Screenshot video lettore Tio/20minuti
LUGANO
29.12.20 - 19:140
Aggiornamento : 30.12.20 - 14:05

La versione della polizia: «Il ragazzo ha cercato lo scontro»

Le autorità comunali, con un comunicato, descrivono il discusso intervento di ieri sera al quartiere Maghetti

E sul giovane «accompagnato al suolo» precisano: «Ha riconosciuto due agenti che lo avevano già trattato in occasione di altri reati e li ha sfidati fisicamente».

LUGANO - «Questo video mostra solo una piccola parte della realtà. Non mostra né quanto accaduto prima, né quanto successo dopo». Così si è espresso Roberto Torrente, comandante della polizia comunale di Lugano, in merito al video che circola in rete da questa mattina su un intervento avvenuto ieri sera al quartiere Maghetti. Ed è per questo che in serata la polizia cittadina ha trasmesso una presa di posizione ufficiale.

Alle 23:00 del 28 dicembre la pattuglia giunta sul posto - che ha immediatamente chiesto il supporto di altri colleghi - avrebbe constatato (come da segnalazione) la presenza di «un gruppo composto da una decina di giovani che venivano meno alle attuali norme igienico-sanitarie imposte (porto della mascherina, numero massimo di persone, distanza sociale) e riproducevano musica ad alto volume con altoparlanti».

Gli animi, si sarebbero subito scaldati. «Diversi giovani si sono opposti al controllo, con un comportamento ostile, arrogante e provocatorio nei confronti degli agenti che in quel momento stavano svolgendo il loro dovere», precisa la nota. Per poi concentrarsi sul ragazzo di cui si vede il fermo a terra nel video: «Un cittadino iracheno già noto alle forze dell'ordine per svariati reati».

La polizia definisce il suo come un «comportamento aggressivo e non collaborativo»: «Nonostante le indicazioni degli agenti, e con un evidente gesto di sfida li provocava continuamente, obbligandoli a fermarlo per allontanarlo dal gruppo». Il ragazzo avrebbe «riconosciuto due agenti che lo avevano già trattato in occasione di altri reati» e per questo avrebbe «cercato lo scontro con loro, sfidandoli fisicamente».

A quel punto un agente lo avrebbe «preso per un braccio allo scopo di contenerlo». Da qui «la reazione aggressiva del cittadino iracheno che, afferrando la divisa dell'agente e strappandola, cercava di trascinarlo a terra». A questo punto, «per procedere al fermo dell'individuo, si è reso necessario accompagnarlo al suolo e procedere al suo ammanettamento - aggiunge la polizia luganese -, cosa resa difficile dalla continua reazione violenta dello stesso». Una volta ammanettato, il ragazzo sarebbe «stato rimesso in piedi e ogni tipo di coercizione sarebbe terminata».

Infine, le autorità comunicano che i presenti verranno sanzionati per infrazione alla Legge sull'Ordine Pubblico e denunciati per contravvenzione in urto all'articolo 13 dell'Ordinanza Covid 19 -  situazioni particolari.

Anche Giorgio Fonio, segretario del comitato OCST Funzionari di Polizia, ha preso posizione nei confronti dell'accaduto: «Chi aggredisce un agente, aggredisce la società».

🔴CHI AGGREDISCE UN AGENTE AGGREDISCE LA SOCIETÀ!🔴 L’offesa e il dileggio nei confronti della nostra Polizia sono lo...

Pubblicato da Giorgio Fonio su Martedì 29 dicembre 2020
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MENDRISIO
4 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
6 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
8 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
10 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
19 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
22 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
1 gior
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
1 gior
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 gior
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile