«Così è dura, una star ha bisogno di tanto preavviso per venire in Ticino»
Ti-Press
CANTONE
30.07.20 - 21:120
Aggiornamento : 23:18

«Così è dura, una star ha bisogno di tanto preavviso per venire in Ticino»

Grandi eventi bloccati fino a marzo 2021? Un'eventualità che fa paura. A colloquio con lo specialista Gabriele Censi.

Ospite di piazzaticino.ch spiega: «Noi in questo momento non possiamo garantire nulla. È difficile portare avanti trattative anche con i manager».

LOCARNO - Niente grandi eventi, sopra le mille persone, fino a marzo 2021. È l'ipotesi sollevata negli scorsi giorni dal quotidiano "Tages Anzeiger". Il Governo federale starebbe valutando questa opzione come misura preventiva anti Covid. Tio/20Minuti ne ha parlato con Gabriele Censi, organizzatore di eventi e responsabile della GC Events, ospite di piazzaticino.ch.

Una reazione su questo possibile scenario?
«Sappiamo che è imminente una presa di posizione federale sul tema. Per ora è solo una speculazione. Ma non nascondo che ci preoccupa». 

Una speculazione che, in ogni caso, crea ansia. 
«Per portare una grande star in Ticino, bisogna lavorare con grande anticipo. Noi, come organizzatori, in questo momento non possiamo garantire nulla. È difficile portare avanti trattative anche con i manager». 

Di certo il limite delle mille persone in Svizzera resta almeno fino al 31 agosto. Il 12 agosto da Berna potrebbero arrivare nuove direttive. Intanto la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS) vorrebbe imporre lo stop ai grandi eventi almeno fino a fine 2020. Come state vivendo questa estate di attesa?
«In primavera ci eravamo messi il cuore in pace per quanto riguardava l'estate 2020. Ora le cose si complicano. Non possiamo aggiungere nuovi appuntamenti neanche per l'autunno. Lavoriamo anche nel resto della Svizzera. Diverse strutture sono in difficoltà, perché non sanno dirci quale sarà la capienza che si potrà avere tra qualche mese». 

Quanto vi preoccupa l'autunno?
«Abbastanza. Il pubblico ha bisogno anche di riabituarsi all'idea di tornare nei teatri, di acquistare biglietti in prevendita. Abbiamo messo in atto diversi posticipi. Varie manifestazioni sono state spostate a gennaio 2021. Regna l'incertezza totale. Ci si chiede continuamente qual è la data giusta per riposizionare un evento».  

Anche lo sport arranca. Il presidente dell'Hockey Club Losanna ha manifestato tutta la sua preoccupazione per i mesi a venire...
«Spesso si pensa che il mondo dell'intrattenimento sia poco importante. In Svizzera circa 275.000 persone lavorano in questo mondo, e almeno una persona su dieci ha a che fare con questo ambito. Ad esempio, i fornitori di servizi di sicurezza. Un sacco di aziende si trovano nei guai». 

Un appello alla politica?

«La salute pubblica sta comunque al primo posto. È chiaro che ci teniamo a fare capire che ci sono tantissimi interessi economici dietro al nostro settore. Ci sono stati dei sostegni statali. Anche le autorità non si aspettavano il perdurare di questa situazione. Dovesse continuare, il sostegno economico dovrebbe essere potenziato. Altrimenti tante medie imprese potrebbero morire. È importante che chi prende le decisioni, le prenda con le giuste misure». 

Ritorno alla normalità, status quo fino a marzo, oppure una terza via che il Consiglio federale starebbe considerando: la possibilità di grandi eventi su autorizzazione. Che ne pensa?
«Non la vedo così male. Potrebbero esserci compromessi interessanti. Permetterebbe di potere trovare soluzioni, di avere eventi con più di mille persone a determinate condizioni. Cerchiamo di rimanere ottimisti. E spero che la gente, una volta che tutto tornerà come prima, possa supportarci». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
7 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
9 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
9 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
12 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
18 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
19 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
20 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
20 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
21 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile