La Centrale Comune d'Allarme adesso è quasi a 360 gradi
Tio/20Minuti
Matteo Cocchi, comandante della Polizia cantonale, brinda con pompieri e autorità.
CANTONE
14.07.20 - 11:020
Aggiornamento : 12:43

La Centrale Comune d'Allarme adesso è quasi a 360 gradi

Anche i pompieri, col 118, sotto lo stesso tetto della polizia. Una svolta cruciale. Guarda il video.

Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato: «Importante unire nel medesimo luogo gli enti di primo intervento». Il "collega" Christian Vitta: «Sempre più performanti».

Una svolta cruciale per la Centrale Comune d'Allarme, situata a Bellinzona. Il luogo in cui confluiscono tutti i numeri di emergenza. Oltre a organi come la Polizia cantonale o le guardie di confine, ora anche i pompieri, con il numero 118, finiscono sotto lo stesso tetto. «È importante unire nel medesimo luogo le centrali di allarme e operative degli enti di primo intervento», ha spiegato ai media Norman Gobbi, presidente del consiglio di Stato e direttore del Dipartimento delle istituzioni. Gobbi aggiunge: «Negli ultimi anni stiamo facendo ampi sforzi per dotare la Polizia cantonale delle migliori strutture e per garantire la sicurezza in Ticino».

Tempestività ed efficienza – Christian Vitta, direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia, rafforza questo concetto. «Dallo scorso primo di luglio, il 118 è presente presso la Centrale. Quando si parla di richiesta di soccorso, tempestività ed efficienza devono essere imperative. Anche per dare sicurezza ai cittadini. Grazie all'introduzione di questo nuovo tassello, è nata una vera e propria cittadella della sicurezza. Risponde anche a una precisa volontà del Consiglio di Stato. I tempi di intervento saranno compressi. Anche per i pompieri, la gestione quotidiana degli allarmi sarà ulteriormente migliorata. Saranno quindi ancora più performanti».

Miglioramento della qualità – Corrado Tettamanti, presidente della Federazione pompieri Ticino, sottolinea: «Questo è un passo verso un miglioramento della qualità delle prestazioni fornite al cittadino e al territorio. Si tratta di avere un coordinamento immediato con uno dei maggiori partner nell'ambito della protezione della popolazione. Ci sono stati messi a disposizione strumenti innovativi». 

Oltre 400.000 chiamate all'anno – Interviene anche Matteo Cocchi, comandante della Polizia cantonale. «Festeggiamo l'arrivo di un nuovo membro all'interno della nostra Centrale. Un luogo che, nell'ultimo periodo, a causa del Covid-19, ci ha messi a dura prova. L'attività della Centrale è comunque aumentata col tempo, gestiamo circa 400.000 chiamate all'anno. Con l'arrivo del 118, avremo circa 35.000 chiamate annue in più. Ecco perché sono stati assunti tre nuovi collaboratori. Da qualche mese abbiamo anche assunto un nuovo tecnico che ci supporta dal profilo informatico». 

In arrivo pure il 144 – In futuro presso la Centrale di Bellinzona dovrebbe arrivare anche il 144. Vale a dire l'ambulanza, attualmente ancora a Breganzona. Gobbi conclude: «Quando una persona chiama i pompieri, compone il 118. Ma poi spesso deve intervenire anche la polizia. In seguito, forse, pure l'ambulanza. Un sistema come quello che stiamo mettendo in atto, permette un coordinamento ottimale tra i vari enti».

  

Tio/20Minuti
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Che il 144 sia a Breganzona o a Bellinzona cambia poco. La professionalità di questa centrale, riconosciuta a livello svizzero, è di tutt'altro livello rispetto a quella pomposamente pubblicizzata in questi giorni. A parte la struttura il personale che risponde è sempre lo stesso, e chi ha avuto a che fare , ricorda sicuramente le risposte ottenute. Una centrale di allarme non deve solo prendere nota di cosa fare, ma importantissimo è dare il supporto telefonico , nell'attesa dell'arrivo dei soccorritori: è in questi momenti che si possono fare ulteriori disastri. È per`strano che il cantone abbia nuovamente investito un pacco di soldi in una struttura , che con l'informatica può benissimo essere decentrata e separata.Purtroppo continua la volontà di voler concentrare tutto in un posto unico, dove l'assembramento di competenze poterà solo confusione. Chi opera sul terreno ben lo sà.
Tato50 1 anno fa su tio
@@@@Luca Capoferri Se ti brucia la casa chiama "telefono amico" -;(( Non ti hanno invitato che sei così polemico? -;(((
50bmg 1 anno fa su tio
Il 144 ha da sempre fornito, pur essendo centrale singola, un servizio di una qualità che 118 e 117 può solo sognare. Il motivo principale è molto semplice. Chi risponde è, al minimo, un soccorritore. Nulla da togliere agli operatori che si fanno in mazzo in Cecal (e si sono fatti il mazzo a Lugano nella "vecchia" CeCal118) ma si nota eccome, quando chi gestisce la telefonata è un pompiere.... Le misure immediate che un pompiere può consigliare, le informazioni in più che andrà a raccogliere dopo aver mobilitato e che comunicherà al Capo Intervento...cose che con tutta la buona volontà che può avere, un operatore chiamiamolo laico, non può sapere.
Cash596 1 anno fa su tio
In realtà anche il 144 funge da unico numero di emergenza. Una volta uno degli operatori mi ha raccontato che se chiami ad esempio il 118 o il 117 loro ti mandano i pompieri, rispettivamente la polizia. Invece se chiami il 144, oltre a mandarti l'ambulanza, possono mandarti di tutto, dalla polizia alle unità di intervento in caso di aree tossiche o contaminate. Mi ha consigliato che se hai bisogno di più unità di soccorso chiami il 144: con una chiamata loro possono inviarti tutto anche pompieri o rega.
Zarco 1 anno fa su tio
Per una volta Gobbi, fatto una buona cosa ...
Numeri primi 1 anno fa su tio
Dopo anni di discussioni finalmente stiamo per arrivare a fare la quadratura del cerchio con l’arrivo del 144 avremo in Ticino finalmente una struttura all’avanguardia nell’organizzazione del primo intervento. Complimenti a tutti gli attori che hanno creduto in questo progetto investendo molte energie per raggiungerlo.
Gio 1 anno fa su tio
@Numeri primi In pratica il 144 diventa il numero di riferimento per gli "allarmi", scritto in parole povere ? Leggo giusto ? il 144 ticinese sarebbe il 11 di cui sotto, corretto ?
Gio 1 anno fa su tio
Ottima iniziativa. Ora introduciamo un numero unico facile da ricordare che permetta di raggruppare anche le necessità, tipo 111. Tanto il centralino delle informazioni non esiste più. Bravi tutti e buon lavoro !!!
Tenero72 1 anno fa su tio
@Gio in realtá il numero unico d’emergenza c’é, é il 112, ed é attivo sia in Svizzera che nel resto Europa.
Gio 1 anno fa su tio
@Tenero72 Grazie, non lo sapevo !!! Ottima risposta, ti ringrazio di cuore !!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
32 min
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
LUGANO
1 ora
In piazza per l'autogestione: «C'è bisogno di nuovi spazi»
I manifestanti sono muniti di ombrelli, per ripararsi dalla «pioggia repressiva» delle autorità
SOLDUNO
4 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
5 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
19 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
20 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
20 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
21 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
23 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile