Ti Press
+8
MENDRISIO
03.10.20 - 16:010
Aggiornamento : 18:41

La salita che porta al Generoso è una giungla

Il Mendrisiotto è stato colpito da raffiche di vento particolarmente violente.

Sono diverse le strade montane che hanno dovuto essere temporaneamente chiuse a causa della caduta di alberi e rami.

MENDRISIO - La forza del vento che questa notte ha soffiato sul Ticino è stata particolarmente violenta nel Mendrisiotto. Se nel Sopraceneri a destare particolare preoccupazione è stata soprattutto la pioggia, che ha fatto crescere a dismisura il livello dei fiumi (Ticino in primis), nella regione più a sud del Cantone è stato Eolo a causare i maggiori disagi.

A Riva San Vitale lo scirocco ha infatti divelto una tettoia, che in seguito ha distrutto un'auto. Ma non solo. Sulla strada che da Mendrisio sale in direzione del Monte Generoso il forte vento - con raffiche fino a 120 km/h - ha fatto cadere numerosi alberi, trasformando la carreggiata in una distesa di rami e foglie.

Sul posto si è quindi reso necessario l'intervento dei pompieri, che hanno bloccato la strada all'altezza del bivio per Cragno. Anche la Ferrovia del Monte Generoso è rimasta ostruita dalla vegetazione. 

Strade chiuse in Valle di Muggio - Cambia il versante, ma non cambiano i disagi. La strada cantonale tra Casima e Monte (Valle di Muggio) è stata temporaneamente chiusa in entrambe le direzioni, informa il TCS. A causa di alcuni alberi caduti non si circola nemmeno tra Muggio e Scudellate.

Danni anche a Vacallo - Il forte vento ha evidentemente causato danni anche in altre località momò. A Vacallo una pianta è stata letteralmente sradicata e solo per pochi centimetri non si è abbattuta su un'abitazione.

Ti Press
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
Ajla va come un treno
L'atleta ticinese scelta come testimonial della Ferrovia Centovallina.
CANTONE
1 ora
Altri 214 contagi e cinque morti in Ticino
L'andamento della pandemia nel nostro cantone rimane «seria», ma abbastanza stabile.
FOTO
CANTONE
4 ore
«Quella volta che incontrai Diego a Buenos Aires»
Nel cuore di Maradona c’è sempre stato uno spazio di riguardo per il nostro paese, dove ha soggiornato con le sue figlie.
CANTONE
5 ore
«Solo il 5.7% dei soccorritori ha contratto la malattia»
Il direttore sanitario della Croce Verde luganese ci ha indicato i protocolli per garantire la sicurezza degli operatori
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
I coltelli finiranno sotto chiave?
L'attacco di ieri a Lugano è avvenuto con un coltello preso direttamente dagli scaffali della Manor
CANTONE
14 ore
Aggressione alla Manor, l'accusa è di tentato omicidio e lesioni gravi
L'Imam Jelassi: «Condanniamo con forza ogni forma di violenza gratuita a prescindere da chi la commetta»
LUGANO
18 ore
La famiglia rompe il silenzio: «Chiediamo rispetto»
Fotografi e giornalisti davanti all’abitazione dei genitori della 28enne che ha accoltellato una donna ieri alla Manor.
CANTONE
18 ore
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
19 ore
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
20 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile