Archivio Tipress
CANTONE
29.09.20 - 09:040
Aggiornamento : 12:12

Delitto di Monte Carasso: si riapre il processo bis

Il dibattimento in Appello era stato sospeso per una nuova analisi delle traduzioni presentata dalla difesa.

La donna condannata in primo grado al carcere a vita per il fatto di sangue del 2016 nega il suo coinvolgimento.

BELLINZONA - Nell'aprile del 2019 era stata condannata al carcere a vita per aver istigato il marito a uccidere la ex moglie. Ma nelle scorse settimane è tornata a giudizio, stavolta davanti a una Corte di appello e di revisione penale. Si tratta della cittadina russa - ora quarantunenne - protagonista del delitto di Monte Carasso del 2016.

Oggi alle 9.30 il processo in Appello si riapre a Giubiasco (per rispettare le misure anti-coronavirus, la Corte presieduta dal giudice Giovanna Roggero-Will - è riunita negli spazi del Centro di formazione della polizia cantonale). Lo scorso 9 settembre il dibattimento era infatti stato sospeso a data da definire a causa di una questione relativa le traduzioni di alcuni interrogatori videoregistrati effettuati in fase d'inchiesta: l'avvocato difensore Yasar Ravi aveva presentato un'analisi, secondo cui vi sarebbero state delle imprecisioni nelle traduzioni di alcune domande e risposte.

Quel 19 luglio 2016 - I fatti - come detto - risalgono a oltre quattro anni fa: era il 19 luglio del 2016, quando in un'abitazione di Monte Carasso si consumò il delitto: il marito della 41enne russa aveva tolto la vita all'ex moglie, inscenandone il suicidio (le aveva fatto perdere i sensi manipolandole il collo e poi le aveva tagliato le vene dei polsi). Secondo l'accusa - rappresentata dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli - l'uomo avrebbe agito spinto dalla nuova consorte, la donna che aveva conosciuto online e aveva fatto arrivare in Svizzera dalla Russia. Lei era in cerca di una vita migliore, ma lui doveva pagare tremila franchi al mese di alimenti alla ex consorte.

Lei nega - Così come già durante il processo di primo grado, anche davanti alla Corte di appello, la russa 41enne ha negato il suo coinvolgimento: «Mi aveva detto che andava dal dottore, dall'avvocato e poi a parlare con la prima moglie» ha spiegato nelle scorse settimane in aula, affermando di non aver avuto nessun sospetto delle intenzioni del marito.

Le condanne - Nel processo di primo grado, che aveva avuto luogo nell'aprile del 2019, la 41enne cittadina russa era stata condannata al carcere a vita (sentenza che ha poi impugnato). Il marito, invece, sta attualmente scontando una pena detentiva di sedici anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
21 min
Semine e Locarno, nessun arbitro per tre settimane
La Commissione arbitrale della FTC ha deciso che non invierà fischietti fino al 10 ottobre.
FOTO E VIDEO
LUGANO
31 min
«Hanno sparato proiettili di gomma e usato spray urticanti»
La replica di Karin Valenzano Rossi: «Questo genere di attività moleste di notte non erano autorizzate».
FOTO
LOCARNO
3 ore
Tutto il Fevi in piedi per la “sua” Loredana
Un fortissimo e caloroso abbraccio ha stretto il pubblico locarnese alla cantante.
BELLINZONA
6 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
9 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
MENDRISIO
21 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
21 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
1 gior
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
1 gior
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
1 gior
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile