
Se hanno potuto farlo, è perchè a monte hanno avuto complici, inutili girarci intorno. Con la buona volonta' non sara' difficile scoprire il o i solerti funzionari che si sono prodigati per aiutare questi farabutti ; ma penso che arriveranno le solite camionate di sabbia.
F/A-19 1 anno fa su tio
La domanda è: tra 4 anni i rimborsi vanno ritornati, chi sarà in grado di ritornarli? Da mie informazioni presso ditte ed artigiani vari quei soldi non ci sono già più, sarà già bello se tra 4 anni queste ditte ed artigiani ci saranno ancora e se ci saranno come faranno a restituire? Falliranno tutti? Chi sarà in grado di restituire a mio avviso saranno quei pochi virtuosi che a lavorare in Ticino problemi non ne hanno mai avuti perché i lavori gli arrivano un’auto mantico per via dei soliti agganci. Un tassello in più per capire perché si insiste con queste chiusure comandate dall’alto. Sveglia e buona domenica a tutti, privilegiati e poveri cristi.
Evry 1 anno fa su tio
questo sono le conseguenze della responsabilità di certi amministratori....... aprite gli occhi e licenziateli subito, auguri e coraggio
Evry 1 anno fa su tio
Ma come è possibile stanziare dei sussidi FEDERALI pagati da tutti noi contribuenti a due ....... stranieri senza chiedere le credenziali ???? il responsabile va messo sotto il torchio, si tratta evenztualmente anche lui di questa stirpe ??? Agire con responsabilità, grazie
Filo11 1 anno fa su tio
🖕
Yoebar 1 anno fa su tio
Era ovvio e logico che vi erano e ci sono persone che ne approfittano, intanto qui in Svizzera non gli fanno nulla.......
dan007 1 anno fa su tio
Si poi noi che lavoriamo con società trasparenti non fasulle ci tartassano di moduli da riempire giustificativi e quanto altro secondo me devono c’è poca trasparenza a livello finanziario contabile le sole lève dove si può sono valutare le società, le fiduciarie se ne fregano. siamo l’eldorado dei furbi
egi47 1 anno fa su tio
Come si fa a dare un milione e mezzo di franchi, oltretutto a imprenditori che non sono neanche Svizzeri?. Dimenticavo che anche lo stilista aveva ricevuto un bel gruzzolo di franchetti e il giorno dopo aveva licenziato 34 dipendenti e va in giro con auto da 300 mila franchi. Complimenti.
Giulietto 1 anno fa su tio
Hahaha se sei in assistenza ti contestano anche i 5 chf, se rubi 1,5 milioni e ti puoi permettere un buon avvocato tutto finirà a tarallucci e vino e i soldi nostri saranno svaniti per sempre! Complimenti! applausi
volabas56 1 anno fa su tio
Italy import
Ray 1 anno fa su tio
Ecco altri due che ora si sottoporranno a tutta la trafila, giudici, avvocati, tribunali, ecc, e poi tra qualche mese saranno di nuovo al lavoro come niente fosse, dopo aver cambiato il nome delle società....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
15 ore
Il Ceresio è da livello B... una secca da record
Non piove da mesi, il bacino è ai minimi storici e tra i proprietari di imbarcazioni cresce il malcontento
CANTONE
15 ore
Nessun distretto sfugge ai radar
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio
CANTONE
17 ore
Droni peggio degli avvoltoi: rischiano di rovinare il nido del Gipeto
«Lasciamo tranquilli questi rapaci» è l'appello lanciato da Ficedula ai disturbatori
FOTO
BELLINZONA
20 ore
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
21 ore
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
1 gior
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
AGNO
1 gior
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
1 gior
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
1 gior
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
1 gior
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile