facebook
LUGANO
14.12.20 - 18:410

Borradori difende i mercatini: «Non sono la causa degli assembramenti»

Il sindaco di Lugano garantisce l'efficacia del piano di protezione in quell'area: «Securitas conta le presenze».

Quindi rassicura: «Se sarà necessario chiuderli verrà fatto. Anche se ciò vorrà dire un sacrificio ulteriore per chi ci lavora»

LUGANO - Capannelli di persone in piedi sorseggiando un aperitivo. Oggi ormai rinominati assembramenti. È ciò che è stato notato, e prontamente denunciato, in quel di Lugano. In Piazza Riforma, nei dintorni dei mercatini di Natale. 

Con le cifre e le notizie allarmanti riguardanti la situazione pandemica, d’altra parte, ogni potenziale rischio fa paura. E qualcuno non ha esitato a puntare il dito contro il Municipio per la gestione della situazione. Specie per ciò che concernono le bancarelle natalizie, foriere per molti, di leggerezze che oggi non ci si può più permettere. 

Accuse, queste, che il sindaco di Lugano Marco Borradori respinge al mittente. «Quell'area è attrattiva da sempre, non solo a Natale - sottolinea interpellato da Radio Ticino -. Quando la gente ha finito gli acquista va a bere il caffè, una birra, un aperitivo, poi si riversa nella piazza. È sempre stato così. Però adesso è passata l'idea che siano stati i mercatini natalizi a generare questi assembramenti».

Per Borradori, semmai, la bancarella può essere un’attrazione allettante, ma non causa di violazioni di qualche tipo: «Sicuramente i mercatini attirano gente. Esattamente come i negozi, bar o i ristoranti. Ma il piano di protezione sta funzionando benissimo. Mi sono arrivate parecchie email che chiedevano controlli all'ingresso... Ma noi abbiamo già questi controlli. C'è Securitas che conta le presenze e non c'è nessun assembramento».

Il Sindaco non dubita che le bancarelle possano essere un richiamo, ma trova la polemica sterile, anzi, «una sorta di capro espiatorio». «Se ci sarà da chiudere perché l'evoluzione della situazione lo imporrà, lo faremo. Chiedendo un sacrificio ulteriore a chi gestisce i mercatini. Quello che però io vorrei dire, proprio per una questione di onestà intellettuale - conclude -, è di andare a vedere come sono questi mercatini prima di emettere una sentenza. Perché non sono loro ad aver causato quegli assembramenti». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 min
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
15 min
76 nuovi contagi in Ticino. Un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
3 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
4 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
12 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
14 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
FOTO
CHIASSO
17 ore
Sassaiola contro la palestra di arti marziali
Presa di mira la porta d'ingresso dello stabile in via Vincenzo d'Alberti. Accertamenti in corso da parte della polizia.
CANTONE
20 ore
Quante aziende hanno chiuso in Ticino?
Meno del solito, nell'ultimo trimestre del 2020. L'indagine dell'USI
CANTONE
23 ore
Mascherine trasparenti a scuola per leggere il labiale
Permettono di vedere la bocca, ma anche di "leggere" le emozioni della persona che le indossa
CANTONE / SVIZZERA
23 ore
Premiati gli scatti sul Covid-19 di Pablo Gianinazzi
Il fotografo ticinese è tra i sei vincitori dello "Swiss Press Photo 2021".
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile