Facebook
CANTONE
29.07.20 - 10:300
Aggiornamento : 13:45

«Qualcosa di rosso sul Monte Leone», ma era una tenda

Proseguono le ricerche del parapendista 35enne ticinese disperso da sabato, anche da parte dei volontari.

Ieri gli elicotteri della Guardia di finanza hanno scattato foto a quote elevate, che verranno analizzate oggi in Svizzera.

LOCARNO - Cinque giorni. È il tempo trascorso dalla scomparsa, sabato 25 luglio, del 35enne ticinese decollato in parapendio da Cimetta. Le ricerche proseguono e la speranza di amici e conoscenti non si attenua.

Anche oggi saranno al lavoro polizia cantonale, Rega, Soccorso alpino svizzero ed enti di soccorso italiani e vallesani. L’utilizzo, ieri, di un elicottero Superpuma dell’esercito non ha purtroppo portato a risultati e oggi non verrà impiegato.

Dal lato svizzero proseguono le ricerche anche da parte dei volontari, che si coordinato su gruppi e social network. «Ogni controllo può essere utile. Binicolate, mappate le zone - scrivono -. Non andate da soli. Massima attenzione sempre. Avvisate quelli del Club alpino svizzero se, e dove vi spostate, comunicate tracciando su una mappa le vostre ricerche e fatele avere loro. Per qualsiasi segnalazione importante chiamare la polizia cantonale». E una mappa delle zone perlustrate dai volontari è stata pure condivisa online.

Anche sul versante italiano - con la coordinazione della Rega - è stato fatto un grosso lavoro di sorvolo dei territori in cui si ipotizzava potesse essere finito il parapendista, ma senza successo. L’apparecchio per la localizzazione satellitare, lo spot, aveva segnalato come ultima zona la Val Bognanco. «Informazioni che si sono rivelate poco utili - ci spiega Simone Bobbio, del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (CNSAS) -. Si tratta di una zona a 2’500 metri senza bosco. L’avvistamento sarebbe stato facile, ma non è avvenuto».

Ieri nei cieli italiani sono volati tre elicotteri: emergenza sanitaria con a bordo i tecnici del CNAS, vigili del fuoco e Guardia di finanza. «Sono state scattate delle foto sorvolando la zona a quote elevate e sono state caricate su un software impostato per l’individuazione di segni di colore rosso», quello della vela del 35enne ticinese. Le immagini verranno trasmesse in mattina alla Svizzera per essere analizzate. «Hanno scattato foto anche sul Monte Leone, a seguito della segnalazione di un signore che “vedeva qualcosa di rosso” - conclude Bobbio -. Ma l’analisi ha permesso di appurare che si tratta di una tenda montata da alcuni operai che lavorano in zona».

Per il momento, nulla da fare dunque. Le ricerche proseguono, sia quelle ufficiali che dei numerosi volontari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MURALTO/ LUGANO
10 min
Bocche cucite sui test non fatti sul corpo della vittima
Processo per il delitto in hotel: il giudice Ermani aveva "bacchettato" il medico legale. Nessuno al momento replica.
LUGANO
1 ora
«Io non giocherò più al calcio, ma ti spacco la faccia»
Torna la violenza nel calcio regionale. Ma l'origine del male risale a tanti anni fa.
CANTONE
1 ora
Gli universitari ticinesi tornano in classe: «È come ricominciare da capo»
Dopo un anno di studio da casa, condito da noia e solitudine, tre studenti ci raccontano il loro ritorno in aula.
CANTONE
7 ore
Massimo Suter passa all'UDC
La conferma arriva da un post pubblicato sulla pagina Facebook della sezione ticinese del partito
CANTONE
12 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
12 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
14 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
18 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
20 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile