Tipress
LUGANO
31.10.20 - 13:300
Aggiornamento : 14:07

«Giornalista, te ne devi andare», e le tirano una testata

È successo ieri sera a una giovane collega de La Regione che si trovava alla manifestazione anti-misure Covid di Lugano

«Al momento del colpo, più che il dolore è stato lo shock... Non riuscivo a capire»

LUGANO - Una manciata di persone, raccolte in Piazza Molino Nuovo a Lugano, in una manifestazione contro le restrizioni legate al coronavirus. Fra slogan, striscioni e una presenza decisamente contenuta la serata non sembrava destinata a far parlare di sé, come invece è stato.

Il motivo è un'aggressione, immotivata, a una giovane giornalista de La Regione, Federica Ciommiento (anche una nostra ex-collega) che alla sua prima uscita sul campo si è vista tirare, di punto in bianco, una testata sul naso.

La cronaca della serata, è descritta (bene) da lei nel suo articolo apparso su La Regione, noi abbiamo comunque deciso di contattarla, come segno di vicinanza ma anche per sentire dalla sua viva voce come si è svolta la faccenda.

«Sto bene, è solo una piccola frattura del naso», ci racconta, «quando mi hanno colpita più che il male è stato lo shock. Sono rimasta lì ancora diverso tempo, malgrado il naso dolente».

La svolta violenta, è arrivata davvero a sorpresa: «Era una manifestazione tranquilla, quando sono arrivata ho parlato con alcuni di loro, chiesto se potevo fare fotografie e mi hanno detto di no. Io allora mi sono fatta da parte, osservando la manifestazione da lontano, anche perché cominciavano a esserci circa 30 persone, e si trattava comunque di un assembramento. Non tutti portavano la mascherina. In diversi, più che altro, si coprivano il volto».

Malgrado fosse in disparte, per qualcuno non era ancora abbastanza: «"Ma cosa sei tu, una sbirra?" Mi ha chiamato proprio così», racconta Federica parlando della ragazza che le si è avvicinata, «io in assoluta tranquillità le ho risposto: "No, no, sono una giornalista!". E lei: "Te ne devi andare". Ho tentato di ragionarci, ma non c'è stato niente da fare. Non penso fosse sotto effetto di sostanze, era senz'altro bellicosa, ma lucida».

Dopo la testata, alcuni manifestanti si sono fatti avanti per scusarsi su quanto accaduto e assicurarsi che stesse bene: «Sono stati gentili», conferma Federica alla quale - oltre al naso gonfio - resta un po' l'amaro in bocca, «quando mi ha colpito davvero non capivo il perché, ho pensato: "Insomma, sono qui anche per darvi una voce!"».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
13 min
Escursionisti che mettono i bastoni fra le ruote dei bikers
Ostacoli e trappole piazzati sui Monti di Claro: la convivenza fra i vari fruitori dei sentieri non è sempre semplice.
CHIASSO/LUGANO
1 ora
Anche in treno si viaggia un po' stretti
Pendolari stipati su un convoglio dimezzato. Le Ffs: «Può capitare, ma esistono diverse alternative»
CANTONE
3 ore
Mascherine, è iniziata la guerra dei prezzi
A gennaio, la domanda di FFP2 è aumentata notevolmente. Ma non in Ticino
LUGANO
4 ore
Cade dalla scalinata, finisce in ospedale
L'incidente si è verificato sulla strada che transita sul Ponte del diavolo.
CANTONE
8 ore
Delitto di Muralto: 30enne a processo per assassinio
È stato rinviato a giudizio il cittadino germanico che era stato fermato a seguito dei fatti del 9 aprile 2019
CANTONE
10 ore
Negli ospedali ci sono meno di 200 pazienti col coronavirus
Le autorità sanitarie cantonali segnalano altri 58 contagi e 6 nuovi decessi
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Salt: «Problema tecnico risolto»
I primi disagi erano stati riscontrati attorno alle 15 di ieri. Il guasto è stato sistemato in tarda serata
FOTO E VIDEO
AIROLO
10 ore
Tampona un camion fermo sull'A2: è gravissimo
L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi dell'area di servizio di Stalvedro.
VIDEO
CANTONE
11 ore
In moto anche d'inverno: attenzione a ghiaccio e temperature!
Il TCS: «La guida di una due ruote esige, come per l'auto, una prudenza e un'attenzione permanente»
VIDEO
SEMENTINA
14 ore
«Gira poca gente, affari giù del 50%»
Crisi Covid: stare a casa equivale a usare poco l'auto. Sconforto tra i benzinai. Lo sfogo del 35enne Davide Ciaburri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile