facebook
LUGANO
14.12.20 - 18:410

Borradori difende i mercatini: «Non sono la causa degli assembramenti»

Il sindaco di Lugano garantisce l'efficacia del piano di protezione in quell'area: «Securitas conta le presenze».

Quindi rassicura: «Se sarà necessario chiuderli verrà fatto. Anche se ciò vorrà dire un sacrificio ulteriore per chi ci lavora»

LUGANO - Capannelli di persone in piedi sorseggiando un aperitivo. Oggi ormai rinominati assembramenti. È ciò che è stato notato, e prontamente denunciato, in quel di Lugano. In Piazza Riforma, nei dintorni dei mercatini di Natale. 

Con le cifre e le notizie allarmanti riguardanti la situazione pandemica, d’altra parte, ogni potenziale rischio fa paura. E qualcuno non ha esitato a puntare il dito contro il Municipio per la gestione della situazione. Specie per ciò che concernono le bancarelle natalizie, foriere per molti, di leggerezze che oggi non ci si può più permettere. 

Accuse, queste, che il sindaco di Lugano Marco Borradori respinge al mittente. «Quell'area è attrattiva da sempre, non solo a Natale - sottolinea interpellato da Radio Ticino -. Quando la gente ha finito gli acquista va a bere il caffè, una birra, un aperitivo, poi si riversa nella piazza. È sempre stato così. Però adesso è passata l'idea che siano stati i mercatini natalizi a generare questi assembramenti».

Per Borradori, semmai, la bancarella può essere un’attrazione allettante, ma non causa di violazioni di qualche tipo: «Sicuramente i mercatini attirano gente. Esattamente come i negozi, bar o i ristoranti. Ma il piano di protezione sta funzionando benissimo. Mi sono arrivate parecchie email che chiedevano controlli all'ingresso... Ma noi abbiamo già questi controlli. C'è Securitas che conta le presenze e non c'è nessun assembramento».

Il Sindaco non dubita che le bancarelle possano essere un richiamo, ma trova la polemica sterile, anzi, «una sorta di capro espiatorio». «Se ci sarà da chiudere perché l'evoluzione della situazione lo imporrà, lo faremo. Chiedendo un sacrificio ulteriore a chi gestisce i mercatini. Quello che però io vorrei dire, proprio per una questione di onestà intellettuale - conclude -, è di andare a vedere come sono questi mercatini prima di emettere una sentenza. Perché non sono loro ad aver causato quegli assembramenti». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
BELLINZONA
2 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
2 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE
4 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
LUGANO
5 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
7 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati con effetto immediato. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze
Massagno
7 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
CANTONE
21 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
1 gior
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
1 gior
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile