Immobili
Veicoli
Rescue Media (archivio)
CANTONE
20.08.20 - 13:570
Aggiornamento : 17:51

«Morto per mostrare il malfunzionamento di un macchinario»

I famigliari del 44enne deceduto in febbraio in un'azienda del Luganese chiedono «verità e giustizia».

L'intera scena dell'incidente mortale sarebbe stata ripresa con un telefonino. Sul caso indaga il Ministero pubblico.

LUGANO - Sarebbe morto mentre mostrava ai responsabili della sicurezza dell'azienda in cui lavorava il malfunzionamento di un macchinario, una piegatrice. A sei mesi di distanza dai fatti, emergono nuovi particolari sul tragico decesso di V.G.P., l’operaio frontaliere di 44 anni rimasto vittima di un infortunio sul lavoro l’11 febbraio scorso in uno stabilimento del Luganese. I famigliari della vittima, tramite lo Studio3A - società specializzata nel risarcimento danni - puntano il dito contro l'azienda, in particolare i responsabili della sicurezza.

Il Procuratore Pubblico Paolo Fäh ha nel frattempo aperto un procedimento penale (per ora ancora contro ignoti) per il reato di omicidio colposo. Il magistrato ha pure disposto l’autopsia sulla salma del lavoratore per accertare le cause della morte e l’acquisizione della cartella clinica del suo breve ricovero al Civico di Lugano, dove l'uomo era stato trasportato in condizioni disperate. Ma soprattutto avrebbe sequestrato un video effettuato con il cellulare, che avrebbe interamente ripreso l'intera drammatica scena.

Nel video si vedrebbe la vittima azionare il macchinario. La pressa avrebbe schiacciato una barra d'alluminio, che si sarebbe però improvvisamente spezzata «colpendo il 44enne come un proiettile all’altezza dello sterno e dell’addome». La tragedia, insomma, sarebbe avvenuta a causa di problemi con il macchinario. La dinamica evidenzierebbe quindi per lo Studio3A «palesi responsabilità in capo all'azienda» nonostante la posizione non corretta dell’operaio, che avrebbe dovuto operare lateralmente rispetto al macchinario e non frontalmente. Cosa che però ha fatto sotto gli occhi dei responsabili della sicurezza della ditta, «i quali avrebbero potuto e dovuto correggerne la posizione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
1 min
Fiamme in una palazzina a Locarno
È divampato questa mattina un rogo in un appartamento in Via San Jorio
CANTONE
1 ora
Gli animalisti saranno più veloci del fucile?
Il WWF valuterà un ricorso «dopo aver visto le motivazioni del governo». E invoca un cambio di strategia in futuro
CHIASSO
1 ora
Chiasso vuole "vendersi" meglio
Eventi, economia, demografia, ma anche turismo. Dopo anni difficili Chiasso vuole rilanciarsi.
FOTO
RANCATE
12 ore
Medacta si espande (e assume 300 persone)
L'azienda ha aperto una nuova sede a Rancate e ha in programma investimenti per diversi milioni
LUGANO
14 ore
Hannibal arriva in Ticino
Le temperature raggiungeranno i 30 gradi nel weekend. I consigli del DSS
LUGANO
15 ore
Sesso con un 14enne: «Mi scuso. Ho capito che i bambini non si toccano»
Condannato a due anni e quattro mesi di carcere, di cui 20 mesi sospesi, un 55enne residente nel Luganese.
CANTONE
18 ore
Da predatore a preda
Il Governo ha dato il via libera all'abbattimento del predatore che lo scorso 26 aprile uccise 19 pecore a Cerentino.
LUGANO
20 ore
«Voleva uccidere»
La 29enne dovrà rispondere di tentato assassinio e di violazione alla legge che vieta i gruppi Al-Qaïda e Stato islamico
CANTONE
20 ore
Da Bellinzona a Losanna senza mai cambiare treno
Le FFS hanno presentato il progetto d'orario 2023. Diverse le novità, anche per i viaggiatori ticinesi.
CANTONE
23 ore
«Pandemia, la vittima è stata la ragione»
Il reporter Gianluca Grossi crea scompiglio in libreria con la pubblicazione di "La libertà è una parola". Ecco perché.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile