Screenshot video lettore Tio/20minuti
LUGANO
29.12.20 - 19:140
Aggiornamento : 30.12.20 - 14:05

La versione della polizia: «Il ragazzo ha cercato lo scontro»

Le autorità comunali, con un comunicato, descrivono il discusso intervento di ieri sera al quartiere Maghetti

E sul giovane «accompagnato al suolo» precisano: «Ha riconosciuto due agenti che lo avevano già trattato in occasione di altri reati e li ha sfidati fisicamente».

LUGANO - «Questo video mostra solo una piccola parte della realtà. Non mostra né quanto accaduto prima, né quanto successo dopo». Così si è espresso Roberto Torrente, comandante della polizia comunale di Lugano, in merito al video che circola in rete da questa mattina su un intervento avvenuto ieri sera al quartiere Maghetti. Ed è per questo che in serata la polizia cittadina ha trasmesso una presa di posizione ufficiale.

Alle 23:00 del 28 dicembre la pattuglia giunta sul posto - che ha immediatamente chiesto il supporto di altri colleghi - avrebbe constatato (come da segnalazione) la presenza di «un gruppo composto da una decina di giovani che venivano meno alle attuali norme igienico-sanitarie imposte (porto della mascherina, numero massimo di persone, distanza sociale) e riproducevano musica ad alto volume con altoparlanti».

Gli animi, si sarebbero subito scaldati. «Diversi giovani si sono opposti al controllo, con un comportamento ostile, arrogante e provocatorio nei confronti degli agenti che in quel momento stavano svolgendo il loro dovere», precisa la nota. Per poi concentrarsi sul ragazzo di cui si vede il fermo a terra nel video: «Un cittadino iracheno già noto alle forze dell'ordine per svariati reati».

La polizia definisce il suo come un «comportamento aggressivo e non collaborativo»: «Nonostante le indicazioni degli agenti, e con un evidente gesto di sfida li provocava continuamente, obbligandoli a fermarlo per allontanarlo dal gruppo». Il ragazzo avrebbe «riconosciuto due agenti che lo avevano già trattato in occasione di altri reati» e per questo avrebbe «cercato lo scontro con loro, sfidandoli fisicamente».

A quel punto un agente lo avrebbe «preso per un braccio allo scopo di contenerlo». Da qui «la reazione aggressiva del cittadino iracheno che, afferrando la divisa dell'agente e strappandola, cercava di trascinarlo a terra». A questo punto, «per procedere al fermo dell'individuo, si è reso necessario accompagnarlo al suolo e procedere al suo ammanettamento - aggiunge la polizia luganese -, cosa resa difficile dalla continua reazione violenta dello stesso». Una volta ammanettato, il ragazzo sarebbe «stato rimesso in piedi e ogni tipo di coercizione sarebbe terminata».

Infine, le autorità comunicano che i presenti verranno sanzionati per infrazione alla Legge sull'Ordine Pubblico e denunciati per contravvenzione in urto all'articolo 13 dell'Ordinanza Covid 19 -  situazioni particolari.

Anche Giorgio Fonio, segretario del comitato OCST Funzionari di Polizia, ha preso posizione nei confronti dell'accaduto: «Chi aggredisce un agente, aggredisce la società».

🔴CHI AGGREDISCE UN AGENTE AGGREDISCE LA SOCIETÀ!🔴 L’offesa e il dileggio nei confronti della nostra Polizia sono lo...

Pubblicato da Giorgio Fonio su Martedì 29 dicembre 2020
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
CENERI
7 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente in A2 oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
1 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
1 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
2 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile