Facebook
CANTONE
29.07.20 - 10:300
Aggiornamento : 13:45

«Qualcosa di rosso sul Monte Leone», ma era una tenda

Proseguono le ricerche del parapendista 35enne ticinese disperso da sabato, anche da parte dei volontari.

Ieri gli elicotteri della Guardia di finanza hanno scattato foto a quote elevate, che verranno analizzate oggi in Svizzera.

LOCARNO - Cinque giorni. È il tempo trascorso dalla scomparsa, sabato 25 luglio, del 35enne ticinese decollato in parapendio da Cimetta. Le ricerche proseguono e la speranza di amici e conoscenti non si attenua.

Anche oggi saranno al lavoro polizia cantonale, Rega, Soccorso alpino svizzero ed enti di soccorso italiani e vallesani. L’utilizzo, ieri, di un elicottero Superpuma dell’esercito non ha purtroppo portato a risultati e oggi non verrà impiegato.

Dal lato svizzero proseguono le ricerche anche da parte dei volontari, che si coordinato su gruppi e social network. «Ogni controllo può essere utile. Binicolate, mappate le zone - scrivono -. Non andate da soli. Massima attenzione sempre. Avvisate quelli del Club alpino svizzero se, e dove vi spostate, comunicate tracciando su una mappa le vostre ricerche e fatele avere loro. Per qualsiasi segnalazione importante chiamare la polizia cantonale». E una mappa delle zone perlustrate dai volontari è stata pure condivisa online.

Anche sul versante italiano - con la coordinazione della Rega - è stato fatto un grosso lavoro di sorvolo dei territori in cui si ipotizzava potesse essere finito il parapendista, ma senza successo. L’apparecchio per la localizzazione satellitare, lo spot, aveva segnalato come ultima zona la Val Bognanco. «Informazioni che si sono rivelate poco utili - ci spiega Simone Bobbio, del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (CNSAS) -. Si tratta di una zona a 2’500 metri senza bosco. L’avvistamento sarebbe stato facile, ma non è avvenuto».

Ieri nei cieli italiani sono volati tre elicotteri: emergenza sanitaria con a bordo i tecnici del CNAS, vigili del fuoco e Guardia di finanza. «Sono state scattate delle foto sorvolando la zona a quote elevate e sono state caricate su un software impostato per l’individuazione di segni di colore rosso», quello della vela del 35enne ticinese. Le immagini verranno trasmesse in mattina alla Svizzera per essere analizzate. «Hanno scattato foto anche sul Monte Leone, a seguito della segnalazione di un signore che “vedeva qualcosa di rosso” - conclude Bobbio -. Ma l’analisi ha permesso di appurare che si tratta di una tenda montata da alcuni operai che lavorano in zona».

Per il momento, nulla da fare dunque. Le ricerche proseguono, sia quelle ufficiali che dei numerosi volontari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Meglio la calca, o una multa da 90 franchi?
Per evitare i bus pieni, alcuni studenti del Cpt di Trevano optano per l'auto. Ma anche qui i problemi non mancano
FOTO E VIDEO
QUARTINO
3 ore
Fiamme in una carrozzeria: un operaio ricoverato
Il rogo è divampato attorno alle 18.30 in via Mondette. Ingenti i danni alla struttura
CANTONE
4 ore
«Sindaci ticinesi, uscite dal buco»
Giovanni Cossi, presidente della Conferenza dei sindaci del Malcantone, lancia un appello: «Salviamo il Cantone».
CANTONE
5 ore
Gastroticino: «Grazie Governo»
Soddisfatti bar e ristoranti per le scelte del Consiglio di Stato: «Così possiamo lavorare»
CANTONE
6 ore
Covid: scatta l'obbligo della mascherina all'aperto
La protezione sarà da adottare laddove le distanze non possono essere mantenute, in particolar modo nei mercati.
CANTONE
9 ore
Fregati dalla solitudine e dal bisogno di affetto
Col Covid-19 aumentano i rischi di truffe amorose. Il ricercatore Luca Brunoni si è trasformato in esca.
CANTONE
12 ore
Quando gli applausi non bastano più
Al via la settimana di protesta per migliori condizioni per gli operatori sociosanitari
CANTONE
12 ore
Una classe in quarantena al Liceo di Lugano 2
Ieri la misura era stata decisa anche per allievi della Scuola cantonale di commercio
CANTONE
13 ore
Coronavirus in Ticino: altri 147 contagi e 15 ricoveri in 24 ore
Negli ospedali ticinesi sono attualmente ricoverate 80 persone positive al coronavirus.
CANTONE
13 ore
Anche il Ticino avrà il suo rumorometro
È iniziata negli scorsi giorni la sperimentazione del congegno che informerà sul livello di rumore generato dai veicoli.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile