Ti Press
MORBIO INFERIORE
17.01.21 - 11:400

Variante inglese a Morbio, un'intera scuola in quarantena

Riscontrati 13 casi di coronavirus alle Medie di Morbio Inferiore, almeno due sono riconducibili alla variante inglese.

Dal 20 al 29 gennaio la scuola sarà attiva unicamente in modalità a distanza. A Balerna annullata la settimana bianca. Nel Mendrisiotto vietate tutte le attività sportive negli spazi chiusi anche per i bambini.

MORBIO INFERIORE - Tutti gli allievi e i docenti della scuola media di Morbio Inferiore sono posti da subito in quarantena. A comunicarlo, questa mattina, sono il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) e il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS).

La misura si è resa necessaria dopo che nell’istituto sono stati constatati tredici casi positivi al Covid-19, di cui almeno due riconducibili alla variante inglese del virus. La scuola sarà attiva in modalità a distanza dal 20 al 29 gennaio. La situazione registrata alla sede di Morbio Inferiore è sin qui unica, non vi sono altri casi comparabili né nel Mendrisiotto, né nel resto del Cantone.

Due casi inglesi - Sabato l’Ufficio del medico cantonale ha ricevuto conferma che due degli allievi della scuola media di Morbio Inferiore risultati recentemente positivi al Coronavirus, presentano la mutazione britannica del virus. La ricerca attiva del ceppo, notoriamente più contagioso, è stata avviata dopo che dal 7 gennaio a ieri si sono constatati 13 casi positivi nello stesso istituto e in classi diverse. La vicinanza geografica con Balerna, dove la variante inglese è stata confermata giovedì in una casa per anziani, ha evidentemente rafforzato il sospetto di un legame epidemiologico, poi verificato nell’indagine ambientale in corso su questi due focolai.

Test a tappeto - In ragione dell’elevata contagiosità della mutazione britannica del Coronavirus, l’Ufficio del medico cantonale, d’intesa con il DECS, ha disposto la chiusura della scuola per le prossime due settimane. Tutti gli allievi (circa 500) e i docenti (una settantina) sono posti in quarantena. A tutti loro sarà offerta la possibilità di sottoporsi gratuitamente a un test di depistaggio nel corso dei prossimi giorni: l’esito di questo test a tappeto permetterà di identificare eventuali altri casi asintomatici e di agire così tempestivamente per limitare la diffusione della più contagiosa variante del virus. Le autorità si appellano al senso di responsabilità di ciascuno affinché l’adesione al test (gratuito e volontario) possa essere il più possibile elevata, e di conseguenza efficace in termini di riduzione della diffusione del virus nella collettività.

Lezioni a distanza - Le lezioni sono sospese fino a martedì, e da mercoledì 20 gennaio riprenderanno a distanza fino al 29 gennaio. Lunedì la direzione dell’istituto provvederà a predisporre tutto il necessario per garantire il proseguimento delle lezioni in digitale. Al contempo, da domani pomeriggio i genitori degli allievi che hanno segnalato necessità di prestito di un computer potranno ritirarli direttamente presso la sede scolastica.  

Settimana bianca annullata - A titolo precauzionale, è stata pure annullata la "settimana bianca" per una classe della scuola media di Balerna, che avrebbe dovuto iniziare lunedì. Tutte le famiglie direttamente toccate da questi provvedimenti, così come gli insegnanti, sono stati informati via mail dalle rispettive direzioni scolastiche.

Vietate le attività sportive - Preso atto della situazione, come ulteriore misura precauzionale, il Consiglio di Stato ha deciso di vietare le attività sportive con contatto fisico e quelle in spazi chiusi anche a bambini e giovani fino ai 16 anni. La misura riguarda il distretto di Mendrisio per il periodo dal 18 al 31 gennaio. «Sebbene consapevoli che queste attività sono preziose per il benessere fisico e sociale, nelle prossime due settimane risulta comunque prioritario ridurre i contatti e frenare la diffusione di questa nuova e più contagiosa variante del virus», si legge sul comunicato diramato in mattinata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
«Le donne non sono “consenzienti per default”»
Protesta del collettivo “Io l'8 ogni giorno” contro la revisione della legge in materia di crimini di natura sessuale
CANTONE
2 ore
Vino e birra si potranno acquistare anche alla sera
Il Parlamento ha approvato il controprogetto relativo all'iniziativa che chiedeva di togliere il divieto di vendita
LUGANO
3 ore
Borradori: «Dico no ai profeti del declino»
Il sindaco critica la corsa elettorale in cui spicca «chi riesce a dipingere la città nel modo più brutto e decadente»
COMANO
3 ore
Molestie e sessismo in RSI: «Non permetterò mai più simili derive»
Parla il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, che affronta con noi le critiche verso una tv "sprecona".
SONDAGGIO
CANTONE
4 ore
Col take-away, meno sciatori sulle piste
Stagione invernale col virus: nel comprensorio di Airolo-Pesciüm gli utenti sono calati del 40%
CANTONE
5 ore
«La nuova scuola di Amici del Kenya, con un occhio di riguardo per le donne»
Importante traguardo per l'associazione guidata dal locarnese Fabio Stefanini. Ecco il video e le foto.
CANTONE
5 ore
Il Cantone accetterà pagamenti in bitcoin
Luce verde da parte del Gran Consiglio a un progetto pilota con le cryptovalute.
LUGANO
5 ore
Metà classe in isolamento, malumori
Sette allievi positivi alla scuola elementare della Gerra a Lugano. I genitori scrivono al Decs
CANTONE
9 ore
«I reati finanziari sono un cancro per la società»
Il punto di Ministero pubblico e polizia cantonale sugli illeciti riguardanti i crediti Covid-19 e il lavoro ridotto.
COMANO
9 ore
Molestie e RSI: «Bisognerà chiudere i conti col passato»
Il nuovo direttore della RSI, Mario Timbal, si è presentato ai dipendenti e ha parlato del nuovo volto di radio e tv
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile