Immobili
Veicoli
Giampani
Il distributore automatico vandalizzato, a Breganzona.
CANTONE
14.08.20 - 20:580
Aggiornamento : 15.08.20 - 11:51

Vandali in azione, ennesimo distributore K.O.

Ignoti hanno sventrato, e razziato, un altro distributore automatico

«È una piaga che ci perseguita» ammette Armando Serravalle, titolare di Horizontline

BREGANZONA - Ci risiamo. Dopo l'aggressione vissuta dall'apparecchio Selecta lo scorso 5 agosto alla stazione di Giubiasco, un altro distributore è rimasto vittima dei vandali.

Ignoti hanno infatti rotto il vetro di un apparecchio presente a Breganzona, per poi accaparrarsi tutto ciò che la "macchinetta" forniva.

Un comportamento spregevole secondo Davide Giampani, membro della Commissione di quartiere di Breganzona. «La fase di lockdown che abbiamo passato avrebbe dovuto insegnarci a maggior ragione ad avere rispetto verso i beni, sia comuni che privati», si rammarica Giampani, «purtroppo però, non sembra proprio essere il caso».

Abbiamo sentito Armando Serravalle, titolare di Horizontline, che si occupa dell'installazione e manutenzione dell'apparecchio: «È una piaga che ci perseguita», ha ammesso l'imprenditore, e questo «nonostante il bottino non sia granché», infatti, anche per quanto riguarda i soldi, i distributori vengono svuotati regolarmente, «ci si può trovare al massimo sui 200-300 franchi», e il costo per l'azienda ammonta poi a oltre 2'000 franchi.

Infatti, anche a causa delle difficoltà del settore dei distributori automatici di trovare una polizza assicurativa che copra tali danni, «l'azienda deve far fronte a questi problemi con risorse proprie». Il rischio è sempre presente per un business outdoor come questo, e dopo situazioni simili si rinuncerebbe volentieri: «tuttavia, è importante tenere queste posizioni per garantire gli stipendi e i posti di lavoro dei propri impiegati» ci racconta Serravalle, a capo dell'azienda con 17 dipendenti.

E le telecamere? «È una faccenda delicata quella della videosorveglianza, bisogna rispettare parecchi parametri di legge e autorizzazioni», ci spiega il titolare, «In questo caso, noi forniamo un servizio al gestore della pompa di benzina, il quale si occupa dell'installazione e gestione delle telecamere».

Serravalle ci conferma però che uno degli autori del gesto dovrebbe essere stato identificato dalla polizia. «Abbiamo sporto denuncia contro ignoti, e la Polizia di Noranco ci ha informato che uno dei colpevoli sarebbe stato preso. Stiamo ora aspettando il verbale della pretura», comunque, un caso più che positivo: «è già bello se ne beccano 1 su 10», ammette Serravalle.

E il distributore? «Sarà presto ripristinato, dovrebbe essere pronto settimana prossima».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SosPettOso 1 anno fa su tio
Io trovo molto più spregevole la "casualità" con cui dopo l'apparizione di queste macchinette, sui binari scompaiono o vengono chiuse le fontanelle.
Evry 1 anno fa su tio
Quando si arrestano, somministrate una Maxi razione di botte dai piedi ai capelli, solo cosi forse capiranno...
Disà 1 anno fa su tio
Con quei prezzi te credoooo !!!
ciapp 1 anno fa su tio
eh naturalmente se ci fossero le videocamere non si possono usare perché c'è la privacy e magari sono minorenni !? in certe nazioni se ti prendevano a rubare ti tagliavano le mani !
Frankeat 1 anno fa su tio
@ciapp Se ti piacciono così tanto certe leggi (taglio mani), puoi sempre andare ad abitare nei paesi che le mettono in pratica.
Zarco 1 anno fa su tio
Anche se li prendi, succede nulla...delinquenti sempre più al caldo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Pensionati del Cantone: «Decisione scandalosa»
Il Vpod promette un autunno "caldo" di proteste contro i tagli alle rendite
ROSSA (GR)
2 ore
Trovato morto un escursionista dato per disperso
L'uomo ieri non si era presentato al lavoro. È precipitato da una parete rocciosa sopra il Lagh de Calvaresc.
LAMONE
3 ore
Poliziotti sotto indagine: «Diamo massima fiducia. L'inchiesta è chiusa»
Il Municipio di Lamone e la Commissione intercomunale della Polizia del Vedeggio si esprimono sugli agenti indagati.
CANTONE/UCRAINA
4 ore
Ricostruire l'Ucraina, partendo da Lugano? «Va fatto nel modo giusto»
L'appello delle Ong svizzere al Consiglio federale: «Non decidano solo i Governi, si ascoltino le popolazioni colpite»
CANTONE
6 ore
Covid, terapie intensive vuote
È la prima volta da oltre 10 mesi. Negli ospedali ticinesi restano ricoverate 43 persone
CANTONE
8 ore
Nebbia sul frontaliere che si porta a casa l’auto della ditta
Nasce il Registro dei Veicoli Immatricolati all’Estero. Chi non si iscrive, rischia il sequestro del veicolo.
LAMONE
9 ore
Quattro poliziotti finiscono sotto indagine
Si tratta di un terzo dell'effettivo della Polizia del Vedeggio. E sarebbe coinvolto anche il vicecomandante.
CANTONE
11 ore
Il taglio record nel bosco... dopato dallo scirocco
Una notte tempestosa all'origine del primato ticinese della produzione legnosa
LOSONE
21 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
CANTONE
1 gior
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile