Archivio Tipress
CANTONE
29.09.20 - 09:040
Aggiornamento : 12:12

Delitto di Monte Carasso: si riapre il processo bis

Il dibattimento in Appello era stato sospeso per una nuova analisi delle traduzioni presentata dalla difesa.

La donna condannata in primo grado al carcere a vita per il fatto di sangue del 2016 nega il suo coinvolgimento.

BELLINZONA - Nell'aprile del 2019 era stata condannata al carcere a vita per aver istigato il marito a uccidere la ex moglie. Ma nelle scorse settimane è tornata a giudizio, stavolta davanti a una Corte di appello e di revisione penale. Si tratta della cittadina russa - ora quarantunenne - protagonista del delitto di Monte Carasso del 2016.

Oggi alle 9.30 il processo in Appello si riapre a Giubiasco (per rispettare le misure anti-coronavirus, la Corte presieduta dal giudice Giovanna Roggero-Will - è riunita negli spazi del Centro di formazione della polizia cantonale). Lo scorso 9 settembre il dibattimento era infatti stato sospeso a data da definire a causa di una questione relativa le traduzioni di alcuni interrogatori videoregistrati effettuati in fase d'inchiesta: l'avvocato difensore Yasar Ravi aveva presentato un'analisi, secondo cui vi sarebbero state delle imprecisioni nelle traduzioni di alcune domande e risposte.

Quel 19 luglio 2016 - I fatti - come detto - risalgono a oltre quattro anni fa: era il 19 luglio del 2016, quando in un'abitazione di Monte Carasso si consumò il delitto: il marito della 41enne russa aveva tolto la vita all'ex moglie, inscenandone il suicidio (le aveva fatto perdere i sensi manipolandole il collo e poi le aveva tagliato le vene dei polsi). Secondo l'accusa - rappresentata dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli - l'uomo avrebbe agito spinto dalla nuova consorte, la donna che aveva conosciuto online e aveva fatto arrivare in Svizzera dalla Russia. Lei era in cerca di una vita migliore, ma lui doveva pagare tremila franchi al mese di alimenti alla ex consorte.

Lei nega - Così come già durante il processo di primo grado, anche davanti alla Corte di appello, la russa 41enne ha negato il suo coinvolgimento: «Mi aveva detto che andava dal dottore, dall'avvocato e poi a parlare con la prima moglie» ha spiegato nelle scorse settimane in aula, affermando di non aver avuto nessun sospetto delle intenzioni del marito.

Le condanne - Nel processo di primo grado, che aveva avuto luogo nell'aprile del 2019, la 41enne cittadina russa era stata condannata al carcere a vita (sentenza che ha poi impugnato). Il marito, invece, sta attualmente scontando una pena detentiva di sedici anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CAPOLAGO
3 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
6 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
8 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
10 ore
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
13 ore
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
14 ore
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
1 gior
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
1 gior
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
1 gior
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
1 gior
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile