Immobili
Veicoli
Depositphotos (archivio)
CANTONE
10.07.20 - 18:150
Aggiornamento : 11.07.20 - 10:12

Padre despota condannato a 8 anni

Il 48enne siriano è stato ritenuto colpevole di tre tentati omicidi intenzionali

LUGANO - È stato condannato a 8 anni di carcere e 15 di espulsione dal territorio svizzero il cittadino siriano, processato alle Assise criminali di Lugano, per le violenze commesse su moglie e figli tra il 2015 e il 2018. Lo riferiscono i media ticinesi.

Il 48enne è stato in particolare riconosciuto colpevole di tre tentati omicidi intenzionali (su un totale di cinque episodi). Tutti e tre nei confronti dei figli.

Nel pronunciare la sentenza, il giudice Amos Pagnamenta - riporta la RSI - ha parlato di un «despota maniaco del controllo», sottolineando come «la violenza dell'imputato lascia interdetti». Anche «chi è abituato a trattare casi come questo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile