Ti-Press
LUGANO
24.07.20 - 08:000
Aggiornamento : 10:04

«Animali sani soppressi con troppa facilità»

A sostenerlo è l'avvocato Christopher Jackson, dopo il caso del cane adottato e (subito) ucciso nel Mendrisiotto.

«I politici e le associazioni intervengano – sottolinea –. Bisogna cambiare le leggi federali. Intanto in Ticino i canili sono strapieni».

LUGANO - «In Svizzera è ancora troppo facile fare sopprimere un animale sano». A sostenerlo è Christopher Jackson, avvocato dell'Associazione Tutela e Difesa Animali di Lugano. Lo spunto arriva dal recente caso di una volontaria di un canile di Erba (Como), residente nel Mendrisiotto: dopo avere adottato un cane, lo ha fatto uccidere perché creava problemi di ordine pubblico. Il cane, un meticcio di nome Sturn, era cieco e sordo. Nonostante ciò, conduceva tutto sommato un'esistenza normale. Chi lo ha accolto in casa, ne era consapevole. Jackson non vuole entrare nel merito della vicenda specifica. Ma constata: «Qualcosa, a livello di legge, va cambiato». 

Cosa, nello specifico?
«Prima di tutto oggi, se io sono stufo del mio cane, anche se è sano, lo posso portare dal veterinario, chiedendo l'eutanasia. Tutto questo è inconcepibile. Per fortuna la maggior parte dei veterinari si opporrebbe a un'eventualità del genere».

Dunque?
«La legge federale dovrebbe regolare quali animali possono essere soppressi anche se sani. E con quali motivazioni. Dovremmo parlare solo della caccia o dell'allevamento agricolo, immagino».

Chi dovrebbe mobilitarsi per questo? 
«La politica e le associazioni legate agli animali. Da subito. Un animale non può essere soppresso senza motivo». 

Nel frattempo il caso del cane di Erba ha fatto scattare un'iniziativa cantonale, firmata da Sabrina Aldi e da Tamara Merlo...
«Bene. Speriamo porti a qualcosa di concreto. Già in passato c'era stato un tentativo di cambiamento della legge tramite un'iniziativa popolare, poi fallita. Spero che questa volta la sensibilità della gente non si limiti al caso specifico, ma sia più duratura e porti a reali modifiche del sistema. Vedremo».

In ogni caso, tornando al presente, quando si affida un cane a una persona dovrebbe esserci un accordo scritto...
«Sì. Un contratto di affido. Il nuovo proprietario non può disporre dell'animale come meglio crede. Né affidandolo a terzi, né arrivando a farlo sopprimere. In caso di difficoltà, bisognerebbe parlarne con la struttura che glielo ha affidato. Contratti del genere esistono già. Il problema è che non sono previste penali». 

Si sospetta che anche nel caso di Erba ci fosse un contratto. E per questo la volontaria avrebbe cercato di mentire sulle cause che l'hanno spinta a fare sopprimere il cane. 
«Su questo non mi posso sbilanciare. Sono informazioni che non ho». 

Quanti animali vengono uccisi senza un "motivo valido" in Svizzera oggi?
«Tanti. Anche se è difficile quantificare. Solo nel caso in cui c'è di mezzo una malattia come ad esempio la rabbia, serve una notifica al veterinario cantonale. La maggior parte dei casi, dunque, non viene calcolata. Di certo poi c'è anche un altro problema, in particolare in Ticino».

Vale a dire?
«I canili sono strapieni. Mancano strutture a cui affidare cani che, per un motivo o per l'altro, non si possono più tenere. Con le leggi permissive che ci sono, di conseguenza, un proprietario senza scrupoli può pensare facilmente anche all'eutanasia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
7 min
L'arte ti fa bella, ecco come rendere originale un città
Oggi in pensione, Stefan Ferretti è stato per anni tra i creatori delle installazioni artistiche che animano Lugano
CANTONE
10 min
La pandemia non spaventa gli amanti della Grecia
Poche o nulle le lamentele. Lo stesso per le cancellazioni.
CANTONE
9 ore
Scomparso Haylem Sissaui
È dal 22 di luglio che non si hanno sue notizie
LUGANO
10 ore
Abusi all'ex Macello: «Ha macchiato la vita di un bambino»
Condannato a 30 mesi e a una terapia stazionaria un 24enne del luganese
CANTONE / BERNA
11 ore
Le antiche faggete patrimonio dell'UNESCO
La foresta della Valle di Lodano è già oggi una riserva integrale.
LUGANO
12 ore
«Il tetto è caduto all'improvviso»
Il maltempo ha fatto solo danni, fortunatamente. Anche alla stazione di servizio Coop di Pambio-Noranco
CANTONE
13 ore
«Le tragedie del 2014 ci hanno fatto cambiare approccio»
Il primo bilancio dei danni del maltempo con il direttore del Dipartimento del territorio, Claudio Zali
LUGANO
16 ore
Servizio gratuito via lago fra Lugano e Porlezza
Il trasporto lacuale è stato rapidamente organizzato in risposta alla chiusura della strada fra Gandria e il confine.
FOTO
LUGANO
18 ore
Pensilina Coop crollata, non ci sono feriti
È il bilancio di quanto accaduto stamattina attorno alle 9.30 al nuovo benzinaio di Pambio-Noranco
CANTONE
20 ore
Altri 28 casi in Ticino, i ricoverati restano 12
Nel reparto di cure intense si trovano attualmente 4 persone. Ancora a zero i decessi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile