ARCHIVIO TI-PRESS
La dogana di Arzo, a due passi dal luogo della tragedia.
CONFINE / CANTONE
28.07.20 - 17:170

Saltrio, è morta la moglie del conduttore radiofonico che si è ucciso insieme alla figlia

La donna, affetta da una malattia degenerativa, aveva fatto sapere che avrebbe smesso di mangiare

SALTRIO - È morta nella sua casa la settantenne varesina, moglie dell'uomo di 74 anni che lo scorso 20 luglio si è ucciso insieme alla figlia di 31 anni, disabile al 100%, dopo aver scoperto di essere affetto da un male incurabile, nella casa di campagna a Saltrio, poco distante dalla dogana di Arzo.

La donna, allettata da tempo a causa di una malattia degenerativa, quando ha saputo della drammatica decisione del marito di togliersi la vita e portare con sé la loro figlia, si è lasciata andare, dichiarando che avrebbe smesso di mangiare.

La tragedia - Il 74enne, un noto giornalista in pensione ed ex voce notturna della Radiotelevisione svizzera, si era ucciso otto giorni fa insieme alla figlia con i gas di scarico della sua auto, parcheggiata nella loro casa di campagna nel Varesotto.

A trovare i due cadaveri nell'auto era stata la nipote, che aveva chiamato invano i soccorsi. La giovane era andata a cercarli su richiesta della zia, preoccupata per non aver sentito rientrare a casa marito e figlia.

Vicino ai loro corpi gli inquirenti avevano trovato il messaggio di addio dell'uomo, inciso su una cassetta e destinato alla moglie, ignara dell'angoscia che attanagliava il marito. L'uomo, che per anni ha condotto programmi di successo per RSI, aveva scoperto di essere affetto da una grave forma tumorale che non gli avrebbe lasciato scampo.

Secondo i primi accertamenti dei carabinieri, l'uomo non accettava l'idea di morire, abbandonando così la figlia cieca dalla nascita. Così, con la scusa di accompagnarla a un concerto di musica classica, grande passione della 31enne, l'ha portata nella casa di campagna. Poi l'ha stordita con del Valium, che ha assunto a sua volte, e si è chiuso con la figlia nel garage della casa di campagna, attendendo la morte con un cd di musica classica inserito nella radio dell'auto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Votazioni federali, le reazioni ticinesi
Se da "sinistra" c'è delusione per le due bocciature, i partiti di destra si dicono felici del risultato
FOTO
BOSCO GURIN
5 ore
«Ci prepariamo per operare su quattro stagioni»
A Bosco Gurin è partita la stagione “invernale”. Si resta in attesa della neve. Ma proseguono i lavori per la slittovia
MENDRISIO
7 ore
Diversi casi di Covid all’OBV, sospese le visite ai pazienti
I positivi registrati negli ultimi giorni all'Ospedale Regionale di Mendrisio hanno costretto a misure ulteriori.
CANTONE
7 ore
Covid: 210 positivi e 8 decessi
Il totale dei pazienti ricoverati in ospedale è di 347, di cui 43 in cure intense.
CANTONE
8 ore
Infermieri col Covid-19: l'EOC corre ai ripari
Circa 380 dipendenti dell'Ente sono a casa in isolamento o in quarantena. Assunto personale avventizio
CANTONE
10 ore
Il Ticino ha tanta voglia di pioggia
La nostra regione si trova da parecchio tempo sotto l'influsso di un anticiclone.
CANTONE / CONFINE
1 gior
Natale (forse) blindato? Coppie transfrontaliere in protesta
Lanciata una petizione indirizzata direttamente all'ufficio del premier italiano Giuseppe Conte
LOCARNO
1 gior
Visite ai pazienti Covid: ecco cosa cambia
Incontri in camera, di 15 minuti, uno alla volta, ogni due giorni. È vietato portare loro cibo o bevande
CANTONE
1 gior
Altri 246 casi nelle ultime 24 ore
Sette le persone che hanno perso la vita ieri a causa del Covid-19. C'è una nuova classe in quarantena
CANTONE / VATICANO
1 gior
Fondi vaticani, le "carte di Lugano" per chiarire lo scandalo
I documenti potrebbero portare a una svolta nelle indagini sul caso del "palazzo di Londra".
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile