Ti-Press
CANTONE
30.10.20 - 21:450
Aggiornamento : 31.10.20 - 09:02

«Perché noi no, e i bordelli sì?»

Locali a luci rosse di nuovo aperti in Ticino. Decisive le scelte federali. E ora c'è chi è furioso.

I postriboli, nonostante il Covid-19, possono riaprire. Tanti gli interrogativi tra chi, invece, ha dovuto congelare tutto proprio a causa dei "contatti ravvicinati".

BELLINZONA - Nonostante il Covid-19, in Ticino riaprono i locali erotici. Seguiranno le regole decise per la ristorazione. Otto postriboli rappresentati dall'avvocato Marco Garbani di recente avevano inoltrato ricorso al Tribunale cantonale amministrativo. Il Cantone, nel frattempo, nella giornata di venerdì, visto che il Consiglio federale ha deciso di non limitare l'attività dei locali erotici, è stato costretto a fare dietrofront sulla decisione presa poche settimane fa. «Tutto questo è insensato – sostiene Gianni Morici, uno dei re della movida ticinese –. I locali come i miei devono stare chiusi. I bordelli invece possono aprire? Dunque deduco che la questione delle distanze non abbia più valore». 

«È meglio che non commento più niente» – Chiusura tra le 23 e le 6 di mattina e massimo 4 persone per tavolo. Queste le regole da ora, e fino a nuovo avviso, in atto nei bordelli ticinesi. Gabriele Censi, noto organizzatore di eventi, appare sfinito. Il suo settore è tra i più penalizzati al momento: massimo 50 partecipanti. Una mazzata visti i grandi investimenti fatti. «No comment, davvero – dice –. È meglio che non commento più niente. Vedo un sacco di incoerenze. In generale, non solo riguardo a questa vicenda dei bordelli». 

«Ci sentiamo presi in giro» – L'avvocato Garbani, nel testo consegnato al Tribunale, aveva fatto leva anche su una presunta disparità di trattamento a vantaggio della prostituzione negli appartamenti ancora consentita. Morici non ci sta e rincara la dose: «Ci sentiamo presi in giro. Non so davvero più cosa dire».

C'è chi si pone domande... – Francesco Marani, direttore del T11 SportArena di Giubiasco, è spiazzato: «Noi, accanto alla ristorazione (che prosegue), offriamo la possibilità alla gente di giocare a calcio. In seguito alle direttive giunte dall'alto in merito agli sport di contatto, ho bloccato l'attività sportiva, senza fare storie perché consapevole che si trattava di un gesto per la salute di tutti. Ho sempre rispettato le autorità, ci mancherebbe. Ma è chiaro che di fronte a una decisione del genere posso permettermi di pormi delle domande». 

... E chi è incavolato nero – Mirko D'Urso, direttore del Centro Artistico Mat di Lugano, è incavolato nero. «Se regolarizzata e controllata, ho sempre pensato che la prostituzione fosse una categoria professionale come le altre. Ma quando un Cantone che predica ogni giorno il rispetto della distanza fisica e chiede di non fare cene famigliari a casa propria, poi permette ai postriboli di restare aperti, allora mi arrabbio. A questo punto mi verrebbe da dire “liberi tutti”. Io devo imporre l’uso obbligatorio della mascherina e il rispetto della distanza fisica a 10 allievi di teatro in una sala da 300 metri quadrati e c’è chi può serenamente fare sesso a pagamento con sconosciuti?».

La parola all'avvocato – Marco Garbani non si scompone. «I gestori dei postriboli sono contenti. Perché viene tolta un'incomprensibile disparità rispetto agli appartamenti a luci rosse. I locali hanno un piano di protezione e chiudono alle 23, come tutti gli altri esercizi. È l'autorità federale che ha detto "movida no, bordelli sì". Quindi il nostro Consiglio di Stato ha semplicemente preso atto di questo». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
1 ora
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
5 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
6 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
8 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
9 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
13 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
14 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
15 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
15 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
17 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile